Profiling: perché Odile Vuillemin ha lasciato la serie?

Odile Vuillemin ha riflettuto molto prima di lasciare Profiling. Ecco le ragioni della sua scelta e cosa succede al suo personaggio, Chloé Saint-Laurent, dopo 6 stagioni da protagonista.

TF1 Chloé Saint-Laurent di Profiling

Dooo 6 stagioni, la protagonsta di Profiling Odile Vuillemin, interprete dell'amatissma Chloé Saint-Laurent, ha lasciato la serie.

L'annuncio arrivò ufficialmente nel dicembre del 2016, sebbene la Vuillemin ne avesse parlato già dal 2015, spiazzando i molti fan di una delle serie francesi più amate di tutti i tempi.

Ma cos'è successo?

Ricostruiamo le ragioni della scelta dell'attrice.

Perché Odile Vuillemin ha lasciato Profiling

Nel corso di un'intervista alla celebre rivista Le Parisien, l'attrice aveva spiegato la sua decisione di non tornare sul set di Profiling con queste parole:

Lascio Profiling. Ho bisogno di nuove sfide, di fare altre esperienze. Chloé mi ha aiutato ad aprirmi. Questo ruolo è stato in un certo senso terapeutico.

E ancora:

Dopo sette anni, penso di aver concluso il viaggio. La vita è movimento e io voglio esplorare altri mondi. La scelta è arrivata dopo un lungo processo di riflessione.

Ma c'è dell'altro. Alla fine della terza stagione, come ricorderete, l'attrice era ridotta quasi pelle e ossa. Pesava meno di 49 chili, lo stress causato dal grande impegno di una serie TV, com'è accaduto a molti altri attori, la stava consumando. Ciononostante, Odile aveva tenuto duro. Ma quando ha iniziato a capire che Chloé stava prendendo il sopravvento sulla sua vita, ha capito che doveva cambiare.

Non a caso, ha continuato la sua brillante carriera in TV, ma scegliendo principalmente film per la televisione o miniserie, e non ruoli fissi in una serie vera e propria: un impegno chiaramente minore, in termini di tempo, che le permette di riposarsi fra un impegno e l'altro.

Cos'è successo a Chloé Saint-Laurent?

Il personaggio di Odile Vuillemin è uscito di scena con un doppio episodio all'inizio della stagione 7 di Profiling, con il passaggio del testimone a Juliette Ruodet, che diventa protagonista con il personaggio di Adèle Delettre.

Odile Vuillemin ha collaborato con le creatrici della serie, Fanny Robert e Sophie Lebarbier, alla sceneggiatura del finale previsto per il suo personaggio.

Nel finale della sesta stagione, c'era stato uno scontro all'ultimo sangue che aveva portato alla morte di Antoine Garrel (Benjamin Baroche), che Chloé amava molto.

Mentre Adele (Juliette Roudet) ritrova la gemella Camille e scopre di avere un nipotino di 6 mesi, Ulysse, la squadra viene sconvolta da una rivelazione che riguarda Elikia (Thierry René), un esperto specializzato in traumi psicologici, che scopriamo essere il marito di Chloé.

I due si erano sposati molto tempo prima, e non si vedevano da anni. Convocato per lavoro, Elikia ritrova Chloé che, mentre stava scrivendo la sua tesi di dottorato, l'aveva incontrato e sposato per impedire che venisse rimandato in Congo proprio mentre c'era una guerra civile. Per Chloé era stato un gesto di affetto e protezione, ma Elikia era davvero innamorato di lei.

L'uomo arriva a Parigi con una proposta di lavoro per Chloé: lui dovrà lasciare il posto al centro di ricerca di New York dell'ONU sulle violenze perpetrate in guerra ai danni delle donne, e crede che Chloé sarebbe l'unica sostituta perfetta per quel ruolo. Chloé a quel punto decide di lasciare la sua vita in Francia e trasferirsi negli USA per dare il suo contributo al lavoro iniziato da Erlikia.

Dopo Profiling

Dopo l'addio alla serie che l'ha resa una star, Odile Vuillemin ha recitato in L'Emprise, serie incentrata sulle donne vittime di abusi che ha molto coinvolto l'attrice dal punto di vista emotivo. Sono seguiti Silent Crimes, Piégés, Un homme parfait, La dernière vague e Why I Live? con grande successo: il suo nome continua ad attrarre gli spettatori, garantendo ascolti soddisfacenti ai produttori.

E Profiling prosegue con una nuova protagonista, Juliette Roudet, promossa a star del programma dopo aver già recitato in diverse stagioni della serie.

  • Il personaggio di Odile Vuillemin, la criminologa Chloé Saint-Laurent, lascia la serie dopo 6 stagioni, nel doppio episodio che apre la stagione 7.

  • No, il personaggio di Odile Vuillemin esce di scena per volere della sua interprete, determinata a esplorare altre strade professionali. 

    Chloé non muore: si trasferisce a New York per lavorare presso il centro di ricerca delle Nazioni Unite.

Leggi anche

      Cerca