10 anni di Twilight: Stephenie Meyer, il successo della saga (e le divergenze sul set)

Eagle Pictures Una scena di Twilight

Twilight a novembre festeggia i suoi primi 10 anni. Lo straordinario successo della saga è stato indiscutibile ma la lavorazioneha incontrato problemi, imprevisti e anche divergenze.

È difficile credere che il tempo scorra così velocemente, ma Twilight quest’anno spegne le sue prime 10 candeline.

Il 21 novembre (data d'uscita negli USA, a parte la première del 17 novembre, e in Italia) il film festeggerà il suo decimo compleanno.

La saga cinematografica tratta dai romanzi di Stephenie Meyer è stata uno dei più grandi successi della fine degli anni Duemila e ha consacrato la carriera di due nuove stelle: Kristen Stewart, icona rock-chic, e Robert Pattinson, dal fascino malinconico e crepuscolare.

La storia è nota: Bella Swan è una ragazza adolescente che si trasferisce da Phoenix, dove abitava con la madre, alla cittadina di Forks, nello Stato di Washington per abitare con suo padre. Il cambio di clima non è l’unico trauma per la ragazza, che non socializza facilmente con i nuovi compagni di classe.

Proprio a scuola, però, incrocia un ragazzo di cui s’innamora (ricambiata) a prima vista: lui si chiama Edward Cullen e lei non immagina che in realtà è un vampiro centenario. L’intera saga sarà basata sull’amore impossibile e disperato dei due, che convincerà Bella a sposare Edward e a farsi trasformare in vampiro per vivere accanto al marito per l’eternità. 

In occasione del decimo anniversario del film, tra i fan sembra essersi riacceso un fortissimo interesse per la saga, ribattezzato dagli stessi Twilight Renaissance, ovvero il Rinascimento di Twilight.

Sono state organizzate numerose proiezioni speciali per celebrare il film e a Forks è stato organizzato persino un Festival a tema Twilight

Stephenie Meyer e la sua prima volta sul set di Twilight

Come ha riportato E!Online, l’autrice Stephenie Meyer ha preso parte a una proiezione celebrativa per il decimo anniversario della saga in cui ha risposto alle domande dei fan e ha confessato che, inizialmente, non avrebbe mai immaginato che Twilight avrebbe avuto un tale successo planetario.

Quando ho scritto questo [Twilight, n.d.r.] non pensavo che qualcuno lo avrebbe letto, a parte mia madre e mia sorella.

Invece la Meyer si è vista accolta dal calore e dall’affetto di tanti fan.

È davvero piacevole vedere volti sinceramente interessati. […] È bello tornare a vedere così tante persone ancora ricettive ed emozionate. 

Stephenie è stata disponibile a rispondere alle numerosissime domande dei fan, tra cui non sono mancati quesiti anche su curiosità come la sua prima volta sul set. 

La prima volta che sono stata sul set stavano girando la scena della caffetteria, dove Edward vede Bella per la prima volta. La mia più grande impressione è stata essere in mezzo a così tante persone…[non lo immaginava, n.d.r.], perché non ero mai stata prima di allora su un set cinematografico Non mi rendevo conto di quante centinaia di persone fossero necessarie per realizzare tutto e sentire che erano lì per me e la mia storia è stato davvero travolgente, è stato emozionante.

I segreti del dietro le quinte di Twilight

Abbiamo già parlato di tutte le ⤑curiosità e i segreti di Twilight e delle ⤑location della saga. Ma in occasione del decimo anniversario, la regista Catherine Hardwicke ha svelato a US Weekly altri aneddoti sul backstage del film.

La casa dei Cullen ha influenzato l’architettura contemporanea

Twilight Saga WikiaLa casa dei Cullen nel film Twilight
La casa dei Cullen

Edward Cullen vive in una maestosa casa nel cuore della foresta. La regista del primo film ha rivelato che, passando dall’abitazione due mesi fa, ha trovato 11 persone ferme ad ammirarla.

I proprietari attuali hanno informato la Hardwicke che gli studenti di architettura hanno realizzato qualcosa come 150mila bozzetti o disegni di case ispirate alle linee della dimora dei Cullen.

Sono stati ispirati dall’architettura e dalle linee pulite. È straordinario.

Kristen Stewart ha scelto la musica del prom 

Il ballo della scuola è un evento fondamentale nei licei americani e la musica del momento in cui Bella balla con Edward è stata scelta, quasi per caso, dalla stessa Stewart durante un momento di relax.

Eravamo in hotel e ho detto 'Dai, ricreiamo la scena del ballo, esercitiamoci un po'. 

La regista ha proposto un po’ di musiche e Kristen Stewart ha riconosciuto subito Flightless Bird, American Mouth di Iron & Wine, per cui ha espresso un grande entusiasmo.
La canzone è diventata poi quella ufficiale.

Bella sott’acqua

In New Moon c’è una sequenza con Bella Swan sott’acqua.

Catherine Hardwicke aveva pensato a qualcosa di simile anche per il primo film ma si è sentita rispondere picche: il budget non era abbastanza elevato. E lo stesso è valso per altre sue idee, come per combattimenti spettacolari e sequenze in CGI.

Amo comunque quello che abbiamo fatto. Ma mi sarebbe piaciuto poter fare un po’ di più.

Vampiri luccicanti

Eagle PicturesLa luccicante pelle dei Cullen
La pelle dei Cullen è una sapiente opera di trucco

Far luccicare in CGI la pelle dei vampiri (come avrebbe tanto voluto Stephenie Meyer) era troppo costoso. Per questo la troupe ha girato all’alba le scene dei Cullen che giocavano a baseball, e la regista ha spiegato di aver giocato molto con il make up. Ogni sessione è stata lunghissima e laboriosa.

Abbiamo testato tanti tipi di maquillage.

Nikki Reed non voleva essere bionda

Eagle PicturesNikki Reed è Rosalie in una scena di Twilight
Nikki Reed in versione blondie

La regista ha svelato anche che Nikki Reed, che interpretava Rosalie, era perplessa al pensiero di tingersi di biondo. Ma Catherine Hardwicke ha insistito.

[Le ho detto]: 'Nikki, ho visto i tuoi capelli schiariti dal sole. Puoi farcela'.

La regista aveva già lavorato con la Reed in Thirteen e ha raccontato di essere stata felicissima di ritrovarla su un altro set.

Le controversie tra la regista Catherine Hardwicke e Stephenie Meyer

GiphyBella ed Edward in Twilight
La coppia iconica di Twilight

A distanza di anni, Stephenie Meyer ricorda solo le cose belle di Twilight e la forte emozione della sua prima volta su un set.

Ma tra lei e la regista Catherine Hardwicke ci sono stati diversi disaccordi e incomprensioni.

La Hardwicke, intervistata da The Daily Beast, ha rievocato i momenti più negativi del suo lavoro, come il solito problema del sessismo a Hollywood nei confronti delle donne di potere, ma anche alcuni dissidi con l’autrice della saga.

La regista ha diretto solo quel capitolo, il primo, e ha raccontato che non sarebbe stata ingaggiata se qualcuno avesse previsto l’enorme successo della pellicola.

Non hanno ingaggiato donne per gli altri capitoli, né in altri franchise young adult.

Riguardo alla Meyer, non era d’accordo con l’idea della regista di diversificare il cast e modificare leggermente i personaggi.

Probabilmente non vedeva il mondo [Twilight, n.d.r.] in quel modo. E io ero come Dio [in quel contesto, n.d.r.], volevo i vampiri, li volevo tutti, Alice, [per esempio] volevo che fosse giapponese! Ho avuto tutte queste idee. Ma lei non poteva accettare che i Cullen fossero diversi, perché li aveva concepiti nella sua mente, sapeva che ogni personaggio rappresentava in un modo o nell’altro un amico, un parente o qualcosa del genere. 

Un esempio? Secondo l’autrice, era fondamentale che i personaggi vampiri avessero sempre una pelle pallidissima e luccicante.

Twilight Renaissance – Le opinioni dei fan

In dieci anni sono cambiate molte cose, e non parliamo solo dei capelli di Kristen Stewart e del curriculum di Robert Pattinson. Anche gli utenti si rapportano in modo diverso ai film o alle serie, esprimendo sui social le proprie opinioni o creando meme al riguardo.

BuzzFeed ha riportato alcune reazioni dei fan rispetto al rinnovato interesse per Twilight e c’è chi accusa l’industria cinematografica di aver snaturato la storia e soprattutto stemperato tutti gli aspetti che alludevano a omosessualità o convivenza multietnica.

Ad esempio, il personaggio di Bella avrebbe dovuto avere una maggiore ambiguità: nel libro non è mai stata descritta come omosessuale, ma in ogni caso suggestionabile anche dal fascino femminile. Ad esempio, su Tumblr si parla della sessualità della protagonista:

Bella teoricamente pensava che Rosalie fosse sexy, se non addirittura più sexy di Edward.

Qualcun altro invece ha protestato contro la scrittura del personaggio di Jacob e dei velati messaggi omofobi e razzisti.

Twilight: Eclipse o 'Come dimostrare uno sfacciato razzismo o xenofobia ti rende un amante migliore in 10 semplici passi'. Odiare qualcuno per quello che è lui o la sua famiglia non fa di un personaggio qualcosa di buono.

Anche voi siete fan della saga? Quale di questi retroscena vi ha colpito di più?

      Cerca