Facebook brevetta una tecnologia che predice gli spostamenti degli utenti

È risaputo che Facebook faccia affidamento sui dati degli utenti, come quelli di localizzazione. Un nuovo brevetto descrive una tecnologia in grado di utilizzare tali informazioni per predire le destinazioni degli utenti. Vi sentite spiati?

Facebook è una piattaforma social e per tale motivo ha bisogno e utilizza i dati che gli iscritti, volutamente o meno, forniscono. Ebbene, la creatura di Mark Zuckerberg & co. potrebbe dare in pasto a una nuova tecnologia i dati di localizzazione degli spiatissimi utenti.

Scoperta da Buzzfeed News, nella domanda di brevetto viene descritta una tecnologia chiamata Offline Trajectories in grado di utilizzare a proprio favore i login di localizzazione degli iscritti alla piattaforma per predire la prossima destinazione.

Una tecnologia che si basa anche sulle abitudini e che si sposa con quella descritta in un altro brevetto chiamato Location Prediction Using Wireless Signals on Online Social Networks. Quest'ultima sfrutta la potenza dei segnali Wi-Fi, Bluetooth ed NFC per predire la destinazione successiva anche sulla base di gruppi di utenti che hanno in comune età ed interessi.

Lo scopo di tali tecnologie è ben chiaro. Grazie alle informazioni ottenute, Facebook può "personalizzare" la bacheca degli utenti, con annunci mirati in base a posizione, interessi e abitudini.

Leggi anche

      Cerca