NASA: 'Forse la Luna è nata dalla materia del pianeta Terra'

Un nuovo studio, guidato da Kevin Righter dell’ARES, teorizza che la Luna potrebbe essere nata a partire dalla materia che costituisce il pianeta Terra.

NASA La Terra vista dalla Luna

Vi avevamo già parlato della teoria dell’impatto gigante proposta nel 1975 da William Hartmann e Donald Davis, secondo cui l’impatto fra Theia (corpo celeste delle dimensioni di Marte) e la Terra avrebbe generato il materiale necessario per la formazione della Luna.

Tale impatto si sarebbe verificato all’incirca 4.5 miliardi d’anni fa, non molto dopo la nascita del nostro sistema solare.

Alcuni ricercatori della NASA però hanno elaborato una nuova teoria al riguardo, in base alla quale la Luna sarebbe costituita dalla stessa materia della Terra, con la possibilità dunque che il nostro satellite naturale possa essersi formato proprio dalla Terra stessa.

NASAUn'immagine della Luna fornita dalla NASA
Una meravigliosa immagine della Luna fornita gentilmente dalla NASA

Lo studio in merito, guidato da Kevin Righter dell’ARES (Astromaterials Research and Exploration Science Division) ed effettuato nel Lyndon B. Johnson Space Center, in Texas, ha portato a dei risultati a dir poco sensazionali.

Un modello della Luna elaborato dagli addetti ai lavori ha simulato la formazione della stessa a partire da 14 elementi volatili, presenti in alcuni campioni portati sulla Terra grazie al programma Apollo, trovando così grande riscontro fra gli elementi terrestri e quelli lunari.

Tale riscontro però non si ha per 5 fra gli elementi confrontati. Ciò starebbe a significare che gli elementi in questione, in seguito all’impatto fra il nostro pianeta e Theia, non si sono aggregati, separandosì così dalla materia che avrebbe poi costituito la Luna.

Righter ha commentato così i dati finora ottenuti, in occasione di un comunicato stampa della NASA:

Simulando quello che si pensa sia stato il processo che ha dato il più importante contributo alla formazione della Luna, siamo stati in grado di predire la concentrazione di ciascun elemento che dovrebbe essere presente nel mantello lunare.

Per avere conferma della nuova ipotesi dei ragazzi della NASA, saranno però necessarie ulteriori ricerche in merito. C’è dunque la possibilità in futuro di dover guardare la Luna in modo completamente diverso, ma non resta che attendere ulteriori sviluppi.

E voi che ne pensate? Credete che la Luna possa davvero avere origini terrestri?

Leggi anche

      Cerca