È morto Oreo, il procione che ha ispirato il design di Rocket Raccoon in Guardiani della Galassia

Addio a Oreo, la mascotte di Guardiani della Galassia. È stato il procione che ha ispirato il design di Rocket Raccoon nel film di James Gunn.

Il Marvel Cinematic Universe piange una delle sue mascotte: è morto, all'età di 10 anni, il procione Oreo, l'animale che ha ispirato il design di Rocket Raccoon nel cinecomic Guardiani della Galassia.

È stata la pagina ufficiale del film Marvel a dare il triste annuncio, condividendo lo struggente post di addio all'animale di Quinta Layla, proprietaria del procione che nel 2014 fu immortalato accanto al regista James Gunn sul red carpet dell'anteprima mondiale del film con protagonisti Chris Pratt e Zoe Saldana.

Guardiani della Galassia: addio a Oreo, il "vero" Rocket Raccoon

"I nostri cuori sono a pezzi"; scrive Layla nello straziante messaggio di addio a Oreo, descritto come un animale speciale, capace di far felici tutte le persone che ha incontrato durante i suoi 10 anni di vita, dagli anziani ai bambini malati negli ospedali. Un vero e proprio supereroe, amatissimo, strappato all'affetto dei suoi cari da una breve malattia.

Oreo è stato fondamentale nella realizzazione di Rocket Raccoon, il procione dinamitardo che in Guardiani della Galassia incrociava sulla propria strada quelli che sarebbero poi diventati i suoi migliori amici, dallo stravagante Star-Lord allo scemo forzuto Drax il Distruttore.

Il personaggio di Rocket Raccoon, outsider dei fumetti Marvel, è stato creato nel 1976 da Keith Giffen e Bill Mantlo. Nei due film diretti da James Gunn, così come nell'epico Avengers: Infinity War, è Bradley Cooper ad aver prestato la voce al guerriero peloso (nella versione italiana è il doppiatore di Cooper, Christian Iansante). Rivedremo il beniamino di Guardiani della Galassia nell'atteso Avengers: Endgame. 

Leggi anche

      Cerca