In arrivo nuovi dispositivi ibridi, il primo di Nubia al MWC2019

Al Mobile World Congress 2019 la presentazione del Nubia A, un dispositivo ibrido a metà tra uno smartphone e uno smartwatch. Seguirà il suo esempio anche TCL, come rivelano alcune domande di brevetto.

Nubia Immagine stampa di Nubia A

A breve prenderà il via il Mobile World Congress di Barcellona (dal 25 al 28 febbraio), una delle fiere tech più attese dell'anno. Sono attesi smartphone pieghevoli, su tutti quello di Samsung, e con il foro, la più gettonata alternativa alla tacca lanciata da Apple con iPhone X. Cercheranno tuttavia di ritagliarsi il proprio spazio anche i dispositivi ibridi, come quello che presenterà Nubia.

Dopo averne mostrato un prototipo a IFA 2018, il produttore cinese presenterà Nubia A il 25 febbraio. Si tratta di un dispositivo indossabile, come se fosse un bracciale, munito di display e fotocamera, in grado di effettuare o ricevere chiamate.

NubiaImmagine del prototipo di Nubia A

L'interfaccia del sistema operativo sposa le dimensioni e il form factor del display, che si estende solo su una porzione del cinturino. La cassa ospita fotocamera, due pulsanti laterali e, nella parte interna, il connettore per la ricarica e un sensore utile durante l'attività fisica e per il monitoraggio.

NubiaImmagine promozionale del Nubia A

Nubia ha pubblicato nel 2018 un video con protagonista il prototipo di Nubia A, che in quanto tale, potrebbe essere leggermente diverso nella versione finale del prodotto.

Dopo Nubia, anche TCL

L'azienda cinese, conosciuta più che altro per i suoi televisori a basso costo, sta lavorando a ben cinque dispositivi con display flessibili: due tablet, due smartphone e un ibrido, ovvero uno smartphone che può essere indossato al polso, come uno smartwatch. La notizia arriva da CNET, che avrebbe avuto accesso ad alcune domande di brevetto presentate dal TCL.

TCLConcept dei cinque dispositivi con display flessibile su cui sta lavorando TCL

Le soluzioni che sta studiando TCL confermano il forte interesse del mercato verso gli smartphone pieghevoli, poiché quelli "standard" a cui siamo abituati sembrano avere oggi ben poche reali novità da offrire. Un pensiero condiviso sia da colossi tech che da aziende più piccole. Infatti Samsung presenterà a breve il suo tanto atteso smartphone pieghevole (Galaxy F?), Google sta lavorando per integrare in Android il supporto ai nuovi design, e Royole ha già lanciato sul mercato il suo FlexPai, dispositivo pieghevole da quasi 1,400 dollari.

Le immagini confermano le intenzioni di TCL, che potrebbe invadere questa poco popolata fetta del mercato già nel 2020. È davvero questo il futuro degli smartphone?

Leggi anche

      Cerca