#FreeBritney: che cosa sta succedendo a Britney Spears?

Facciamo il punto della situazione su #FreeBritney, l'hashtag diventato virale dopo il ricovero della star in un istituto per malattie mentali. È stata costretta?

Anirudh Koul, CC BY-NC 2.0 Britney Spears nel 2019 durante un concerto

Nel mese di aprile su tutti i social ha fatto la sua comparsa un nuovo hashtag: #FreeBritney, liberate Britney. Renderla libera da cosa esattamente? Cosa sta succedendo a Britney Spears?

Partiamo dall'inizio e ripercorriamo le tappe che hanno condotto i fan della cantante a credere che la loro beniamina abbia bisogno di tutto l'aiuto possibile.

Il ricovero in clinica e il ritiro dalle scene

Nei primi giorni d'aprile è stata resa pubblica la decisione della principessa del pop di entrare volontariamente in un istituto di salute mentale per riprendersi dallo stess psicologico che la malattia del padre le ha causato. È stata divulgata infatti la notizia che, mesi prima, Jamie Parnell Spears sia stato in cura dopo essere quasi morto a causa della perforazione del colon.

In un post su Instagram, datato 3 aprile, l'artista americana ha scritto di aver bisogno di dedicare un po' di tempo a se stessa e alla propria salute psicofisica.

Una fonte ha risposto alle domande di E! News confermando che Britney Spears si è recata in clinica in completa autonomia:

Britney ha deciso di farlo di sua volontà. Aveva accumulato molto stress per la faccenda del padre, ma entrambi stanno molto meglio ora. La nostra speranza è che già la prossima settimana le cose siano più stabili, ma per il proprio bene resterà nella struttura ancora per qualche tempo.

La notizia è arrivata a pochi mesi di distanza da quella che annunciava il ritiro di Britney dalle scene a tempo indeterminato.

Era gennaio quando la cantante di Baby One More Time ha pubblicato un post su Instagram in cui ha scritto che avrebbe interrotto il progetto per il suo secondo residency show, Britney: Dominaton, che si sarebbe dovuto svolgere al MGM Park Theatre di Las Vegas.

Non mi esibirò nello show Domination. È importante mettere sempre la famiglia al primo posto... e questa è la decisione che dovevo prendere. Un paio di mesi fa, mio padre è stato ricoverato in ospedale ed è quasi morto. Siamo tutti veramente grati che ne sia uscito sano e salvo, ma la strada per la guarigione è ancora lunga. Ho dovuto prendere la difficile decisione di dedicare tutta la mia attenzione e le mie energie alla mia famiglia in questo momento. Spero che tutti voi possiate capire.

Il supporto dei fan e della famiglia

Anche se i fan sono rimasti delusi dall'annullamento dello show, hanno capito che il benessere della famiglia oggi è la priorità di Britney. Sanno che la cantante sente di dovere molto a suo padre, che considera l'uomo che le ha salvato la vita. Era il 2007 quando Britney soffrì di un crollo psicologico e Jamie si prese cura di lei, diventando il suo tutore legale insieme all'avvocato Andrew Wallet.

Proprio per questo, i fan si sono dimostrati comprensivi, così come la famiglia e gli amici.

Il fidanzato Sam Asghari l'ha elogiata sui social media, scrivendo sulla sua Instagram Story:

Non è debolezza, è un segno di forza assoluta, le persone dovrebbero essere solo ispirate da Britney, io perlomeno lo sono.

L'ex marito Kevin Federline, padre dei due figli Sean Preston e Jayden James, ha detto a Entertainment Tonight:

Mi congratulo con Britney per aver riconosciuto la necessità di fare un passo indietro. Sta affrontando la situazione in modo ragionevole e responsabile.

Anche Lynne Spears, madre della cantante, ha commentato la decisione della figlia, incoraggiandola a non arrendersi di fronte alle difficoltà.

Continua ad andare avanti, non importa quanto siano brutte le cose in questo momento, non importa quanto tu ti senta bloccata, quanti giorni tu abbia trascorso a piangere, non importa quanti giorni abbia passato a desiderare che le cose fossero diverse. Non importa quanto tu ti senta triste e depressa in questo momento. Ti prometto che non ti sentirai così per sempre. Continua così.

Chi avrebbe potuto biasimare Britney per la scelta fatta? Ma allora, perché è nata l'idea che ci fosse qualcosa di strano nel ricovero della Spears? Come siamo passati dal supportarla al temere per la sua autonomia?

Le preoccupazioni dei fan

Tutto è iniziato quando alcuni fan hanno notato che Britney ha via via preso le distanze dai social media. Un comportamento normale per chi vuole dedicare del tempo alla famiglia, ma i sostenitori della cantante ci hanno trovato qualcosa di sospetto. Perché, se suo padre si è ammalato mesi fa, molto prima dell'annuncio della pausa che Britney si è presa dal lavoro, i post su Instagram si sono interrotti solo dopo il suddetto annuncio?

In secondo luogo, si sono preoccupati del fatto che la cantante non sia stata vista in giro dal 7 gennaio, giorno in cui i paparazzi l'hanno fotografata in compagnia di Sam davanti a un fast food.

Inoltre, perché Wallet, che dal 2007 ha lavorato per far sì che la carriera di Britney continuasse, ha presentato alla corte dei documenti per ritirarsi dal ruolo di suo tutore, lasciando tutta la responsabilità nelle mani di Jamie Spears?

Pare che i fan non riescano a credere alle parole dell'avvocato, secondo cui:

La mansione comporta numerose attività che richiedono immediata attenzione, per cui è nell'interesse della cliente che l'accettazione delle dimissioni di Wallet avvenga senza indugio.

Il podcast di Tess Barker e Barbara Gray

Se questo non fosse abbastanza, i dubbi nelle menti dei fan più accaniti sono stati alimentati dalle comiche Tess Barker e Barbara Gray, che nel podcast Britney's Gram hanno lanciato la bomba: Britney è in clinica contro la sua volontà.

Il duo comico avrebbe ricevuto una soffiata da "una fonte anonima ma affidabile" che avrebbe scoperto, tramite la sua rete di conoscenze, che il ricovero di Britney sarebbe stato forzato

Ecco cos'ha detto l'anonimo in questione:

Dire che ciò che sta accadendo è inquietante è un eufemismo. Praticamente, Britney stava facendo le prove per Domination quando il Jamie ha scoperto che la figlia non stava prendendo le medicine che le vengono prescritte. Aveva smesso di prenderle da un po', così è stata portata da un medico. Il dottore ha detto: 'Se non vuoi questi farmaci te ne darò di diversi'. Britney però si è rifiutata di prendere le nuove medicine e Jamie ha detto: 'O le prendi o dici addio al tuo spettacolo'. Britney non ha accettato, così Jamie ha fatto esattamente come promesso, ha annullato lo show e ha suggerito a Britney di 'dare la colpa alla mia malattia'.

Inoltre, secondo la fonte, Britney sarebbe ricoverata da più tempo del previsto, ossia da metà gennaio. A ciò si aggiungerebbe l'assenza di una data che segni la conclusione della terapia.

Lei non voleva andarci. Per quanto ne so non è una decisione che ha preso lei.

E così è nato il movimento #FreeBritney.

Le prove a supporto della tesi

In seguito alla diffusione del podcast, a catturare l'attenzione dei fan è stato l'atteggiamento della madre di Britney. Lynne Spears, che ha divorziato dal marito nel 2002 per poi riconciliarsi nel 2010, ha lasciato diversi "like" online a post che sostengono la teoria della reclusione forzata.

In particolare, quando Jamie Lynne è stata accusata di non fare abbastanza per aiutare la sorella Britney, la madre delle due star ha lasciato un "mi piace" al commento in questione, suscitando l'interesse generale.

Ha poi pubblicato sul proprio account Instagram una foto con una citazione bizzarra: 

Quando i guerrieri di Dio cadono in ginocchio, la guerra non è finita, è appena iniziata.

Sotto il post ci sono centinaia di commenti che implorano che Britney venga aiutata e liberata. E molti di questi sono stati apprezzati da Lynne, portando i più a credere che la donna sostenga l'hashtag #FreeBritney.

La prova schiacciante sarebbe però un articolo pubblicato da The Blast subito dopo l'uscita dell'allarmante podcast.

Nel pezzo leggiamo che una fonte che conosce bene la situazione ha affermato che già tra agosto e ottobre 2018 Britney era fuori controllo. La sua salute mentale era peggiorata a tal punto che, senza le cure adeguate, sarebbe morta.
Malgrado ciò, lo spettacolo in programma è stato cancellato solo a gennaio.

Jamie si sarebbe reso conto della gravità della situazione e avrebbe preso di conseguenza la sua decisione. L'idea di usare la malattia di Jamie come scusa sarebbe invece un'idea del team che lavora con lui e Britney.

La protesta

A questo punti, i fan più affezionati hanno organizzato una protesta in California. Quando l'hashtag è diventato popolare, è stato facile raccogliere consensi e dare vita a un corteo lunedì 22 aprile a Los Angeles, di fronte al West Hollywood City Hall.

Sono scesi in strada in molti con tanto di cartelloni.

Le uscite dalla clinica

Comunque siano andate le cose, a Britney è stato permesso di uscire in giorni prestabiliti.

Secondo E! News, Britney è stata avvistata in un salone di bellezza il giorno 11 aprile e le fonti dicono che "sembrava contenta e felice di tagliarsi i capelli".

Per il giorno di Pasqua, poi, lei e il fidanzato Sam sono stati fotografati insieme al Montage Beverly Hills Hotel, dove avrebbero trascorso una giornata piacevole e rilassante.

La risposta di Britney

Infine, dopo la tempesta mediatica e le svariate teorie, è arrivato il commento della diretta interessata in un video pubblicato su Instagram.

La star si è rivolta a tutti quelli seriamente preoccupati per lei e ha detto:

La mia famiglia ha dovuto combattere con ansia e stress ultimamente, per cui avevo bisogno di tempo per guarire. Ma non preoccupatevi, tornerò presto.

Il breve video è accompagnato da una didascalia in cui Britney ha articolato meglio la situazione, che ha definito "unica". Le difficoltà che sta affrontando sono rese ancora più difficili da tutte le cose dette, che secondo la cantante sono "fuori controllo". E come se questo non fosse abbastanza, la cantante e la famiglia hanno ricevuto minacce di morte dopo la esplosione dell'hashtag.

Sto cercando di prendermi del tempo per me stessa, ma ciò che sta succedendo rende tutto più difficile. Non credete a tutto ciò che leggete e sentite. La mia situazione è unica nel suo genere, ma giuro che sto facendo del mio meglio. Forse non lo sapete, ma sono forte e combatto per quello che voglio!

Ha concluso infine ribadendo il bisogno di restare lontana dai riflettori e di godere di un po' di privacy per affrontare gli aspetti più duri della vita.

--

Immagine di copertina: "Britney Spears Concert Montreal - Which Shampoo Does Britney Use?" by Anirudh Koul is licensed under CC BY-NC 2.0

      Cerca