La forma dell'acqua: le frasi più belle e il mistero dei versi finali

20th Century Fox La forma dell'acqua

Una storia romantica che, nella sua struttura, riprende La bella e la bestia, ma la arricchisce con l'immaginario onirico di Guillermo del Toro. Le citazioni più belle del film.

Premiato al Festival di Venezia, vincitore di 4 premi Oscar e di 2 Golden Globes, La forma dell’acqua è stato uno dei grandi successi cinematografici del 2017.

La storia d’amore tra una donna muta e una creatura marina, opera del genio visionario che risponde al nome di Guillermo del Toro, ha incantato gli spettatori grazie a una recitazione formidabile, ad atmosfere oniriche e a una colonna sonora così bella da essersi aggiudicata una delle quattro statuine di cui sopra.

Da questa vicenda romantica ambientata negli anni della Guerra Fredda abbiamo selezionato alcune delle frasi più belle per voi. Buona lettura!

20th Century FoxLa Forma Dell'Acqua

Le citazioni dal film

“Gli uomini bassi sono cattivi… forse non arriva abbastanza aria là sotto.”

 

“Se parlassi di questo, se lo facessi… che cosa vi direi? Chissà… vi direi quando è accaduto. È successo tanto tempo fa durante gli ultimi giorni di regno di un Principe giusto… o vi dovrei parlare del luogo? Una piccola città vicino alla costa, ma lontano da tutto il resto… o non lo so, vi parlerei di lei la principessa senza voce o vi metterei  solo in guardia sulla veridicità di questi fatti e sulla favola dell’amore e della perdita e del mostro che voleva distruggere ogni cosa…”

 

“A volte penso di essere nato troppo tardi o troppo presto per il mio tempo. A volte penso che siamo reliquie tutti e due.”

 

“Quando mi guarda, lui non vede quello che mi manca o quanto io sia incompleta. Lui mi vede per quel che sono.”

 

“Alcune delle menti più brillanti del paese pisciano sul pavimento. Pure sul soffitto… ma come ci arrivano? Quanto gli serve grande per non farla fuori?”

 

“Mai fidarsi di un uomo neanche quando sembra piatto là sotto.”

 

“Sincronizzerò i nostri orologi, come nei film.”

 

“Questa creatura è intelligente, capace di imparare un linguaggio e capire le emozioni.”

 

“Ci vogliono tante bugie in un matrimonio.”

20th Century FoxFrame dal film

La misteriosa poesia finale

E infine, ecco la poesia che chiude il film:

Incapace di percepire la forma di Te,

ti trovo tutto intorno a me.

La tua presenza mi riempie gli occhi del tuo amore,

umilia il mio cuore,

perché tu sei ovunque.

O, in inglese:

Unable to perceive the shape of You

I find you all around me.

Your presence fills my eyes with Your love,

It humbles my heart,

For You are everywhere.

Questi versi sono tratti, come ha raccontato lo stesso regista, da una poesia islamica. Risalire però al testo completo e originale sembra missione così impossibile che, sul web, in molti si sono cimentati nell’impresa.

Secondo alcuni si tratta di versi del poeta mistico Sufi del XXIII secolo Rumi; secondo altri sono opera del monaco bizantino Symeon the New Theologian. C’è poi chi sostiene che sia Del Toro stesso l’autore di questi versi, salvo poi inventare la storia del libro aperto per caso in una libreria, poco prima di lavorare sul set.

Pare però che l’attribuzione più veritiera sia quella che indica come autore dei versi il poeta mistico sufi Hakim Sanai, autore del  grande poema The Enclosed Garden of Truth. La traduzione dell'opera che più si avvicina alla citazione riportata nel film sembra essere quella di Priya Hemenway.

 

Queste sono le frasi più belle del film, anche se la sua forza e la sua poesia si nascondono nei silenzi, nei versi della creatura, nell’intensità di Elisa, nei rumori dei gusci d’uovo sodo che si spezzano.

E voi, avete visto la forma dell’acqua? Qual è il momento che più vi ha emozionati?

Leggi anche

      Cerca