Calamaro gigante: la prova video che ne immortala l'esistenza

Un team di ricercatori ha immortalato un calamaro gigante nelle acque di Golfo del Messico a una profondità di mille metri. Il video è la prova definitiva dell'esistenza di questa specie

NOAA Un fotogramma del video che mostra il calamaro gigante

Un tempo animale mitologico, abitante degli abissi profondi, che entrava spesso in conflitto con l’essere umano; oggi animale documentato e riconosciuto dalla comunità scientifica: il calamaro gigante non è più una leggenda da pescatori ma una realtà.

A filmare la prova definitiva dell’esistenza di questo incredibile animale è stato nel 2004 un team di ricercatori del Museo Nazionale del Giappone e dell’Associazione Whale Watching. Oggi, però, la ricerca su questo particolare abitante delle profondità marine compie un nuovo passo in avanti.

L’obiettivo che regala al mondo una nuova prova documentata è stato quello della National Oceanic Atmospheric Administration (NOAA), durante una missione esplorativa a mille metri di profondità nelle acque del Golfo del Messico.

Il team si è avvalso di uno strumento chiamato Medusa, ovvero una telecamera a infrarossi a cui è stata legata una sorta di medusa elettronica che funge da esca per attirare l’attenzione della fauna degli abissi. Questo particolare strumento ha permessi di attirare l’attenzione del calamaro gigante riuscendo laddove molti hanno fallito.

NOAAUn'immagine del sistema Medusa

Questo sistema ha permesso di catturare per un istante (lo potete vedere qui sotto) un giovane esemplare che si stima essere di 3,7 metri. Infatti, le dimensioni da adulto di questa specie raggiunge i 10 metri per le femmine e i 13 metri per i maschi. Sebbene le leggende narrino di calamari da 25 metri, non è stata mai trovata nessuna prova scientifica a sostegno di questa tesi.

Leggi anche

      Cerca