Game of Thrones: nuovo vessillo per gli Stark e altre anticipazioni dal set prequel

Non solo nella serie prequel di Game of Thrones ci saranno gli Stark, ma avranno anche un vessillo diverso. Dal set delle riprese italiane emergono nuovi, elettrizzanti dettagli sullo spin-off.

Polemiche o no, quanto manca Game of Thrones? Una misura del vuoto lasciato dalla serie cult di HBO la offre la pioggia di immagini e foto rubate dal set italiano della serie prequel. Lo spin-off intitolato (temporaneamente?) BloodMoon sta effettuando le riprese a Gaeta e a quanto pare ha qualche problema di sicurezza.

Appassionati, curiosi e veri e propri cacciatori di anticipazioni sembrano avere facile accesso alla location scelta da HBO per girare il pilot e dai loro scatti stanno emergendo diverse informazioni interessanti.

Tra i dettagli che stanno alimentando di più l'hype c'è sicuramente il nuovo sigillo degli Stark (che saranno protagonisti dello show, come aveva confermato George R.R. Martin). Anche se, in realtà, forse sarebbe più corretto parlare di "vecchio", dal momento che la serie è ambientata migliaia di anni prima di GoT.

Comunque sia, il simbolo dell'antica e nobile casata di Westeros è sempre un metalupo. Ma per quello che si può vedere dalle immagini catturate da GoTlike Locations, il disegno è meno raffinato, come a volere sottolineare la sua natura primitiva:

Non solo. Il sigillo degli Stark sventola su una imbarcazione che ricorda molto da vicino quelle dei vichinghi:

Secondo Watchers on the Wall, questo potrebbe significare che gli antenati di Lord Eddard erano guerrieri e probabilmente avevano un loro regno, ma non erano ancora una delle casate più importanti dl Continente Occidente. E forse neppure i Signori del Nord.

GoTlike Locations ha fotografato anche tutta l'imponente macchina della produzione che si è stabilita nei pressi della Grotta del Turco:

Invece, come scrive Watchers on the Wall in un altro articolo, l'account Redanian Intelligence avrebbe individuato e prontamente identificato una new entry del cast.

Il nome in questione è quello di Georgina Campbell, che è stata "paparazzata" sul set di Gaeta con un look e un'acconciatura che ricordano l'epoca greco-romana. Classe 1992, l'attrice ha all'attivo la partecipazione al film King Arthur - Il potere della spada, è la protagonista della serie Krypton ed è attesa in Queste oscure materie.

Ma è stata una fan a catturare uno degli scatti probabilmente più intriganti. L'utente di Instagram Kiaruzz_91 ha "beccato" Naomi Watts con abito e trucco di scena e ha scatenato gli specialisti in teorie orfani di Game of Thrones.

L'attrice che interpreta una "esponente dell'alta società che nasconde un oscuro segreto" sfoggia una chioma bionda raccolta in una complessa acconciatura e uno sfarzoso abito dorato, che hanno immediatamente fatto partire il toto-personaggio:

Come riporta il Daily Dot, molti fan hanno subito pensato a un Lannister per i capelli e i vestiti. Tuttavia, la casata di Castel Granito (in originale, Casterly Rock) non è l'unica ad avere le chiome bionde a Westeros. E cosa ancora più importante, George R.R. Martin ha rivelato che nel prequel non ci sarà:

I Lannister non ci sono ancora, ma c'è Casterly Rock [Castel Granito, nella versione italiana, n.d.r.]. È come la Rocca di Gibilterra. Al momento è occupato dai Casterly, di cui porta ancora il nome al tempo dei fatti di Game of Thrones.

Ma come ipotizzano altri fan, Naomi potrebbe essere un Lannister... non ufficiale. Secondo una teoria molto gettonata, l'attrice potrebbe essere Lann L'Astuto, ovvero colui che si è impadronito con l'inganno di Casterly Rock e che ha dato inizio alla dinastia e alla fortuna degli antenati di Tywin.

Tale speculazione si scontra apparentemente con la credenza - tramandata dalle leggende del Continente Occidentale e da libri come Il mondo del ghiaccio e del fuoco - secondo cui il progenitore dei Lannister sarebbe un uomo. Ma i sostenitori della teoria osservano che la veridicità delle informazioni potrebbe essere stata corrotta dai secoli (oltre che dalla mancanza di una tradizione scritta) e dalla scelta "sessista" di ritenere più onorevole e di maggior prestigio discendere da un antenato di sesso maschile.

Comunque sia, una cosa è certa. Bloodmoon o comunque si intitoli lo spin-off non è caratterizzato dai livelli di segretezza di Game of Thrones. Si tratta di una mancanza oppure di qualcosa di voluto?

Come osserva CBR, nel caso della serie madre, i fan potevano utilizzare i leak per dedurre ciò che sarebbe potuto accadere a partire dai libri. Invece, lo spin-off si basa quasi completamente su materiale originale e inedito. 

Dunque, il rischio spoiler è molto basso. Ma all'opposto, le "fughe di notizie" contribuiscono a creare curiosità e attesa intorno al prequel. E cosa può chiedere di meglio una serie che ha l'obiettivo di colmare il vuoto lasciato da Game of Thrones (o almeno provarci)?

Leggi anche

      Cerca