Marianne, la nuova serie horror francese che terrorizza gli spettatori

Netflix Un primo piano di Mireille Herbstmeyer nella serie TV Marianne

Disponibile in streaming dal 13 settembre 2019, la serie TV creata da Samuel Bodin regala brividi a profusione: merito della sua trama (cosa succederebbe se le invenzioni agghiaccianti di una scrittrice fossero reali?) e dei suoi attori inquietanti.

Una scrittrice di successo, Emma (Victoire Du Bois), specializzata in racconti dell'orrore. La scoperta che le storie descritte nei suoi terrificanti romanzi si stanno realizzando nella vita reale. Il ritorno nella città natale per affrontare i demoni del passato da cui ha tratto ispirazione.

La formula sulla quale si basa Marianne, la nuova serie TV horror francese che sta terrorizzando il pubblico di mezzo mondo, non fa mostra di particolare originalità. Si limita, al contrario, a reiterare situazioni topiche del genere, che, pure, sono bastate perché lo show – disponibile in streaming su Netflix in Italia da venerdì 13 settembre 2019 – si profilasse un successo.

La serie d'altronde è stata creata da due specialisti del piccolo schermo, persone che conoscono i meccanismi della suspense. Parliamo di Samuel Bodin e Quoc Dang Tran. Il primo si è fatto le ossa scrivendo e dirigendo vari cortometraggi, la comedy bellica Lazy Company e la mini-serie crime T.A.N.K. Il secondo si è fatto un nome nelle writers' room della sit-com Fais pas ci, fais pas ça e del thriller poliziesco Fox.

NetflixUna foto dei quattro protagonisti della serie TV Marianne
Una scena di Marianne

Composta da 8 episodi da 40-50 minuti circa (quindi perfetta per il binge-watching), la prima stagione di Marianne poggia su elementi semplici. La protagonista Emma (la Du Bois è apparsa nel cast di Chiamami col tuo nome), tornata nel suo paese, si ritrova faccia a faccia con lo spirito malvagio che l'ha perseguitata quando era piccola.

Quel demone che le appare negli incubi e promette di punirla ha le fattezze di Marianne (l'inquietante Mireille Herbstmeyer) e sta portando scompiglio nella vita quotidiana di famigliari e vecchi amici.

I classici topoi dell'horror, il lancio nella giornata di venerdì 13 e la notte di luna piena hanno contribuito a fare di Marianne un prodotto capace di regalare brividi e salti sulla poltrona.

Gli spettatori sono rimasti letteralmente terrorizzati da possessioni, mutilazioni corporali e "vibrazioni" in stile Hereditary, The Witch e, ovviamente, il classico Misery di Stephen King.

C'è addirittura chi rivela di aver subito effetti nefasti come crisi di pianto e insonnie notturne.

Nel cast della serie, che si avvia verso il rinnovo per una seconda stagione, spiccano anche altri attori francesi molto popolari in patria come Lucie Boujenah (famosa per aver interpretato il personaggio di Jenna nella serie Soda) e Tiphaine Daviot, già diretta da Bodin in Lazy Company e apparsa in un'altra serie Netflix, Black Spot.

NetflixIl poster originale della serie TV francese Marianne
Il poster originale di Marianne

Ci vuole la giusta dose di coraggio a mettere tutto questo "già visto" dentro una serie TV mainstream. Ma se lo si fa bene, poi si viene ripagati.

E voi, darete una chance a Marianne?

Leggi anche

      Cerca