Watchmen: cosa sappiamo di Adrian Veidt/Ozymandias dopo l'episodio 3?

Il creatore della serie Watchmen, Damon Lindelof, ha parlato dell'introduzione atipica del personaggio di Adrian Veidt all'interno del suo show.

HBO Un'immagine di Jeremy Irons in sella a Bucefalo in Watchmen

Watchmen, la nuova serie di casa HBO creata da Damon Lindelof e ispirata all'omonima opera a fumetti di Alan Moore e Dave Gibbons, è arrivata al terzo episodio, andato in onda lunedì 4 novembre.

In "È stata uccisa dai rifiuti spaziali” (frase che ricalca il testo della canzone Space Junk dei Devo, del 1978, che sono presenti in versione audio nell'episodio), fa il suo ingresso in scena il personaggio di Laurie Blake, interpretato da Jean Smart. Blake, come i fan della mini serie originale ricorderanno, è in realtà Silk Spectre II, la seconda Spettro di Seta (ossia uno dei Watchmen della saga principale).

Dopo aver lavorato per il governo per anni assieme al Dottor Manhattan, la donna ha deciso di continuare la collaborazione con gli Stati Uniti d'America diventando un'agente speciale del Federal Bureau of Investigation (o FBI). Il terzo episodio di Watchmen chiarisce anche il ruolo di Jeremy Irons all'interno dello show: l'attore è a tutti gli effetti Adrian Veidt, noto anche Ozymandias, uno degli uomini più intelligenti, scaltri e volenterosi esistenti al mondo.

Nei primi due episodi abbiamo visto Veidt all'interno della sua lussuosa villa circondato dalla servitù, mentre il mondo intero lo dava per morto. Il creatore della serie, Damon Lindelof, ha svelato il vero motivo di un'introduzione "graduale" del personaggio all'interno dello show (via Collider). 

Ero davvero ossessionato da Adrian Veidt, il personaggio è così controverso che mi sono domandato a lungo cosa fosse successo all'uomo più intelligente del mondo dopo aver salvato il mondo. Qual era il passo successivo? Come affrontare la questione del 'ho salvato il mondo ma non lo posso dire a nessuno'. Qualunque fosse il contesto in cui lo avremmo inserito, sarebbe stato interessante, quindi abbiamo pensato a una cosa simile agli arresti domiciliari. Non abbiamo ancora definito i dettagli del perché si trovi in questa condizione o chi sia il suo carceriere, ma l'idea di vedere Adrian Veidt evadere di prigione in stile Wile E. Coyote e Road Runner piuttosto che Fuga da Alcatraz ci è sembrata troppo bella per non realizzarla.

Le sequenze che vedono Veidt protagonista sono in ogni caso ancora poco chiare: sembra che il personaggio voglia in qualche modo avventurarsi nello spazio, sappiamo che è attorniato da misteriosi inservienti Mr. Phillips (Tom Mison) e Mrs. Crookshanks (Sara Vickers), ed è considerato a tutti gli effetti una sorta di "prigioniero".

Che Veidt possa in realtà trovarsi su Marte, tenuto nascosto dal Dottor Manhattan (il quale ha deciso di autoesiliarsi sul Pianeta Rosso alla fine del Watchmen originale)? Staremo a vedere.

Leggi anche

      Cerca