Luigi's Mansion 3 recensione: la casa degli orrori secondo Nintendo

Arriva il terzo capitolo per la saga soft horror di Nintendo che rimette Luigi al centro dell'attenzione nella sua versione da acchiappafantasmi. Ecco la recensione.

Nintendo Luigi's Mansion 3: la recensione del gioco

Nel lontano 2001 usciva una piccola perla che segnò l’esperienza videoludica di molti appassionati della grande N. Su Nintendo GameCube uscì Luigi’s Mansion, un prodotto atipico e originale per i tempi, in cui il fratello del ben più noto Mario, diventava protagonista di un gioco tutto suo senza dover più fargli da spalla.

Dell’apparente secondarietà di Luigi come personaggio si parla da secoli, tanto che esistono moltissimi meme che prendono in giro il povero fratello spilungone dalla casacca verde. Anche lui però ha saputo farsi valere negli anni, specialmente in questa sua inedita versione da acchiappafantasmi. D’altronde l’ispirazione al film con protagonisti Dan Aykroyd, Harold Ramis e Bill Murray è palese e si vede già dal Poltergust, l’aspirapolvere modificato per risucchiare i fantasmi e rinchiuderli all’interno di un contenitore molto simile a quello visto nel film Ghostbusters del 1984.

Il primo Luigi’s Mansion fu un grande successo su GameCube e per anni i fan ne chiesero un seguito. Il sequel arrivò nel 2013 su Nintendo 3DS: Luigi’s Mansion 2, conosciuto anche con il sottotitolo Dark Moon (soprattutto in Nord America), seppur fosse ottimo nel gameplay, si basava troppo sulla caccia ai fantasmi e meno sui divertenti enigmi che avevano reso famoso il capostipite. Nel 2018 è poi uscita, sempre per Nintendo 3DS, una versione rimasterizzata del primo capitolo.

Finalmente arriviamo ai giorni nostri, più precisamente all’Halloween 2019, quando è uscito Luigi’s Mansion 3 per Nintendo Switch. Il nuovo capitolo si è rivelato subito promettente, con diverse novità nel gameplay e una veste grafica completamente rinnovata per l’ultima console ammiraglia di Nintendo. Dopo aver aspirato ogni tipo di fantasma all’interno dell’hotel Miramostri, vi racconto com’è la nuova avventura di Luigi nei panni di provetto acchiappafantasmi.

Un hotel da incubo

Luigi riceve un invito misterioso per l’hotel Miramostri, dove sembra abbia vinto un soggiorno di lusso per sé e i suoi amici. Ovviamente insieme al baffuto idraulico dalla tuta verde arriveranno anche Mario, la principessa Peach e alcuni Toad pronti a esaudire ogni desiderio dell’unica fanciulla del gruppo. L’hotel sembra veramente un posto da sogno, dove potersi godere una vacanza indimenticabile, almeno questo è il pensiero dei nostri beniamini fino al calar delle tenebre.

Gli sfavillanti e luminosi corridoi e le stanze addobbate a lusso si trasformano improvvisamente in posti pieni di polvere, ragnatele e macabre decorazioni, tra zucche di Halloween e luci spettrali. Ben presto l’inganno è svelato, ancora una volta Re Boo, aiutato dalla misteriosa Malberta Crisantemi, ha imbrogliato Luigi e i suoi amici per intrappolarli all’interno di un quadro e vendicarsi delle sconfitte subite nei capitoli precedenti. 

Il nostro ormai terrorizzato protagonista riesce a salvarsi per il rotto della cuffia, finendo nel seminterrato dell’albergo, dove, grazie a una fortuita coincidenza, mette le mani sul Poltergust, contenuto all’interno di una strana macchina. Ben presto Luigi salverà il caro Dottor Strambic, vecchia conoscenza che ancora una volta gli sarà di supporto nella sua caccia ai fantasmi, finalizzata a salvare i suoi poveri amici finiti vittime di Re Boo.

NintendoLuigi e Malberta Crisantemi

Questo è l’horror a tema Nintendo, fatto di atmosfere lugubri, ma allo stesso tempo scanzonate e adatte a qualsiasi età: una sorta di storia alla Piccoli Brividi trasposta in videogioco ottimamente.

Ovviamente la trama è solo un pretesto per farci vivere una nuova avventura nei panni di Luigi e con lui esplorare una nuova affascinante ambientazione a caccia di fantasmi.

Luigi l’acchiappafantasmi

NintendoLuigi's mansion fantasmi

Dopo i primi minuti di gioco potremo utilizzare la versione base del Poltergust, il magnifico aspirapolvere in grado di ripulire completamente ogni stanza dalle presenze spiritiche. Chi ha già apprezzato la serie nelle precedenti incarnazioni non farà fatica a riabituarsi alle meccaniche del terzo capitolo per Switch. Per catturare un fantasma dovremo prima stordirlo con la nostra fidata torcia, per poi iniziare a risucchiarlo con il potente getto d’aria del Poltergust. Muovendo la leva analogica nella direzione opposta a quella in cui il fantasma tenta la fuga diminuiremo una barra di resistenza numerica posta sulla creatura spettrale: una volta azzerata questa, la cattura avverrà in maniera automatica.

Luigi’s Mansion 3 aggiunge delle opzioni piuttosto interessanti al gameplay originale; potremo infatti, riempiendo una barra dalla forma circolare, sbatacchiare il fantasma nella direzione preferita – danneggiando anche i fantasmi vicini, se colpiti – per arrecare molti più danni della semplice aspirazione. 

La caccia ai fantasmi, seppur centrale nel gameplay, sarà comunque quasi sempre finalizzata alla risoluzione di enigmi sparsi per tutto l’hotel: un ritorno alle origini che sicuramente sarà apprezzato da molti fan storici. I 17 piani che Luigi dovrà affrontare per salvare suo fratello e i suoi amici saranno pieni di enigmi sempre vari e molto interessanti; nella mia esperienza non ne ho trovato neanche uno che mi abbia annoiato. Il gioco, una volta iniziato, diventerà una droga e vi terrà incollati allo schermo della Switch per almeno una quindicina di ore, anche di più se vorrete trovare tutti i collezionabili, tra gemme e fantasmi rari.

Tra le novità introdotte abbiamo la possibilità di usare uno speciale effetto della luce stroboscopica in grado di rivelarci oggetti ed entità nascoste alla vista, una ventosa da lanciare su certi oggetti o pareti per poi poter spingere o distruggere l’elemento in questione, uno speciale balzo in grado di rompere o spostare gli oggetti nell’ambiente intorno a noi e, infine, il mitico Gommiluigi, una versione di Luigi creata con una sorta di melma verde e con tutte le capacità del nostro impaurito protagonista. La differenza principale è che Gommiluigi potrà attraversare qualsiasi tipo di zona delimitata da sbarre, come cancelli o tubi, ma si scioglierà inevitabilmente se entrerà a contatto con l’acqua.

Nintendogooigi luigi's Mansion 3

Il gioco dunque ci proporrà una gran varietà di situazioni in cui dovremo districarci usando la nostra intelligenza e tutte le capacità di Luigi. Bisogna fare davvero un plauso a Nintendo per essere riuscita a rendere ogni livello unico e con enigmi e situazioni mai banali (ovviamente con alcune aree realizzate meglio di altre). Gommiluigi (che già era giocabile in maniera opzionale nella remastered del primo capitolo per 3DS) è probabilmente l’aggiunta più originale: premendo l’analogico destro potremo alternare l’utilizzo dei due personaggi in qualsiasi momento, e se lo premeremo mentre si aspira, il personaggio continuerà a nell’azione anche quando non avremo noi il controllo.

Grazie alle caratteristiche di Nintendo Switch avremo anche la possibilità di giocare in cooperativa con un amico in locale quasi tutta la storia. Con i due Joy-Con, infatti, potremo controllare in contemporanea sia Luigi che la sua versione gelatinosa. 

Altro aspetto ben riuscito sono le Boss Fight. Per proseguire nell’avventura Luigi dovrà rubare a dei fantasmi speciali i pulsanti dell’ascensore dell’hotel Miramostri, in modo da sbloccare nuovi piani, e lo farà nell’unico modo che conosce, ossia catturandoli. Tra chef spettrali, pianisti in grado di possedere il proprio pianoforte, cavalieri in armatura e molto altro anche qui la varietà sarà tantissima. Ogni battaglia con un boss avrà un preciso metodo per essere affrontata e il divertimento starà proprio nello scoprire il modo giusto per vincerla.

NintendoLuigi combattimento spettri

Luigi’s Mansion 3 è un gioco che non ha un’elevata difficoltà, infatti gli enigmi saranno semplici e intuitivi e le battaglie non presenteranno mai grossi problemi, anche grazie all’alta quantità di cuori rinvenibili negli ambienti di gioco. A semplificare (forse troppo) il tutto vi è la possibilità di acquistare gli ossi dorati, che, se la salute del povero Luigi scenderà a zero, ci faranno tornare in vita grazie all’intervento del nostro amico Poltercucciolo, un cane fantasma che adora il baffuto idraulico dalla casacca verde.

In Luigi’s Mansion 3 troverete davvero tantissimi soldi: gli unici modi per spenderli sono l’acquisto delle già citate ossa dorate e le mappe per trovare i collezionabili del gioco, ossia gemme e i fantasmi Boo. Ogni piano ha sei gemme e queste risultano un divertente extra per chi vorrà completare il gioco al 100% trovando ogni cosa. Indubbiamente utilizzare il denaro acquisito semplificherà sia le fasi di combattimento che quelle di ricerca: starà dunque a voi scegliere come utilizzarlo.

Caccia in compagnia

Nintendoluigi's Mansion 3 mult

Oltre alla campagna principale, potremo anche giocare a Luigi’s Mansion 3 in compagnia, in alcune modalità pensate appositamente per il multiplayer. Saranno tre quelle che ci permetteranno di giocare, sia in locale che online, con fino a 8 giocatori, divisi in due squadre, composte una da vari Luigi di diverso colore e l’altra da diversi Gommiluigi.

  • Fluttuamonete: in questa modalità vincerà la squadra che otterrà il maggior numero di monete raccolte. I Luigi e i Gommiluigi saranno posizionati in uno specchio d’acqua a cavallo di alcune ciambelle gonfiabili a forma di cigno e altri animali. Tramite il Poltergust, potremo darci la spinta per raccogliere le monete che cadranno in acqua, ma bisognerà stare attenti a non finire sulle mine.
  • Cacciaspettri: due squadre si sfideranno nella cattura del maggior numero di spettri all’interno di un cimitero utilizzando i comandi classici del titolo in single player. La squadra che catturerà più ectoplasmi, totalizzando più punti, vincerà la partita.
  • Cannonate: le due squadre dovranno caricare un cannone con gli oggetti sparsi per il livello e ottenere il maggior numero di punti colpendo i bersagli designati. Potremo anche invadere la metà campo avversaria per sottrarne le cianfrusaglie utilizzate per caricare il cannone.

Altra modalità ripresa da Luigi’s Mansion 2 è la Torre del Caos, modalità interamente in cooperativa dove un team di Luigi e Gommiluigi si troverà ad affrontare 25 stanze generate casualmente a caccia di fantasmi. Lo scopo è salvare i Toad rimasti intrappolati entro il tempo limite. In questa divertente sfida dovrete collaborare per bene, dividendovi i ruoli di ricerca e cattura per riuscire ad arrivare al livello finale della torre.

NintendoLuigi's Mansion modalità multiplayer

Luigi’s Mansion 3 è anche una gioia per gli occhi, soprattutto in modalità TV. La grafica da cartoon è una delle più dettagliate viste su Nintendo Switch, tanto che ci è sembrato di assistere davvero a un lungometraggio animato dedicato a Luigi e Mario. Le animazioni del protagonista vestito di verde sono davvero ben fatte e divertenti, come ad esempio quando si irrigidisce dalla paura a ogni apparizione di un fantasma. 

La modalità TV presenta una gamma di colori molto viva e variegata, cosa che si perde un po’ giocando in portatile. La fluidità è comunque garantita, sia collegando la console al televisore che giocando con lo schermo nativo della Nintendo Switch.

Il gioco è interamente in italiano per quanto riguarda i testi e presenta un ottimo campionario di suoni e voci, come quello che ormai è un tormentone: Luigi che chiama suo fratello Mario. Sono molto d’atmosfera anche le diverse musiche di sottofondo che sentiremo a ogni piano. 

Il verdetto

Il gioco per Nintendo Switch Nintendo Luigi's Mansion 3 - Nintendo Switch
Il gioco per Nintendo Switch
Nintendo

Luigi's Mansion 3 - Nintendo Switch

48,80 €

Luigi’s Mansion 3 è il perfetto sequel di quel primo capitolo uscito quasi vent’anni fa su Game Cube. Le novità inserite nel gameplay riescono a generare una varietà di situazioni ed enigmi che non annoiano mai ed è inoltre possibile sia affrontare la campagna che divertirsi insieme a uno o più amici con le nuove modalità in cooperativa.

Voto 9/10

La nuova avventura di Luigi a caccia di fantasmi è un titolo imprescindibile per chi ha amato l’originale, ma saprà sorprendere anche chi cerca un’avventura spensierata.

Silvio Mazzitelli

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca