Elizabet Banks dirigerà e sarà nel cast dell'horror Invisible Woman

Il Dark Universe di Universal ha trovato il secondo film che contribuirà (spera lo studio) al rilancio del franchise: l'attrice e regista sarà al timone del remake del classico del 1940, descritto però come "un mix tra Thelma & Louise ed American Psycho".

Universal Pictures Elizabet Banks sul sete del film Pitch Perfect 2

Dopo aver diretto una commedia musicale e un action spy, Elizabet Banks passa all'horror. L'attrice e regista dirigerà e sarà nel cast di The Invisible Woman, una rivisitazione del classico Universal La donna invisibile del 1940, rifacimento screwball e parodistico delle prime due versioni dell'Uomo invisibile (dal romanzo di H. G. Wells), quella del 1933 diretta da James Whale e quella del 1940 per la regia di Joe May, Il ritorno dell'uomo invisibile. La sceneggiatura di questo remake tutto al femminile è stata scritta da Erin Cressida Wilson, alla quale si devono già gli script di Secretary e Fur di Steven Shainberg, Chloe - Tra seduzione e inganno di Atom Egoyan, Men, Women & Children di Jason Reitman e La ragazza del treno di Tate Taylor.

Banks, già regista di Pitch Perfect 2 e Charlie's Angels (nelle sale italiane dal 9 gennaio 2020), sarà anche produttrice del progetto insieme al marito Max Handelman con la loro società, Brownstone Productions. L'originale del 1940, diretto da A. Edward Sutherland, racconta la storia della giovane indossatrice Kitty Carrol (ad interpretarla era Virginia Bruce), appena licenziata dai grandi magazzini in cui lavora e cavia umana dell'esperimento del professor Gibbs, finanziato dal ricco avvocato Dick Russell. Il dono dell'invisibilità le permette di prendersi la rivincita sull'odioso capo che la molestava sul posto di lavoro, ma diventa un potere che finisce nelle mire del gangster messicano Blackie Cole, il quale vuole sfruttare l'invenzione per attraversare il confine e tornare indisturbato nel proprio paese d'origine.

Come reso noto da The Hollywood Reporter, i toni di questo remake saranno un mix tra Thelma & Louise ed American Psycho. La presenza della Banks, 45 anni, farà da veicolo al rilancio del ciclo Dark Universe di Universal, messo in pausa dopo il disastroso La mummia di Alex Kurtzman con Tom Cruise, Russell Crowe e Sofia Boutella, stroncato dalla critica e capace di incassare 410 milioni di dollari nel mondo a fronte del suo budget di produzione da 125-195 milioni.

Il primo titolo ad approdare sugli schermi (dal 28 febbraio negli Stati Uniti, in Italia dal 5 marzo) sarà L'uomo invisibile, diretto da Leigh Whannell (Upgrade, Insidious 3) e prodotto dalla Blumhouse. Prossimamente arriveranno anche Renfield (spin-off sul servo di Dracula diretto dal Dexter Fletcher di Rocketman) e Dark Army, con diversi personaggi del mondo mostruoso dello studio diretti da Paul Feig (non proprio uno specialista del genere). Quest'operazione di restyling dei classici Universal funzionerà in questo modo?

Leggi anche

      Cerca