The Irishman, Scorsese sconsiglia di guardarlo su un telefono

Sono in molti a chiedere sui social se è possibile guardare The Irishman, l'ultimo film di Martin Scorsese prodotto da Netflix, su uno smartphone: dopo la risposta ironica della piattaforma, arriva quella del regista.

Netflix Robert De Niro e Al Pacino in una scena del film The Irishman

È possibile guardare The Irishman, l'ultimo film di Martin Scorsese prodotto da Netflix, su un cellulare? A questa domanda, fatta da un utente della piattaforma di streaming, hanno risposto i social media manager del colosso di Los Gatos e il regista in prima persona. Tutto è cominciato su Twitter, quando un'abbonata di nome Donnia, costretta ad una lunga giornata in viaggio su un autobus, ha pensato di trascorrere il Giorno del Ringraziamento alle prese con i 209 minuti del gangster movie sul killer della mala Frank Sheeran (Robert De Niro), il boss Russell Bufalino (Joe Pesci) e il leggendario capo del sindacato Jimmy Hoffa (Al Pacino).

La donna, un po' per scherzo un po' per provocazione, ha chiesto un parere a Netflix sulla possibilità di ingannare il tempo gustando The Irishman sul suo smartphone.

Ma ho paura che Martin Scorsese mi appaia magicamente e mi dia un paio di sculaccioni se solo mi azzardo a farlo.

Dall'account di Netflix Film la risposta è stata immediata.

Apparirà di sicuro, ma invece di picchiarti si siederà a fianco a te per tutta la durata del film, gli brilleranno gli occhi come quelli di un nonnino e ti dirà: 'Va bene figlia mia, i formati e la presentazione contano, ma la tua esperienza dell'arte è valida indipendentemente da come la vivrai'.

Intervistato dal critico Peter Travers nel corso dell'ultima puntata del talk di YouTube Popcorn With Peter Travers, Scorsese si è espresso in merito aprendo alla visione non in sala o su schermo domestico, consapevole che la lunga durata può mettere alla prova il pubblico.

Vorrei suggerire, a chi mai volesse guardare uno dei miei film o tutti i miei film, di non farlo al telefono, vi prego. Un iPad se proprio volete. Un grande iPad, forse andrebbe bene.

Le 3 ore e 39 minuti del film hanno scatenato un acceso dibattito su Netflix, con alcuni utenti che hanno addirittura suggerito uno schema che divide The Irishman in quattro parti (con tanto di minutaggio, come ha segnalato The Wrap) come se fosse una mini-serie. Scorsese ribadisce l'idea di vedere il film sul grande schermo, che sia quello di un cinema o di casa.

Non lo dico perché l'ho fatto io. La struttura narrativa è interessante, e ogni volta mi ha coinvolto. In un modo strano, credo di aver coperto tutte le modalità in cui è possibile vedere questo film. Idealmente, andrebbe visto al cinema, andrebbe visto in una sala dall'inizio alla fine. Anche se è lungo, potete alzarvi e andare in bagno. Ma anche a casa, credo che si possa vedere in una serata o in un pomeriggio. Se non risponderete al telefono o non vi alzerete troppo, dovrebbe funzionare.

Intanto, sempre su Twitter, arriva un prezioso endorsement da parte di J.A. Bayona: il regista spagnolo, al lavoro sulla serie TV de Il Signore degli Anelli, cita il documentario sul making of del film (in cui Scorsese, a suo parere, fornisce la migliore definizione di come si sente un regista di fronte a ogni scena da girare) e invita i suoi follower a vedere sul grande schermo questo capolavoro.

E voi avete visto The Irishman? L'avete fatto al cinema, sulla TV di casa o sullo smartphone?

Leggi anche

      Cerca