Anastasia: 10 curiosità sul film animato (che non è un Classico Disney!)

Primo film d'animazione distribuito da 20th Century Fox, Anastasia del 1997 è oramai diventato un grande classico del cinema. Ecco una serie di curiosità su questa pellicola amata da grandi e piccini.

Fox Animation Studios Una scena del film Anastasia del1997

Nonostante in molti lo credano un grande classico targato Disney, Anastasia è un film d'animazione del 1997 diretto da Don Bluth e Gary Goldman  e prodotto da Fox Animation Studios.

La pellicola, arrivata in Italia nel marzo 1998, ha ottenuto in tutto il mondo grande successo soprattutto grazie alla sua formidabile colonna sonora, che si compone di canzoni come Journey to the Past e Once Upon a December, eseguite da Aaliyah e Liz Callaway. Del resto, Anastasia è stato candidato sia ai Golden Globe prima che agli Oscar poi nelle categorie relative alla miglior colonna sonora e alla miglior canzone originale.

In Italia, le canzoni del film hanno riscontrato il favore del pubblico soprattutto grazie alle brillanti interpretazioni canore di Tosca (voce di Anastasia) e di Fiorello (voce di Dimitri).

La storia comincia nel 1916, anno in cui si festeggia il trecentesimo anno al potere della famiglia Romanov. Per festeggiare il grandissimo traguardo, lo zar organizza un ballo al Palazzo d'Inverno di San Pietroburgo, al quale prenderanno parte gli uomini e le donne più importanti del Paese. Quella stessa sera, l'imperatrice madre dona a sua nipote Anastasia un piccolo carillon su è incisa la scritta "Insieme a Parigi".

Il gran ballo viene però interrotto da Rasputin, un vecchio monaco diventato stregone dopo aver venduto la propria anima al diavolo. Dopo il rifiuto degli Imperatori di accoglierlo nel palazzo, Rasputin lancia una maledizione sulla famiglia, auspicando la morte di tutti i suoi membri entro 15 giorni. Comincia in questo clima la Rivoluzione Russa e nel caos generale Anastasia e sua nonna riescono a fuggire e salvarsi grazie all'aiuto del giovane Dimitri. Anastasia, però, cade e dopo aver battuto la testa su una pietra perde la memoria.

A questo punto veniamo catapultati nel 1927, quando l'imperatrice madre, in esilio, offre una generosa ricompensa a chi le porterà sua nipote. Anastasia, nel corso di questi anni, è invece cresciuta come un'orfana chiamata Anya.

Una volta uscita dal convento in cui ha trascorso gli ultimi 10 anni Anya, in virtù del ciondolo che ha sempre portato al collo e su cui c'è scritto "Insieme a Parigi", pur non ricordando nulla della sua infanzia decide di recarsi nella capitale francese. Nel corso del suo viaggio incontrerà due giovani truffatori, Dimitri e Vladimir, finendo per innamorarsi del primo e scoprendo quello che è stato il suo passato e quello che sarà il suo futuro...

1. Anastasia è realmente esistita

Nonostante il film sia per gran parte un'opera di fantasia, il contesto storico e l'ambientazione lasciano capire la reale esistenza di determinati fatti e personaggi. Quello che forse non tutti sanno, però, è che il personaggio di Anastasia è ispirato ad una donna realmente esistita: Anastasija Nikolaevna Romanova. La sua sorte è stata però meno clemente di quella della protagonista del film a lei ispirato: seppur figlia dell’imperatore Nicola II di Russia e dell’imperatrice Aleksandra, la giovane Anastasija fu assassinata insieme alla sua famiglia dai bolscevichi il 17 luglio 1918. Del resto, la pellicola d'animazione tiene conto di diverse leggende che si sono diffuse nel corso del Novecento secondo cui Anastasija non sarebbe morta nel 1918 ma si sarebbe salvata trovando poi rifugio in Europa occidentale, più precisamente a Berlino, Parigi o a Londra.

2. Uno dei film più costosi degli anni '90

Sebbene Anastasia (primo film d'animazione distribuito da 20th Century Fox) sia oramai considerato un piccolo, grande, classico dei film d'animazione, ebbe un buon successo, ma non di certo stratosferico, al boxoffice casalingo e mondiale. La pellicola, infatti, è riuscita a portare a casa la "modica" cifra di quasi 140 milioni di dollari sebbene il budget di produzione sia stato a dir poco imponente: ben 60 milioni di dollari, cifra che l'ha resa una delle produzioni più costose di quegli anni.

3. Meg Ryan e John Cusack le voci originali di Anastasia e Dimitri

Meg Ryan, protagonista di Harry ti presento Sally, e John Cusack, star de La giuria e 1408, hanno prestato le loro voci rispettivamente ad Anastasia e Dimitri per quanto riguarda il doppiaggio recitato e non le canzoni. Nella pellicola ha, inoltre, fatto la sua prima comparsa in sala di doppiaggio, una giovanissima Kirsten Dust, che ha prestato la sua voce al personaggio di Anastasia da bambina. 

4. Nella foto di famiglia di Anastasia c'è un cagnolino esistito per davvero

Nel quadro di famiglia grazie al quale Dimitri si rende conto della somiglianza di Anya con la principessa Anastasia notiamo un piccolo cane di razza spaniel. Il cagnolino è davvero esistito ed è appartenuto al fratello della principessa, Alexei. Il suo nome era Joey e venne ritrovato in vita dopo la morte del principe suo padrone.

5. L'abito di Anastasia è ispirato a quello vero della zarina

20th Century Foxabito Anastasia film
Il celebre abito indossato da Anastasia nel film d'animazione ispirato a quello vero di Anastasija

L'abito indossato da Anastasia alla fine del film è appartenuto davvero alla zarina ed era già stato replicato nell'omonimo film del 1956, nel quale Anastasia è stta interpretata dalla grandissima Ingrid Bergman.

6. Anche Vladimir... è realmente esistito!

Il personaggio di Vladimir è stato ispirato al conte Vladimir Frederiks, ministro della Corte Suprema dello Zar Nicholas. Vicino allo zar e a suo figlio, Vladimir rimase per anni in Russia dopo la Rivoluzione e, in segno di protesta, vestiva sempre con la sua divisa di corte.

7. Rasputin... era un brav'uomo!

20th Century FoxRasputin nel film
Il personaggio di Rasputin è realmente esistito, ma la sua indole era ben diversa

Se nella pellicola lo abbiamo conosciuto come un monaco votato alla causa del Diavolo, nella realtà Rasputin è stato un mistico russo molto vicino ai Romanov ed in particolare influente sullo zar Nicola II di Russia. Ha utilizzato la sua influenza per avvicinare la famiglia reale e i nobili russi al popolo, invitandoli a governare per il bene comune.

8. Altri personaggi realmente esistiti...

Sebbene la pellicola contenga delle inesattezze a livello storico, nel corso della canzone  "Paris Holds the Key to your Heart"appaiono dei personaggi storici realmente esistiti: Maurice Chevalier, Sigmund Freud, Charles A. Lindburgh, Josephine Baker, Claude Monet e Gertrude Stain.

9. Il titolo del film doveva essere diverso

In origine, data l'importanza rivestita dal carillon per la nostra protagonista, la pellicola avrebbe dovuto avere un altro nome: The Music Box.  I produttori scelsero poi di dare al film il nome della sua protagonista Anastasia.

10. Siamo in Russia... ma si parla (e si legge) l'inglese

Nonostante la pellicola sia ambientata in Russia, quasi tutte le insegne sono state scritte in inglese, con l'alfabeto latino, rispecchiando quello che normalmente avviene nei film d'animazione.

E voi cosa ne pensate? Qual è la curiosità sul film Anastasia che ha più colpito la vostra attenzione? 

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca