Anna Karina, è morta l'attrice danese icona della Nouvelle Vague

Anna Karina, icona della Nouvelle Vague e musa (oltre che moglie) di Jean-Luc Godard, si è spenta a 79 anni. L'attrice è stata protagonista di pietre miliari del cinema e ha lasciato un segno indelebile nella settima arte.

Joost Evers/Anefo on Wikimedia CC Anna Karina in una foto d'archivio

Il mondo del cinema dice addio a una delle sue leggende. Anna Karina, icona della Nouvelle Vague e musa (oltre che moglie) di Jean-Luc Godard, è morta all'età di 79 anni. Come scrivono BBC e il New York Times, l'attrice si è spenta in ospedale, in seguito a una lunga battaglia contro il cancro. Il ministro della cultura francese, Franck Riester, le ha reso omaggio con un toccante messaggio su Twitter:

Il suo sguardo era lo sguardo della Nouvelle Vague. E lo sarà per sempre. Ha brillato soprattutto con Godard, ma anche con Rivette e Visconti. Ha sedotto con fascino magnetico il mondo intero. Oggi, il cinema francese è orfano. Ha perso una delle sue leggende.

Hanna Karin Blarke Bayer era nata il 22 settembre 1940 a Solbjerg, una piccola città della costa orientale della Danimarca. Dopo una infanzia turbolenta, a 14 anni ha lasciato la scuola per lavorare al cabaret e come modella in televisione e a 17 è scappata di casa ed è andata a Parigi. 

La sua avventura nel mondo dello spettacolo è iniziata quando è stata notata dal direttore del casting di un'agenzia pubblicitaria, mentre era seduta a un tavolino del celebre café Les Deux Magots. Hanna, che ha cambiato nome in Anna Karina dietro suggerimento di Coco Chanel, ha cominciato ad apparire in pubblicità e spot per la TV e Jean-Luc Godard è rimasto folgorato da lei dopo averla vista nella pubblicità di un bagnoschiuma. Inizialmente, però, la futura musa e moglie del grande regista ha rifiutato di lavorare con lui in un piccolo ruolo nel film Fino all'ultimo respiro, perché avrebbe dovuto apparire nuda.

Godard non si è arreso e l'ha richiamata per La donna è donna (1961), lanciando di fatto la sua carriera di attrice. Da allora, Karina ha lavorato con il regista in altre 9 pellicole e un cortometraggio, tra cui Questa è la mia vita, Le Petit Soldat, Bande à part e Una storia americana. Il loro sodalizio non è stato solo artistico, ma anche sentimentale. Karina e Godard si sono sposati nel 1961 e sono rimasti insieme fino al 1968. La relazione tra i due è stata iconica come i loro film, anche se l'attrice ha dichiarato che non è stata facile:

È stata una grande storia d'amore, ma è stata anche molto faticosa per una ragazza, perché [Jean-Luc, n.d.r.] spariva per lunghi periodi di tempo. Poteva dire che andava a comprare le sigarette e tornare 3 settimane dopo.

Karina ha lavorato anche con altri grandi registi, come Jacques Rivette, Luchino Visconti e Rainer Werner Fassbinder, che l'hanno diretta in Suzanne Simonin, La religiosa di Diderot (1966), Lo straniero (1967) e Roulette cinese (1976). 

L'attrice ha anche intrapreso la carriera di cantante e scrittrice. Le canzoni Roller Girl e Sous le Soleil Exactement (dalla commedia musicale Anna) sono stati due grandi successi in Francia negli anni '60.

Karina si è sposata altre 3 volte. I matrimoni con gli attori Pierre Fabre e Daniel Duval sono finiti con un divorzio e dal 1982 era sposata con il regista americano Dennis Berry, ex marito di un'altra icona della Nouvelle Vague, Jean Seberg (protagonista di Fino all'ultimo respiro di Godard). 

Leggi anche

      Cerca