American Gods 3, anche Mousa Kraish esce dal cast

Dopo l'addio di Mr. Nancy, anche il Jinn non sarà in American Gods 3. Ma diversamente dal caso di Orlando Jones, Mousa Kraish ha annunciato la propria uscita dal cast senza polemiche (almeno, all'apparenza) e dicendo che per lui la porta resta aperta.

Starz Mousa Kraish nei panni del Jinn in American Gods

Dopo il turbolento addio di Orlando Jones, anche Mousa Kraish esce dal cast di American Gods 3, la serie basata sull'omonimo romanzo di Neil Gaiman. A dare l'annuncio è stato lo stesso attore, con un post su Twitter:

Posso confermare che non mi è stato chiesto di tornare per la prossima stagione. È stato un onore interpretare il Jinn e vivere nella sua pelle dagli occhi di fuoco.

Nel commiato di Mousa non c'è traccia di polemica (almeno, così sembra). Invece, l'attore ha speso parole di grande riconoscenza per l'esperienza vissuta:

Il Jinn mi ha dato tanto e sono orgoglioso di avere rappresentato non solo la comunità mediorientale con un ruolo positivo che non si vede spesso in TV, ma anche la comunità LGBT, che ha sostenuto un tale personaggio di colore non comune sul piccolo schermo.

Mousa ha speso parole di affetto e di stima per tutta la produzione:

Ringrazio Bryan Fuller [per avermi dato l'occasione di interpretare il Jinn, n.d.r.] e per avermi mostrato come portare sullo schermo un personaggio queer con onore e profondità. Ringrazio Michael Green per avere sempre avuto tempo per me. Ringrazio Neil Gaiman per l'essere uomo positivo e meraviglioso che oggi posso chiamare 'amico'. Il mio affetto e i miei ringraziamenti vanno anche al cast e alla crew.

E ha dichiarato che non è detto che non tornerà:

Voglio dire grazie anche a Starz e a tutta la squadra. La porta per me non è chiusa. Se mi verrà chiesto di tornare a interpretare il Jinn, sarò felice e orgoglioso di recitare di nuovo con il mio amico Omid Abtahi e di illuminare la scena con due personaggi che vanno oltre la pagina scritta.

La serie di tweet di Mousa, che si chiude con un ultimo, sentito ringraziamento ai fan, si colloca all'estremo opposto rispetto ad alcune dichiarazioni rilasciate da Orlando Jones a TVLine. L'ex interprete di Mr. Nancy ha accusato la produzione di mancanza di inclusività:

Sono arrivato per girare American Gods 2 e non c'era nessuna scena per il mio personaggio. Sicuramente, sapevano che stavo arrivando. Quello è il lavoro dello studio. Letteralmente. E non l'hanno fatto. E non è successo solo a me. Non hanno scritto nulla per nessun personaggio di colore. Se ti importa davvero dei personaggi di colore, perché non scrivi nulla per loro?

Orlando non sarà nella stagione 3 della serie (con molte polemiche), ma Fremantle ha gettato acqua sul fuoco, affermando che l'uscita dell'attore e del personaggio è dovuta al fatto che i nuovi episodi saranno basati su una parte del romanzo in cui Mr. Nancy è assente.

Tuttavia, la sensazione è che la questione non sia ancora chiusa.

Leggi anche

      Cerca