La prima tentazione di Cristo: il film di Natale di Netflix con Gesù gay scatena la polemica

È polemica per lo speciale di Natale del gruppo comico brasiliano Porta dos Fundos pubblicato su Netflix. Il film La prima tentazione di Cristo lascia intendere che Gesù possa essere gay ed è nata una petizione per bandire la pellicola.

Netflix Un'immagine di La prima tentazione di Cristo

È sempre tempo per una polemica. Anche sotto le Feste. Anzi, stavolta la pietra dello scandalo (per restare in tema) è il film di Natale di Netflix. Lo speciale La prima tentazione di Cristo del gruppo comico brasiliano Porta dos Fundos ha sollevato un polverone per avere portato sullo schermo un Gesù gay.

Nella pellicola, il Salvatore torna a casa dopo 40 giorni nel deserto con un ragazzo di nome Orlando e i due si ritrovano coinvolti nella festa a sorpresa per il compleanno di Gesù organizzata da Giuseppe e Maria (che fuma erba). Mentre i genitori e gli amici cercano di capire chi sia il nuovo arrivato, il giovane si mostra perfettamente a suo agio e si esibisce in un jingle che a un certo punto recita:

Nel calore del deserto, ho visto le dimensioni del suo enorme potere.

Come riportano NBC News e il New York Post, la rappresentazione di Cristo e della Sacra Famiglia proposta dallo speciale ha suscitato scandalo e su Change.org è comparsa una petizione che chiede che il film sia proibito e ritirato da Netflix e che Porta dos Fundos faccia pubblica ammenda. I promotori accusano il gruppo brasiliano di "vilipendio della fede" e di aver "offeso gravemente" la comunità cristiana e la protesta ha già raccolto più di 1 milione e 800mila firme (anche se l'obiettivo finale di 3 milioni è ancora lontano).

Anche Eduardo Bolsonaro ha preso posizione contro la pellicola su Twitter. In un primo post, il figlio del presidente del Brasile ha invitato a riflettere sull'opportunità di un film come La prima tentazione di Cristo:

Siamo a favore della libertà di espressione, ma vale la pena attaccare la fede dell'86% della popolazione?

Poi, ha abbandonato la diplomazia e ha definito "spazzatura" lo speciale di Natale di Netflix:

Invece, il politico conservatore, oltre che pastore evangelico e presidente della Commissione per i diritti umani, le minoranze e le controversie, Marco Feliciano, ha promesso che darà battaglia al film:

La comunità cristiana e non solo mi ha chiesto di agire contro gli sconsiderati membri del gruppo comico Porta dos Fundos. In passato li ho citati in giudizio, ma secondo la giustizia si tratta di 'libertà di espressione'. È tempo che passiamo all'azione tutti insieme - appartenenti alla Chiesa e brave persone - per fermarli. 

Diversi utenti hanno twittato di avere disdetto l'abbonamento a Netflix, come il vescovo texano Joseph E. Strickland:

Ho appena disdetto l'abbonamento a Netflix. Non ho comunque quasi tempo di guardare i suoi programmi, ma i bestemmiatori non meritano un centesimo di sostegno.

Altri hanno affermato che La prima tentazione di Cristo è "profondamente offensivo" e che il servizio di streaming "ha superato il limite":

Netflix non è intervenuta nella polemica (almeno, per il momento). Invece, il co-fondatore di Porta dos Fundos, Fábio Porchat, ha parlato del film (e della reazione che ha causato) con Variety. L'attore ha dichiarato che la piattaforma non sembra preoccupata e non ha fatto alcuna pressione su di loro:

Non ci hanno detto niente del tipo: 'Forse dovremmo ritirare lo speciale'. Sono dalla parte della libertà di parola.

Porchat ha puntualizzato che nella pellicola non viene dichiarato apertamente che Gesù sia gay e che, in ogni caso, la rappresentazione del Salvatore è molto positiva:

Il film è quasi una fiaba cristiana. Gesù affronta coraggiosamente il Diavolo e poi sceglie di seguire Dio e accetta di essere suo figlio.

Il co-fondatore di Porta dos Fundos ha concluso che il nocciolo della questione è l'omofobia:

Qui in Brasile, ad alcuni cattolici sta bene che Gesù sia un cattivo ragazzo e faccia uso di droga. Va bene. Il problema è che sia gay. Non può essere gay. E questo è interessante, perché Gesù è tutto. Dio è bianco e nero, gay ed etero. È più omofobo ritenersi insultati da un Gesù gay, che renderlo speciale.

Le parole di Fábio Porchat getteranno acqua sul fuoco o finiranno con alimentare ancora le fiamme della polemica? 

Leggi anche

      Cerca