La storia infinita: i segreti del film (e perché non ci sarà un reboot)

Warner Bros. La storia infinita

Il regista e sceneggiatore Wolfgang Petersen, gli interpreti di Atreyu e l’Imperatrice, i doppiatori: ecco i retroscena del film di culto La storia infinita, in occasione del suo 35° anniversario.

La storia di una storia. Una storia infinita, che generazione dopo generazione non smette mai di far sognare. La storia di un film che, in un’epoca in cui gli effetti speciali di oggi non erano neanche immaginabili, ha dato vita a voli magici, creature meravigliose e mondi fantastici.

La storia infinita, diretto nel 1984 da Wolfgang Petersen e tratto dall’omonimo romanzo di Michael Ende, uscì nei cinema italiani il 6 dicembre del 1984. Io c’ero e oggi, a distanza di 35 anni da quel giorno, ricordo ancora lo stupore di vedere Bastian (Barret Oliver) volare, aggrappato alla schiena di Falkor, le lacrime per il destino di Artax, il cavallo dell’eroe Atreyu (Noah Hathaway), la tristezza dell’Imperatrice bambina (Tami Stronach) e il terrore del Nulla che minacciava di cancellare per sempre il mondo di Fantàsia.

E 35 anni dopo quel film che tutti i bambini della mia generazione videro al cinema almeno tre volte (se non di più), imparando a memoria il testo della canzone di Limahl che divenne un grandissimo successo, anche i protagonisti de La storia infinita ricordano la magia di un film destinato a diventare un classico intramontabile per ragazzi.

Genesi di un classico: la storia

Il regista e co-sceneggiatore (insieme a Herman Weigel) Wolfgang Petersen racconta la motivazione che lo spinse a imbarcarsi nella realizzazione di Die Unendliche Geschichte - questo il titolo originale del film tedesco, co-prodotto da Warner Bros., Constantin Film e Bavaria Studios.

All’epoca del progetto, Petersen aveva un figlio di circa dieci anni, la stessa età di Bastian nel film.

Come padre, volevo fare qualcosa a cui mio figlio sarebbe stato davvero interessato e di cui essere orgoglioso.

Alcune settimane dopo ho ricevuto una telefonata dal produttore Bernd Eichinger e dall'allora regista di The NeverEnding Story, Helmut Dietl. Era un regista molto, molto bravo in Germania, ma per lo più aveva fatto piccoli film e commedie, in cui era stato molto bravo. Quando hanno iniziato a costruire le creature, ha capito che il film era troppo per lui. Era sopraffatto. Sapeva che questo non era il suo mondo. Quindi, entrambi chiamarono me, cosa molto insolita, per vedere se ero interessato al progetto. Sapevo che era ciò che cercavo.

Il casting

Noah Hathaway era già stato scelto per interpretare Atreyu quando il regista era ancora Dietl.

Racconta:

"Fecero uno di quelle ricerche in tutto il mondo per scegliere il protagonista e videro qualcosa come 50.000 bambini. Penso di aver fatto il provino sei o sette volte prima di ottenere la parte. La sceneggiatura era semplicemente fantastica e, anche allora, era piena di fantasia e non avevo mai visto niente di simile.

Dopo il cambio alla regia, però, il casting venne rifatto dall’inizio e Hathaway dovette rifare il provino per convincere Petersen.

Hanno ricominciato l’intero processo di casting e ho dovuto fare un provino per Wolfgang e due produttori. Alla fine, dopo altre tre o quattro provini, sono stato assunto di nuovo. Non voglio dire che era destino perché mi sono davvero fatto il mazzo per questo. Devo aver letto la sceneggiatura tre dozzine di volte e conoscevo ogni riga.

Dopo aver ottenuto la parte, siamo volati in Germania e abbiamo potuto vedere l’artwork concettuale che l'artista aveva fatto due o tre anni prima. Se gli avessero inviato una mia foto, non avrebbe potuto fare un rendering più perfetto. È stato davvero spaventoso. Ero un bambino molto sensibile, cazzuto, che stava crescendo. Molto simile ad Atreyu in molti modi. E così, era una corrispondenza perfetta".

Mettendo a confronto i due ragazzini protagonisti, Wolfgang Petersen ricorda, dopo aver raccontato delle moltissime lettere di ragazzine che gli arrivavano per sapere dove avrebbero potuto incontrare Noah Hathaway:

"Il personaggio di Bastian era così diverso da Atreyu, e questa era l'idea. Era più un personaggio nerd e l’altro è l’eroe. Il passaggio da uno all’altro nel film era bello. Come bambini e attori, i due erano altrettanto diversi l’uno dall’altro. Barret Oliver mi stava sempre attaccato e mi teneva la mano, era così dolce. Era quasi come se fossi suo padre. Era così gentile, caloroso e amorevole, in un certo senso. E Noah aveva questo atteggiamento fin dall'inizio, era Atreyu. Camminava per la sua strada e aveva il suo stile, e questo andava bene. Non che mi piacesse così tanto perché era molto più facile lavorare con Barret, ma d'altra parte, era giusto per la parte. Teneva la testa alta ed era un eroe".

Tami Stronach, scelta per il ruolo dell’imperatrice bambina, ricorda così il suo ingresso nel cast:

"Frequentavo una scuola di recitazione a San Francisco e mi capitò di seguire una lezione in cui l’insegnante era amica dell’agente di casting. Era in pausa dal lavoro ed era venuta a pranzare con la sua amica, arrivando un po’ in anticipo. Perciò ha assistito alla fine della sezione e mi si è avvicinata per chiedermi se mi sarebbe piaciuto fare un provino per questo film.

All’epoca stavo facendo molto teatro e facevo parte di una compagnia che andava in giro per le scuole a esibirsi. Non avevo idea per cosa facessi il provino. Quando ho chiesto a mia madre, mi ha portato all'audizione. Non avevo un agente, quindi non capivo quale fosse la posta in gioco".

E ancora, sui suoi compagni d’avventura:

"Andavamo tutti molto d'accordo, il che è stata una fortuna. Siamo tutti molto diversi. Direi che Noah era molto atletico ed era un ballerino, molto sicuro di sé. Barret era un po’ più introverso. E io ero una ragazza, durante questa strana età intorno ai 10 o 11 anni, quando si presuppone che i ragazzi e le ragazze non dovrebbero frequentarsi. Sono così strani l’uno con l’altra, senza sapere se dovrebbero essere amici o non piacersi o essere romantici l’uno con l’altra. È stata un’età davvero strana per noi, come bambini. Ma siamo tutti bloccati nel bel mezzo del nulla in Germania insieme e siamo diventati questi improbabili amici. Non sono sicura che avremmo gravitato l’una verso l’altro al di fuori di quel contesto, ma in quel contesto lo abbiamo fatto davvero".

Anche al personaggio di Tami Stronach, Wolfgang Petersen dedica un ricordo prezioso, che sottolinea l’importanza ma anche l’aspetto rivoluzionario del suo ruolo all’epoca: 

"L'imperatrice significava tanto per così tante bambine perché era al centro di questo universo creato in The NeverEnding Story - è questo tutto il mondo di Fantàsia. Arrivano da tutta Fantàsia per trovare una cura che salvi l’imperatrice malata e lei è lassù, sul suo trono, in alto sulla torre d'avorio. È la regina di tutto ed è la più potente, ma anche vulnerabile perché è così malata.

Posso immaginare le ragazzine vederla ed essere meravigliate che fosse possibile. Il pubblico era così abituato a vedere uomini che erano al centro delle storie e che erano i potenti, non le bambine. Perciò che sorpresa dev’essere stata per loro. È stata davvero una cosa fantastica, meravigliosa da guardare. Era stato così intelligente Michael Ende nel creare questo personaggio, rendendo questa bambina un’imperatrice. Regna ed è la migliore. E se è malata, il mondo intero è nei guai".

Falkor

Impossibile non adorare il fortunadrago Falkor, uno dei personaggi più amati del film. A doppiarlo nella versione originale era Alan Oppenheimer, che prestò la voce anche al narratore, a Gmork e a Rockbiter.

Oppenheimer racconta di essere stato chiamato a riprese finite, quando Falkor aveva bisogno di una voce. Semplicemente vedendo questo splendido drago bianco peloso, l’attore creò la sua voce. Gli venne spontanea. E, dopo la seconda registrazione dei dialoghi - che dava più cuore e più umanità al personaggio - la traccia audio diventò definitiva.

Ma recitare il volo sul dorso di Falkor non era una passeggiata… Lo ricorda perfettamente Noah Hathaway:

Cavalcare Falkor non era così affascinante come potevi immaginare. C'erano questa testa e il collo lungo 3 metri attaccati a un motore del carrello elevatore ed era probabilmente a circa cinque o sei metri da terra con alcune scatole e cuscinetti sotto in caso di caduta. A volte, si surriscaldava e inizia a perdere il controllo, probabilmente una volta ogni 20 minuti. Alla fine è stato come cavalcare un cavallo selvaggio. Di volta in volta dovevo solo resistere per la mia cara vita, ma è stato divertente! Essendo un maniaco di 12 anni come lo ero allora, è stato un vero spasso.

E se Hathaway si divertiva, Tami Stronach apprezzava la magia ma anche il lavoro dietro alla realizzazione di Falkor:

"Era come Willy Wonka, per un bambino che era appena entrato e non riusciva a credere che tutta quella roba fosse lì. È stato davvero magico. Sono davvero così fortunata che non sia stato girato con la computer graphic. C’erano le marionette di tutte quelle creature e più persone che lavoravano alle espressioni su tutte le facce dei burattini. C’è qualcosa di veramente affascinante nel fatto che la mano umana fosse davvero coinvolta in tutto. Il mio unico rimpianto nel lavorare al film è che non ho mai avuto l’opportunità di cavalcare Falkor".

Artax e le voci della sua vera morte sul set

Per anni, sono girate voci sul fatto che un cavallo morì sul set durante la lavorazione del film, nelle riprese che mostravano l’atroce fine di Artax e la sua separazione dall’amato Atreyu.

Tutti noi abbiamo pianto calde e amare lacrime di fronte a quel momento, e Wolfgang Petersen ci tiene a raccontare come andarono davvero le cose.

"Il cavallo non morì davvero, nonostante ciò che è stato detto nel corso degli anni. Prima di tutto, avevamo due cavalli bianchi identici che interpretavano Artax. Erano così belli. Sono stati addestrati per molto, molto tempo da un addestratore di cavalli professionista con questo compito quasi impossibile per un cavallo: affondare lentamente nel fango fino alla testa, senza opporre resistenza. Non è andato oltre la loro testa, nessun cavallo lo avrebbe mai fatto.

Ci sono voluti mesi per addestrarli. Mi viene sempre chiesto di questo e le voci non sono vere. Nel film, non vedi mai la faccia del cavallo andare nel fango. E inoltre, avendo due cavalli, alternavamo quello che sarebbe stato nella scena mentre l'altro si rilassava.

È davvero pensata per essere una scena triste, questa è stata una parte cruciale del film. La gente mi dice sempre che quando parte quella scena, deve chiudere gli occhi. Dico loro che capisco, è molto triste e difficile da guardare, ma è stato cruciale per la storia. Si tratta di essere attratti dall’oscurità e, sfortunatamente, il cavallo non si salva. E per questo, ancora di più, Atreyu deve farcela da solo senza il suo amico e ci riesce. Ma sì, i cavalli erano davvero buoni, ed entrambi stavano bene".

Il ricordo di Noah Hathaway è decisamente più sentimentale: 

"Mi sento come se avessi mandato le persone in terapia per quella scena con Artax. Il cavallo che usarono fu davvero meraviglioso e trascorsero un paio di mesi insegnandogli a stare tranquillo con l'acqua fino al collo. È qualcosa di sconosciuto per loro. Quindi, il modo in cui hanno realizzato quella scena è che avevano questo piccolo ascensore sott’acqua che lentamente lasciava cadere il cavallo sempre più in basso. Quando arrivava alla sua zona del mento, tagliavamo la scena. Quell'unica scena ha richiesto più di due settimane e mezzo.

Il vero cavallo non è mai morto davvero. Stavano più attenti con quel cavallo che con me! Mi sono fatto molto più male io. Il cavallo era sicuramente ben curato.

Mi sono rotto la schiena lavorando al film e sono stato in ospedale in trazione per circa un mese prima che iniziassimo le riprese. Non sapevamo se sarei stato in grado di continuare, ma ho finito per guarire abbastanza da poter lavorare. Fu spaventoso per un po’. Ho avuto un paio di infortuni in questo film. Ho fatto molte delle mie acrobazie, era un film molto fisico. Ma quanti bambini di 12 o 13 anni possono persino dire di aver vissuto qualcosa del genere?

Mi hanno regalato uno dei cavalli e una sella. Ma avrei dovuto farlo spedire e sterilizzare e tutte queste cose, quindi ho lasciato il cavallo in Germania con la mia controfigura per cavalcare. Ha tenuto il cavallo per 20 anni. Mi ha inviato un’e-mail circa 10 anni fa facendomi sapere che il cavallo era appena mancato. Ha avuto una vita meravigliosa. Avevano una stalla e un ranch in Germania".

L’intervento di Steven Spielberg e la canzone di Limahl

Dopo aver svelato che fu Steven Spielberg (consulente non accreditato del film) a tenere il più prezioso degli oggetti di scena (l’Auryn, il medaglione che l’imperatrice dona ad Atreyu), Wolfgang Petersen racconta di come avesse chiesto consiglio all’amico Spielberg per migliorare il film:

"Gli ho detto che mi sarebbe piaciuto mostrargli il film perché avevo la sensazione che per un pubblico americano fosse un po’ lento. Ha un'atmosfera molto europea e ho pensato che potesse darmi qualche consiglio sulle modifiche che avrei potuto apportare e lo abbiamo fatto.

Mi diede alcuni ottimi suggerimenti su dove avrei potuto fare qualche piccolo taglio qua e là per ottenere un po’ di ritmo che si sarebbe adattato meglio al pubblico americano. Per ringraziarlo del suo aiuto, gli ho regalato l'Auryn. Di conseguenza, la versione americana è più corta di sette minuti rispetto al montaggio tedesco".

"La versione tedesca è diversa dalla versione americana anche in quanto non aveva tutta la musica di quest'ultima. Abbiamo deciso di aggiungere musica quando abbiamo deciso di portare il film fuori dalla Germania,nel mondo. Successivamente abbiamo assunto Giorgio Moroder. Il film era già finito e suonava già nelle sale tedesche quando Moroder è entrato e gli è stato chiesto di fare una canzone e alcune parti della colonna sonora aggiungendo cose che hanno reso la storia ancora più ricca.

La musica di Klaus Doldinger presente in tutto il film è circa l'80% e il 20% è stato un tocco in più di Giorgio Moroder nella versione americana. La cosa principale che Moroder ha aggiunto al film è stata la colonna sonora, che ho adorato. L'ho sentita di nuovo di recente quando la mia assistente Barbara mi ha inviato questa clip di Jimmy Fallon e Steven Colbert mentre cantavano la canzone. Non ci potevo credere! È stato così divertente e così sorprendente. All'epoca Limahl era un cantante abbastanza conosciuto nel Regno Unito, ma ancora giovane e in ascesa. La canzone è molto ambiziosa. Non è una canzone facile da cantare. Giorgio Moroder ha detto che ha dovuto dare a Limahl più bicchieri di champagne in modo che potesse rilassarsi abbastanza e avere davvero il coraggio di provarci".

Lo stesso Limahl lo racconta: 

"Ero andato al Tokyo Music Festival e c'erano molti personaggi famosi lì, è stato un grande evento. Era una competizione che aveva vari giudici e quell'anno Giorgio era uno dei giudici.

All’epoca il mio manager era un ragazzo irlandese con una personalità molto esuberante di nome Billy Gaff. Aveva gestito Rod Stewart durante il suo periodo di massimo splendore. Billy era molto affascinante. La gente direbbe che potrebbe vendere ghiaccio a un eschimese.

Quindi, si è seduto e ha parlato con Giorgio e gli ha detto come sarei diventato il prossimo grande caso. Lo convinse che aveva bisogno di lavorare con me. Quando sono tornato a Londra, l'ufficio di Giorgio ha chiamato e ha detto al mio manager che stava lavorando ad una canzone per un film e voleva provare la mia voce.

Sono volato a Monaco per registrarlo. All'epoca ero molto giovane, avevo solo 23 anni o qualcosa del genere. Billy Gaff credeva in me e raccontava a Giorgio della mia voce, prima di tutto. E poi ha contribuito a convincere EMI che la canzone sarebbe stata un successo. Aveva ragione. Era il numero 1 in quasi tutti i Paesi del mondo, tranne l’America".

Michael Ende e perché non ci sarà un reboot de La storia infinita

Molti non lo ricordano, ma Michael Ende non amava la versione cinematografica della sua storia. Non gli piaceva il finale, ma nemmeno la sceneggiatura in generale. Wolfgang Petersen lo raggiunse a Roma, dove viveva, per provare a lavorare con lui al copione. Ma non funzionò.

"La storia era sacra per lui e non puoi cambiarla. Quindi, mentre cercavo di lavorare con lui sulla sceneggiatura, è stato difficile apportare modifiche. Se avessi avuto bisogno di tagliare qualcosa, non lo avrebbe capito. C’erano molte cose che all’epoca non potevamo ancora fare, tecnicamente. Forse oggi sarebbe diverso.

La linea di fondo è che non riusciva davvero a capire il processo di realizzazione di un film di 2 ore dal suo libro grande e molto, molto ricco. Non lo capiva e non voleva capirlo. Alla fine, ho scritto la versione finale della sceneggiatura insieme a Herman Weigel e non con lui.

Gliel'abbiamo mandato e lui lo odiava e dicevamo che non ci importava e che era quello che avremmo girato. Più tardi, si arrabbiò così tanto che voleva portarci in tribunale, se ricordo bene. Voleva andare in tribunale per interrompere il film, ma non ci è riuscito, ovviamente. Non puoi trasformare un romanzo in un film e pensare che non ci saranno cambiamenti.

Non era nostro amico, te lo posso dire. Non è più con noi, ma ha avuto molto tempo per godersi il successo del film.

E per quanto riguarda se vorrei vedere un reboot o no... È mia convinzione che alcuni film dovresti lasciarli in pace, ed è ciò che provo per questo film. Mi piace il modo in cui il film è, con tutto il suo fascino antico: lasciatelo in pace. È un film così amato nel corso dei decenni in tutto il mondo. È davvero un classico. Molte persone si sono avvicinate a noi mentre cercavano i diritti per questa storia, penso che ci fosse dietro Warner Bros. una volta.

So che ci sono delle difficoltà con la proprietà e i diritti, ci sono alcune controversie in corso. Ma questo è tutto ciò che so".

Anche Tami Stronach è al corrente del fatto che non verranno ceduti i diritti per un eventuale remake.

Non penso che succederà. Sono a conoscenza del fatto che i diritti sono strettamente bloccati. Potrebbe essere meraviglioso rifarlo, ma non credo che succederà. Penso che ciò che dobbiamo fare sia raggiungere il messaggio del film e supportare gli altri a realizzare film fantasy davvero incredibili. Ecco di cosa parla il film, non avere il monopolio con solo poche persone che fanno parte della sfera immaginativa. Il mondo intero è più ricco quando tutti immaginano. […] Non penso che dobbiamo rifare questo, ma penso che dobbiamo continuare a far crescere lo spazio per tutti.

Il messaggio e l’eredità de La storia infinita

Come sottolineava già la Stronach parlando dell’eventualità di un remake, al centro di tutto c’è il messaggio del film. Messaggio che Petersen ha sempre avuto ben chiaro:

Questo film parla del potere dei bambini e della crescita dei bambini. Il messaggio è vai e cambia il mondo, sei importante. Sei più importante di quanto pensi. Puoi fare tutto ciò che desideri. Hai il potere.

La storia infinita è entrata nella nostra cultura, nella nostra storia, nel nostro DNA. Ma per Noah Hathaway, dopo tutti questi anni, la cosa stupisce ancora:

"L'amore che le persone hanno per questo film è così lusinghiero. È piuttosto sorprendente e anche surreale a volte. Guardo molti cartoni animati, sono una specie di ragazzino, quindi guardo un sacco di Rick e Morty, I Griffin e American Dad. Ogni paio di mesi, compare qualcosa come Peter Griffin che guida Falkor e sono solo stupito. È così surreale che una parte di me faccia parte della cultura pop.

Adoro il fatto che The NeverEnding Story abbia un messaggio sul non essere limitato da qualcosa di diverso dai tuoi sogni, sognare in grande e correre rischi. Questo film ha un cuore ed è bello essere parte di qualcosa del genere. Mi piacciono tutti i film gore e horror perché amo tutti i tipi di follia, ma è bello essere parte di qualcosa che ha davvero toccato le persone.

Incontro persone alle sessioni di autografi che piangono e vogliono solo un abbraccio. Essere in grado di influenzare le persone con qualcosa in cui hai lavorato duramente, per farne parte col tuo sangue, sudore e lacrime è molto speciale. Sono così felice che la gente ne parli ancora e, grazie a Stranger Things, ne stia anche cantando un sacco".

Warner Bros.Falkor da La storia infinita
La storia infinita: Falkor

A concludere questo splendido viaggio di racconti e ricordi sulla realizzazione de La storia infinita è Tami Stronach:

"Spero davvero che il messaggio del film duri e trovi altre strade per crescere e diffondersi. Il messaggio del film è che attraverso l'immaginazione, possiamo davvero risolvere tutti i problemi che affrontiamo. Penso che spesso ci viene detto che le cose sono semplicemente come sono o non possono cambiare perché è così che vanno le cose. Le cose sono come sono perché le costruiamo in quel modo. E se potessimo immaginarle diversamente, potremmo costruire  diversamente.

Davvero, l'immaginazione è la chiave per creare un futuro più bello, più stravagante, più gentile, ed è così sottovalutata. Penso che il messaggio del film sia quello di mantenere viva la nostra immaginazione.

Penso che sia per questo che il film è durato così a lungo, perché è il tipo di messaggio senza tempo che tutti abbiamo bisogno di ascoltare. È così facile lasciarsi coinvolgere dal banale e dimenticare tutto il potenziale creativo di cui ancora disponiamo in ogni momento".

Facile dimenticare il potenziale creativo, forse. Ma non certo una creazione come La storia infinita che, dopo 35 anni, è ancora amata come quand’era all’apice del successo nelle sale cinematografiche.

Leggi anche

      Cerca