Chi sono i genitori di Rey? L'Ascesa di Skywalker finalmente ha risposto alla domanda

Nell'ultimo capitolo della terza trilogia di Star Wars viene finalmente sciolto il dubbio sul passato di Rey. Chi sono i suoi genitori e perché è stata abbandonata su Jakku quando aveva solo 6 anni? Ecco la verità.

Disney Primo piano di Rey in una scesa di Star Wars: L'Ascesa di Skywalker

Star Wars: L'Ascesa di Skywalker, dal 18 dicembre nelle sale cinematografiche italiane, risponde a tutte le domande che i due precedenti capitoli della trilogia hanno fatto sorgere nelle menti dei fan di vecchia e nuova generazione. Ed è proprio per questo motivo Mark Hamill, dal 1977 il volto di Luke Skywalker, ha invitato il popolo del web a non fare spoiler sui social network. Come prevedibile, il più grande dubbio che viene sciolto da Episodio IX riguarda il passato di Rey, o più precisamente, i tasselli mancanti del suo albero genialogico.

Dal 2015, con Il risveglio della Forza, sappiamo che la protagonista Rey è stata abbandonata su Jakku dai suoi genitori e che quest'ultimi non sono mai tornati sul pianeta per nulla ospitale. In tal senso, la terza trilogia dell'epopea spaziale non è solo l'ennesima rappresentazione della lotta tra il bene e il male, ma anche il simbolo della ricerca della verità. L'eroina interpretata da Daisy Ridley vuole a tutti i costi tirare via quel velo sotto il quale si nasconde una parte così importante del suo passato.

La sua tormentata caccia si conclude in Star Wars: L'Ascesa di Skywalker, quando viene infatti a sapere da Kylo Ren di essere la nipote dell'Imperatore Palpatine e che i suoi genitori sono morti per tenerla lontano proprio dal Signore Oscuro dei Sith, al tempo intenzionato a porre fine alla sua vita considerandola una potenziale minaccia.

Il legame di sangue che unisce Rey e Palpatine (sull'esempio di Luke Skywalker e Darth Vader, anche se in quel caso il rapporto di parentela è diverso) alla fine dei conti non stupisce più di tanto, un grande colpo di scena era atteso praticamente da tutti. Si ha però la sensazione che J. J. Abrams abbia voluto gettare nel dimenticatoio quanto fatto da Rian Johnson in Star Wars: Gli Ultimi Jedi, che sembrava lanciare un messaggio ben diverso e in un certo senso anche più coraggioso, ovvero che non bisogna essere per forza uno Skywalker per lasciare il segno e che la Forza aveva scelto Rey, 'figlia di nessuno', per bilanciare l'oscurità di Kylo Ren.

Cosa ne pensate della verità sul passato di Rey? Speravate in una soluzione diversa o credete che alla fine quella di J. J. Abrams sia stata la scelta migliore ai fini della storia?

Leggi anche

      Cerca