Luna Nera: il trailer della serie italiana targata Netflix

Il 31 gennaio arriva Luna nera su Netflix: la serie in sei episodi è ambientata nel XVII secolo e racconta la storia di una ragazza accusata di stregoneria.

Mancano pochi giorni al debutto di Ade e delle streghe di Luna nera su Netflix. I sei episodi della serie italiana debutteranno il 31 gennaio 2020 e dal trailer è evidente il taglio fantasy-storico della produzione. 

Storia e magia si intrecciano nella vicenda della giovane levatrice Ade (Nina Fotaras), accusata di stregoneria e costretta a fuggire dalla sua vita normale per trovare rifugio in una comunità di donne. 

Sarà proprio l’ingresso in questa comunità femminile a metterla di fronte a una difficile scelta. Ade dovrà decidere se seguire l’amore oppure se assecondare il suo particolare destino. Rivelatrice da questo punto di vista è la frase pronunciata nel trailer da una delle donne della comunità:

Il primo e il più grande dei poteri è la conoscenza di sé.

A rendere più interessante la storia è anche il rapporto impossibile tra Ade e Pietro (Giorgio Belli), figlio del capo dei cacciatori di streghe. 

La serie è tratta dal romanzo Le città perdute di Tiziana Triana ed è stata girata interamente in Italia, tra Cinecittà, il parco degli Acquedotti di Roma, la Selva di Lamone e il Castello di Montecalvello (provincia di Viterbo). Alcune delle scene sono state girate anche nel villaggio fantasma di Celleno, un borgo arroccato su uno sperone di tufo in provincia di Viterbo. Il borgo è costituito da un dedalo di viuzze che portano ai resti di un castello e ha contribuito al fascino della ricostruzione storica di Luna nera, ambientata nel XVII secolo. 

Alla produzione c'è Fandango e alla regia Francesca Comencini, entusiasta di un progetto che le ha consentito di raccontare una pagina nera della storia, purtroppo non molto approfondita nei testi scolastici. 

Luna nera è anche un racconto di emancipazione femminile e di lotta contro i pregiudizi e le paure prive di fondamento. La scrittrice Tiziana Traiana ha parlato proprio di una storia che cerca di pareggiare i conti con il passato, grazie al potere della magia esercitato da un gruppo di donne. 

Leggi anche

      Cerca