La sigla di The New Pope fa infuriare il Patriarca di Venezia: ‘È offensiva’

The New Pope è solo ai primi episodi ma ha già scatenato un polverone: il Patriarca di Venezia si è scagliato duramente contro la sigla, ovvero il balletto sexy di un gruppo di suore intorno alla croce.

Sky Atlantic Una scena della sigla di The New Pope

Dopo la sfilata di Pio XIII tra i quadri, nella sigla della prima stagione, la sequenza fissa di apertura di The New Pope mostra un gruppo di suore mentre ballano disinibite intorno a una croce fluo che si trova davanti al dipinto de Le Nozze di Cana di Paolo Veronese. 

Se gli estimatori di Sorrentino e gli amanti della serie hanno apprezzato l’estetica pop (e audace) della nuova sigla, a qualcuno non è piaciuta per niente. Si tratta del Patriarca di Venezia, che ha condannato duramente le scene girate nell'ex monastero della Fondazione Cini, nell'isola di San Giorgio a Venezia.

Rispettando la creatività e la mancanza di regole in un atto di scrittura o ripresa audiovisiva, il Patriarca di Venezia Francesco Moraglia si è scagliato contro l’uso dissacrante della croce, il più importante simbolo cristiano.

L'arte è libertà, l'arte è creatività, l'arte è qualcosa a cui non si può mettere la museruola, però credo che ci sia anche il rispetto: quello spazio è un luogo che ha un significato importante per i credenti. La croce non è un simbolo soprammobile, è un simbolo che per molti credenti è il riferimento ultimo e ha una sua valenza storica perché ci porta ad un evento avvenuto 2mila anni fa che ha delle coordinate storiche chiare, e che per il cristiano è l'evento fondamentale della sua salvezza.

Anche il delegato del Patriarca per i beni culturali, l'architetto don Gianmatteo Caputo, si è espresso sulla mancanza di contesto narrativo che spieghi, giustifichi o dia un senso alle scene della sigla.

Nella consapevolezza che si tratta di una serie fantasy e che la creatività artistica del regista vuole suscitare reazioni controverse, a tratti irriverenti e provocatorie, la scena, parte integrante del film in quanto sigla, risulta in sé offensiva mancando oltretutto di un contesto narrativo che ne giustifichi la ragione e il contenuto.

Don Caputo non si è sottratto all’esternazione della propria opinione, puntando il dito anche su chi ha concesso i permessi per le riprese.

Sarebbe stato comunque opportuno non concedere, per le riprese, l'utilizzo di quello spazio a elevato valore storico e simbolico.

Sky AtlanticUna scena di The New Pope
John Malkovich e Jude Law in The New Pope

The New Pope sta già facendo discutere, e per ora abbiamo visto solo i primi episodi.

Leggi anche

      Cerca