Star Trek: Picard rinnovata per una stagione 2 (e l'universo si espande con nuove serie)

Dopo i rumor, la conferma. Lo spin-off su Picard ha già staccato il biglietto per la stagione 2. Ma non solo. L'universo di Star Trek si espande ancora con nuove serie e un film.

CBS All Access/Amazon Prime Video Sir Patrick Stewart in Star Trek: Picard

La notizia era già trapelata, ma adesso c'è l'ufficialità. Star Trek: Picard è stata rinnovata per una stagione 2. Come riporta Deadline, la conferma è arrivata nel corso del Winter Press Tour della Television Critics Association (TCA). Il vice presidente esecutivo dei contenuti originali di CBS All Access, Julie McNamara, ha dichiarato che l'incredibile "energia ed entusiasmo" per la serie con Sir Patrick Stewart (insieme ai finanziamenti milionari ricevuti dallo Stato della California) ha convinto il network a guardare avanti:

Siamo entusiasti di annunciare i piani per una seconda stagione prima del debutto della serie e abbiamo fiducia che i fan di Star Trek e i nuovi spettatori saranno catturati dal cast stellare e dalla storia scritta in modo meticoloso dal team creativo, quando [Star Trek: Picard] sarà presentata in anteprima il 23 gennaio [in Italia, il 24 gennaio su Amazon Prime Video, n.d.r.].

Al momento, le informazioni "ufficiali" finiscono qui. Ma a quanto pare, la nuova stagione dovrebbe essere pronta per la fine del 2020 o l'inizio del 2021 e dovrebbe essere composta da 10 episodi. Inoltre, dal (affollato) panel del Winter Press Tour della TCA è trapelata anche qualche informazione sull'atmosfera e il messaggio della serie. 

Come scrive ancora Deadline, il produttore esecutivo Akiva Goldsman ha affermato che lo spin-off su Picard e più in generale Star Trek vuole fare riflettere sui mali della società. Ma come ha aggiunto Sir Patrick Stewart, senza pretendere di fare politica:

Per niente. Quello che proponiamo è intrattenimento. Piuttosto, può offrire una sorta di rappresentazione del mondo in cui viviamo, che è quello che Star Trek fa da sempre. 

Non solo. Il grande attore britannico ha concluso il suo intervento con una dichiarazione sibillina, che sembra alludere al ritorno di altri volti noti, oltre a quello già annunciato di Brent Spiner (Data, B-4 o Lore), Jonathan del Arco (il Borg Hugh), Jonathan Frakes (William Riker) e Jery Ryan (Sette di Nove):

La mia speranza è che, quando la serie sarà arrivata alla fine, avremo incontrato tutti i principali protagonisti di The Next Generation.

Ma al Winter Press Tour della TCA non si è parlato solo dello spin-off su Picard. Come riporta TrekCore, il boss del franchise, Alex Kurtzman, e il produttore esecutivo Heather Kadin hanno rivelato che l'universo di Star Trek si espanderà ancora:

Ci sono altre due serie live-action che non sono ancora state annunciate.

Inutile dire che al momento le bocche sono (super) cucite. Ma le speculazioni (come sempre) non mancano. Secondo gli appassionati e i conoscitori della saga, un progetto potrebbe essere incentrato sull'Accademia della Flotta Stellare e l'altro potrebbe essere dedicato al Capitano Pike di Anson Mount.

Quali saranno davvero i soggetti, le due produzioni andranno ad aggiungersi a Discovery, Picard, Short Treks (una serie antologica di cortometraggi che approfondisce l'universo del franchise) e a Section 31, lo spin-off dedicato al Capitano Georgiou di Michelle Yeoh attualmente "in fase di sviluppo attivo". Senza dimenticare le serie animate Lower Decks e quella ancora senza titolo di Nickelodeon.

Già così, le novità potrebbero essere abbastanza. Invece, non sono ancora finite. Sempre dal Winter Press Tour della TCA, è arrivata la conferma che Noah Hawley scriverà e dirigerà un nuovo film di Star Trek. Ma non solo. Come scrive /Film, l'autore di Fargo e Legion ha rivelato anche alcuni dettagli sul suo progetto, a partire dal fatto che tornerà all'essenza originale del franchise:

Star Trek è una incredibile storia di esplorazione, empatia, diversità, umanità al suo meglio e capacità di risolvere i problemi in maniera creativa. Non è mai stata pensata come una storia d'azione. Ha sempre riguardato uomini e donne che devono adattarsi all'universo, risolvere problemi con la diplomazia e avere la meglio dei propri avversari con l'astuzia. Per quanto mi riguarda, sono entusiasta di tornare a quello.

Hawley ha aggiunto che si avvicinerà a Star Trek con rispetto e senza percorrere strade troppo sperimentali, pur garantendo che porterà innovazione e la sua impronta originale al film. Poi ha chiarito che il progetto è in fase embrionale

Ho appena iniziato a parlare con gli amici della Paramount di cosa stavano cercando loro e di alcune idee che avevo io. Poi ho sviluppato un'idea più specifica che hanno sembrato apprezzare. Devo ancora scrivere la sceneggiatura e tutto il resto.

Il regista e sceneggiatore è stato molto cauto anche in merito all'eventuale ritorno degli attori dei precedenti tre film (Star Trek,  Into Darkness - Star Trek e Star Trek Beyond):

Intanto sto scrivendo. Ho una mia opinione in merito. Vediamo come andrà a finire. 

La notizia del coinvolgimento di Hawley arriva dopo che Paramount ha cancellato la pellicola di Star Trek 4 affidato a S.J. Clarkson e dopo mesi di rumor su un possibile film diretto da Quentin Tarantino.

Stavolta, il progetto andrà in porto? Per saperlo, non resta che aspettare. Come sempre.

Leggi anche

      Cerca