La cosa, Universal e Blumhouse pensano al reboot del cult movie

Universal Pictures Una scena del film La cosa del 1982

Ma non sarà un rifacimento del classico del 1951 né del capolavoro di John Carpenter del 1982: alla base c'è il romanzo Frozen Hell, la versione estesa di Who Goes There? e mai pubblicata da John W. Campbell.

Blumhouse e Universal tornano alle radici della base di ricerche in Alaska più famosa della storia del cinema: la società di Jason Blum e lo studio californiano stanno preparando un reboot di La cosa. Attenzione però: non un rifacimento del classico La cosa da un altro mondo di Christian Nyby (e Howard Hawks) del 1951 né del capolavoro dell'horror fantascientifico diretto da John Carpenter nel 1982, bensì un adattamento del romanzo Frozen Hell. Si tratta dell'espansione del racconto Who Goes There? (scritto nel 1938 da John W. Campbell, pubblicato sulla rivista Astounding Science-Fiction) e mai edito prima d'ora.

Il manoscritto è stato ritrovato nel 2018 da John Betancourt, scrittore ed editore di Wildside Press, che ha lanciato una campagna di fundraising su Kickstarter a caccia di fondi per la pubblicazione. Betancourt spiega così il contenuto di Frozen Hell.

Nel 1938, l'acclamato autore di fantascienza John W. Campbell pubblicò il romanzo Who Goes There?, su un gruppo di scienziati in Antartide che scoprono terrorizzati un'entità aliena mostruosa e mutaforma. La storia sarà poi adattata nell'iconico film La cosa di John Carpenter (dopo un precedente adattamento cinematografico del 1951). Il romanzo era in realtà una versione breve della storia originale di Campbell, intitolata Frozen Hell, che venne abbreviata per la pubblicazione. Il manoscritto di Frozen Hell è rimasto sconosciuto e inedito per decenni, ed è stato riscoperto solo di recente.

Frozen Hell, secondo Betancourt, va oltre La cosa ed espande quella storia "in modo drammatico, restituendo una backstory ed un contesto vitale a un racconto già incredibile". Proprio questa settimana, l'editore rivela le intenzioni di Universal e Blumhouse con un aggiornamento destinato a chi ha finanziato la sua campagna. Betancourt spiega che "tutti sono super eccitati all'idea, e il progetto è stato accelerato".

Quest'annuncio era stato in parte anticipato sui social dal produttore Alan Donnes, che sarà executive del film e ha poi rimosso il post originale dal suo account Facebook.

Per la prima volta in assoluto, la versione completa di Campbell sarà realizzata sul grande schermo. Il nuovo film includerà il meglio di La cosa da un altro mondo della RKO, del classico La cosa di John Carpenter e di entrambi i libri, Frozen Hell e Who Goes There?.

La cosa è già stato rifatto nel 2012 dall'olandese Matthijs van Heijningen Jr., che alla sua opera prima ha affrontato un prequel della vicenda narrata da Carpenter nel 1982. 

E voi cosa vi aspettate da questo progetto? Dopo quasi 40 anni dall'uscita del film di Carpenter, La cosa è ancora più attuale che mai?

Leggi anche

      Cerca