La spiegazione del finale di Serenity - L'isola dell'inganno

Un reduce di guerra, oggi pescatore in una piccola isoletta, deve uccidere il marito violento della sua ex. Ma il finale riserverà un colpo di scena. Ecco la spiegazione del film Serenity – L’isola dell’inganno.

Lucky Red Una scena di Serenity - L'isola dell'inganno

Serenity – L’isola dell’inganno è un thriller dai risvolti fantasy con Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Diane Lane e Jason Clarke.

Il Premio Oscar Matthew McConaughey interpreta Baker Dill, un reduce di guerra e ora pescatore che vive sull’isola di Plymouth, nei Caraibi. L'uomo è completamente ossessionato dalla cattura di una chimera, il pesce Justice.

Un giorno Baker, che vive in una baracca poco lontano dalla costa e ha un'amante agée, riceve la visita della sua ex moglie, una dark lady superchic, che lo coinvolge nel suo piano: uccidere il marito violento, che ha fatto del male anche a Patrick, il figlio che Baker condivide con la donna.

Non sarà che l’inizio di una storia intricata che porterà Baker a pesca con l’uomo e a un finale fuori dagli schemi.

Lucky RedUna scena di Serenity - L'isola dell'inganno
Anne Hathaway è la dark lady

Il finale di Serenity – L’isola dell’inganno

Durante tutta la durata della storia scopriamo che Baker è connesso in modo particolare con il figlio Patrick, come se a distanza riuscissero a “sentirsi” e a percepire le proprie emozioni.

Patrick dalla sua camera riesce a sperimentare la vicinanza al padre che esce quotidianamente per andare a pesca. Durante la colluttazione finale tra Baker e Frank, il marito della sua ex moglie, scopriamo in realtà che l’isola non è reale ma una realtà virtuale, un videogioco creato e programmato proprio dal figlio, Patrick, che dalla sua stanza sente le liti violente tra sua madre e il patrigno.
Il vero Baker Dill è morto in guerra, in Iraq, e Patrick lo ha ricreato virtualmente, con un avatar a sua immagine e somiglianza e facendolo interagire con intelligenze artificiali. Alla fine del film scopriamo che Frank è morto davvero, ma non l’ha ucciso Baker, bensì Patrick. Il notiziario racconta dell’omicidio, avvenuto in casa e non in mare aperto, e del rilascio del ragazzino sotto la custodia della madre.

Le ultime immagini mostrano un incontro tra Baker e Patrick sull’isola opportunamente modificata da Patrick.

Il bambino ha creato un nuovo gioco in cui è possibile una reunion con il padre.

La spiegazione del finale

Tutti gli ingredienti del noir coinvolgono lo spettatore verso un finale che, poi, però, spiazza completamente: Baker non esiste, i personaggi che vediamo interagire sull’isola di Plymouth non sono altro che costrutti, avatar, intelligenze artificiali create da Patrick.
L’isola è una simulazione, costruita da un ragazzino molto dotato (sia di fantasia che di abilità nell’informatica) per trovare un porto sicuro, un luogo simbolico che per i digital native, nel 2019, data d’uscita del film, non può che essere su piattaforme 2.0 o 3.0.

Vessato, insieme a sua madre, dalle violenze domestiche, Patrick trova la via di fuga da un presente da incubo ricorrendo con l’immaginazione alla figura dell’eroe, suo padre, una vittima della guerra, che può salvare la sua famiglia come nelle storie classiche: tutto questo è possibile grazie ai videogiochi, alla realtà virtuale da scrivere e programmare. 

Il padre non è altro che una sorta di ologramma per Patrick, che deve compiere un atto atroce per liberare se stesso e sua madre.

Lucky RedUna scena di Serenity - L'ìsola dell'inganno
Il mistero del pescatore Baker

La storia dell’isola e della pesca (attività molto amata da suo padre quando era in vita) è il suo contesto, il suo alibi, il suo mondo costruito e narrato per ospitare l'inevitabile soluzione finale, la resa dei conti contro un uomo adulto e violento.

Alla fine Patrick trova il coraggio di uccidere, forse grazie anche a una vera connessione che sente con il padre e incontra virtualmente alla fine. In un mondo creato ad hoc o una sorta di anticamera o anticipo dell’aldilà?

  • Serenity - L'isola dell'inganno? Lo puoi acquistare e vedere in streaming sulle piattaforme:

    • Chili al prezzo di 6.99€
    • Google Play Movies al prezzo di  7.99€
    • Microsoft Store al prezzo di 11.99€
    • Rakuten TV al prezzo di 6.99€
    • Apple iTunes al prezzo di 6.99€

Leggi anche

      Cerca