Mark Ruffalo rivela quale supereroe Marvel avrebbe voluto interpretare

Marvel Studios Mark Ruffalo in una scena del film Avengers Infinity War

Intervistato dal sito Comic Book al Chicago Comic & Entertainment, l'Hulk del Marvel Cinematic Universe confessa che Bruce Banner non è proprio il suo personaggio preferito dei fumetti.

Mark Ruffalo ha preso il posto di Edward Norton nei panni del dottor Bruce Banner, meglio noto come Hulk, ormai dieci anni fa. L'attore di Kenosha, nel Wisconsin, ha partecipato a ben sette cinecomic del MCU, dal primo Avengers del 2012 al conclusivo Endgame, considerando anche i cameo in Iron Man 3 e Captain Marvel.

Eppure Mark, arrivato al Chicago Comic & Entertainment, ha confessato un particolare davvero curioso: c'è un supereroe del cuore che avrebbe voluto tanto interpretare sul grande schermo. Quale? Visione, l'androide sintezoide creato da Ultron e interpretato da Paul Bettany. Intervistato dal sito Comic Book, Ruffalo ha spiegato così la sua passione per il Vendicatore che custodisce la Gemma della Mente.

Mi è sempre piaciuto. In un certo senso mi è sempre sembrato il supereroe definitivo: sa volare, fa tantissime cose diverse. È molto diverso dagli altri e a mio pare è sottoutilizzato. Ho un debole per lui perché è un po' come mio figlio.

Marvel StudiosPaul Bettany in una scena del film Captain America: Civil War
Riuscite a immaginare Mark Ruffalo così?

Tornando ad Endgame, l'attore ha aggiunto che lo spunto di unire Bruce Banner a Hulk è stata un'idea di vecchia data.

È stato divertente, sono stato fortunato perché l'arco narrativo di Bruce e Hulk è stato molto diverso nel corso dei vari film e ho dovuto interpretare tre personaggi differenti. L'ho mantenuto interessante come vittima del disturbo da deficit di attenzione. Alla fine è andata come era previsto nei nostri piani: fondere i due personaggi insieme ci è sembrato il finale opportuno per la relazione tra Banner e Hulk. In fondo hanno fatto pace tra loro.

Ruffalo, al centro di una recente teoria che lega Bruce Banner alle Gemme dell'Infinito, deve comunque rassegnarsi al suo Hulk: Bettany è stato confermato nel cast di WandaVision, la serie di Disney+ che espanderà le avventure di Scarlet Witch e Visione.

Poco male: durante il C2E2 di Chicago, l'attore ha confessato che potrebbe apparire in She-Hulk, ovviamente nei panni lacerati del Dottore. La serie dovrebbe arrivare sempre su Disney+ nel dicembre del 2021: le riprese dovrebbero infatti cominciare a novembre e Mark avrà tutto il tempo di prepararsi al suo prossimo film, Newsflash.

Si tratta di un biopic, diretto da Alfonso Gomez-Rejon su sceneggiatura di Ben Jacoby, che ricostruisce la vera storia di Walter Cronkite (ad interpretarlo sarà un altro "supereroe": Chris Pine), il giornalista che il 22 novembre del 1963 fece piangere il mondo quando annunciò l'omicidio di John F. Kennedy a Dallas.

Ruffalo sarà invece Don Hewitt, lo storico produttore di CBS Evening News con Cronkite e del leggendario programma 60 Minutes, un personaggio già interpretato da Grant Heslov in Good Night, and Good Luck. di George Clooney e da Philip Baker Hall in Insider - Dietro la verità di Michael Mann.

Nel frattempo, per ingannare l'attesa, Ruffalo debutta dal 23 aprile negli Stati Uniti con la serie HBO I Know This Much Is True di Derek Cianfrance. Nella saga famigliare basata sul romanzo di Wally Lamb, edito in Italia da Longanesi con il titolo La notte e il giorno, l'attore interpreta un altro doppio ruolo: i gemelli Thomas e Dominick Birdsey.

Già Stan Lee vedeva il Gigante di Giada come una sorta di Jekyll e Hyde: è il destino di Ruffalo?

      Cerca