Stranger Things, Finn Wolfhard racconta di quando è stato vittima di stalking

Netflix Finn Wolfhard nella prima sttagione di Stranger Things

L'attore ricorda di essere stato seguito da fan adulti e implacabili quando aveva solo 13 anni.

Quando si è piccoli non è mai facile gestire la fama dovuta a un film o una serie TV di successo. Lo testimonia Finn Wolfhard, noto per aver vestito i panni di Mike Wheeler in Stranger Things e di Richie Tozier in It, raccontando a Entertainment Weekly uno degli sgradevoli incidenti che ha vissuto quando la serie Netflix aveva da poco debuttato. Il giovane, che prossimamente vedremo sul grande schermo in Ghostbusters: Legacy, ha raccontato:

Quando avevo 13 anni e stavo girando la serie, alcuni adulti mi hanno seguito fino al mio appartamento. Stranger Things era appena uscita e io ero da solo. Più acceleravo il passo, più camminavano velocemente anche loro, ed ero ansioso mentre mi avvicinavo alla porta. All'improvviso mi hanno detto "Ehi, amico, facciamo un selfie? E io: "No, non avrete un selfie! Che ne dite di non seguire i bambini?".

Wolfhard ha raccontato anche di una seconda volta in cui è stato vittima di stalking da parte di fan adulti:

Sono stato seguito mentre ero sul taxi e, una volta sceso, quella persona ha continuato a essere piuttosto implacabile.

L'interprete di Mike non è il solo attore dello show Netflix a essersi scontrato con i comportamenti inappropriati di fan adulti. Millie Bobby Brown ha recentemente compiuto 16 anni e, per l'occasione, ha pubblicato un post su Instagram che ha attirato l'attenzione di persone non esattamente di supporto, né carine nel loro modo di esprimersi. A dire il vero, la giovane attrice è stata spesso attaccata per il suo abbigliamento, che secondo alcuni non sarebbe adatto alla sua età. La Brown ha così risposto in un altro post, a proposito dei commenti inopportuni:

Sedici anni sono sembrati un tempo molto lungo. Sento che il cambiamento deve avvenire non solo per questa generazione ma anche per la prossima. Il nostro mondo ha bisogno di gentilezza e sostegno per far crescere e avere successo noi bambini. Gli ultimi anni non sono stati facili, lo ammetto. Ci sono momenti in cui mi sento frustrata per noncuranza, commenti inappropriati, sessualizzazione e insulti non necessari che ultimamente mi hanno provocato dolore e insicurezza. Ma non sarò mai sconfitta.

View this post on Instagram

16 has felt like a long time coming. i feel like change needs to happen for not only this generation but the next. our world needs kindness and support in order for us children to grow and succeed. the last few years haven't been easy, I'll admit that. there are moments i get frustrated from the inaccuracy, inappropriate comments, sexualization, and unnecessary insults that ultimately have resulted in pain and insecurity for me. but not ever will i be defeated. ill continue doing what i love and spreading the message in order to make change. let's focus on what needs changing and I hope this video informs you on the things that go on behind the scenes of the headlines and flashing lights. dont worry I'll always find a way to smile ;) leggo 16 ♡.

A post shared by mills (@milliebobbybrown) on

Finn Wolfhard e i prossimi progetti

Prossimamente, Finn Wolfhard non sbarcherà al cinema soltanto con Ghostbusters: Legacy. È stato di recente annunciato che l'attore sarà il protagonista di Rules For Werewolves, estensione dell'omonimo cortometraggio. Si tratta di un thriller incentrato su un branco di adolescenti che compie rituali e azioni prive di morale.

Wolfhard dovrebbe poi tornare nei panni di Mike in Stranger Things 4, nuova stagione dello show Netflix che porterà i protagonisti fuori da Hawkins. Di recente è stato pubblicato il primo teaser trailer della season 4, che ha rivelato il destino di un personaggio centrale (a proposito di cui abbiamo formulato una serie di teorie).

Cosa ne pensate del comportamento inopportuno dei fan? Al posto di Wolfhard, come avreste reagito?

      Cerca