AJ and the Queen: Netflix cancella la serie con RuPaul dopo una stagione

Netflix RuPaul e Izzy G in AJ and the Queen su Netflix

Cancellazione a sorpresa. Non ci sarà nessuna seconda stagione per la serie TV creata da RuPaul insieme a Michael Patrick King.

Il peculiare viaggio di una drag queen e della sua giovane compagna di appena nove anni è arrivato alla sua ultima fermata. Quella definitiva.

Dopo appena una stagione da dieci episodi, Netflix ha infatti deciso di cancellare AJ and the Queen, serie TV con protagonista RuPaul Charles che aveva saputo conquistarci con il suo animo dichiaratamente LGBT+ e una certa attenzione nel raccontare piccoli e grandi drammi del quotidiano dal punto di vista di persone non comuni. E che ora, sfortunatamente, non potrà più bissare quella stessa magia dalle tonalità arcobaleno con una Stagione 2.

Ad annunciare la chiusura del progetto è lo stesso protagonista, già "regina" di RuPaul's Drag Race, che ha comunicato la brutta notizia ai suoi tantissimi follower su Twitter:

Fine della strada per AJ and the Queen. Netflix ha deciso di non prolungare il nostro viaggio attraverso l'America. Grazie a tutti per l'affetto e per il supporto. Siamo molto orgogliosi del lavoro fatto.

Il colosso di Los Gatos ha allora fatto vibrare la sua scure su un'altra produzione seriale piuttosto apprezzata dalla critica e dagli abbonati, senza spiegare i motivi che hanno portato ad una decisione tanto drastica. Per altro a fronte di un finale decisamente aperto, e che avrebbe giustificato sicuramente una nuova tornata di puntate sulla piattaforma streaming della compagnia fondata da Reed Hastings e Marc Randolph.

AJ and the Queen si propone come una commedia drammatica che racconta la storia di Ruby Red - interpretata per l'appunto da RuPaul -, una squattrinata drag queen truffata prima di poter realizzare il suo sogno di aprire un club tutto suo da quello che credeva essere il suo amante. E che si ritrova a dover reagire per rialzarsi, imbarcandosi in una tournée lungo tutti gli Stati Uniti a bordo di un camper insieme ad AJ (Izzy G.), una bambina scaltra e tutt'altro che sprovveduta, intenzionata ad arrivare in Texas per ricongiungersi con suo nonno e sfuggire ad una condizione familiare precaria.

Lo show è stato creato dallo stesso RuPaul insieme a Michael Patrick King - già sceneggiatore e produttore di Sex and the City per la HBO -, che hanno optato per toni volutamente queer, divertenti e spregiudicati. Voi cosa ne pensate di questa decisione di Netflix? Avreste voluto vedere una seconda stagione?

      Cerca