Vip in fuga, da Totti a Fedez: prime impressioni su Celebrity Hunted – Caccia all’uomo, l'esperimento reality di Amazon

Amazon Francesco Totti nel post della serie

Totti, Fedez, Santamaria e un manipolo di vip italiani si danno alla fuga in un esperimento seriale sui generis made in Amazon Italia. Com'è Celebrity Hunted – Caccia all’uomo, la serie di Amazon che guarda al mondo dei reality.

Metti una sera Totti in convento e Fedez nell'auto delle pompe funebri. Vip in fuga, volti notissimi dello sport e del cinema (oltre agli immancabili youtuber e attori di fascia media) che tentano di nascondersi, dandosi alla macchia per 14 giorni. Da chi e perché? Sulle loro tracce c'è un team di esperti capitanati da un ex capo del Dipartimento Analisi Strategica del Sisde, hacker etici e investigatori sul campo. Il perché è una sfida per vedere se nel 2020 in un'Italia costellata di cellulari, videocamere di sorveglianza e persone interconnesse è ancora possibile disconettersi dai social e dalla società, per darsi alla macchia e scomparire. 

Celebrity Hunted – Caccia all’uomo è il nuovo esperimento di Amazon Studios, che nel 2020 sta entrando nel mercato delle produzioni italiane con un approccio più incisivo e risoluto rispetto al recente passato (vedi anche la serie Scatola Nera). Basato su un format inglese, la serie non-fiction ricalca da vicino due filoni molto popolari sulla TV generalista, con l'intento forse nemmeno troppo nascosto di andar a dar fastidio a Rai, Mediaset e emittenti come Real Time e 8, che di questo genere di prodotti ne hanno fatto tesoro. 

AmazonFedez e Luis Sal in Hunted
I concorrenti si dimostrano da subito scaltri nel sfuggire al controllo dei cacciatori

Da una parte c'è la galassia del prodotti che si basano sul coinvolgimento di nomi noti al grande pubblico. Che ballino davanti a una giuria, si chiudano nella casa del Grande Fratello o viaggino per mezzo mondo senza soldi e con lo zaino in spalla, la presenza di celebrity coinvolte al di fuori del loro ambiente in cui siamo abituate a vederle è la pietra angolare di molte produzioni. Altre (come Il Grande fratello) utilizzano le celebrità per realizzare una sorta di edizione di lusso, l'annata deluxe in cui l'attenzione del pubblico è amplificata dal fatto che a scontrarsi e sfidarsi sono (presunti) famosi.

  • È una serie non fiction Amazon che ricorda da vicino reality quali Pechino Express. La prima stagione è stata realizzata nel 2020 e consta di 6 episodi da 50 minuti circa l'uno. 

    Un gruppo di personaggi famosi si dà alla macchia per 14 giorni, inseguito da un gruppo investigativo formato da esperti del settore. I famosi dovranno riuscire a non farsi rintracciare. 

Celebrity Hunted - Caccia all'uomo: tra serie e reality

Anche se è presentata come serie non-fiction, Celebrity Hunted – Caccia all’uomo non può che ricordare il mondo dei reality per costruzione della narrazione e regia. In particolare ricorda da vicino Pechino Express, la perla di Rai2 che ha anticipato l'esplosione del fenomeno Achille Lauro e lanciato presso il grande pubblico il presentatore Costantino della Gherardesca, che in Celebrity Hunted è presente nelle vesti di concorrente. Il racconto di Celebrity Hunted vive della contrapposizione tra cacciati e cacciatori, con numerose linee narrative dei vip in fuga che procedono parallelamente, tenute insieme dalla contrapposizione con la medesima sala operativa dove i cacciatori lavorano per tentare di rintracciarli. Le riprese sul campo poi sono inframezzate dai classici commenti in ambiente neutro dei protagonisti vip, così come avviene come prodotti come Pechino Express. 

  • Otto personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport italiano (tre coppie e due singoli) cercano di far perdere le loro tracce per 14 giorni. Hanno a disposizione un telefono cellulare di prima generazione e un bancomat, da cui possono prelevare solo 70 euro al giorno: ogni volta che useranno questi due strumenti, verranno immediatamente rintracciati. 

    Sulle loro tracce ci sono i cacciatori, coordinati dal quartier generale. Tutti loro sono professionalità coinvolte nel mondo della sicurezza e della sorveglianza: investigatori, criminologi, profiler, hacker, psicologi. Sono capitanati da Alfredo Mantici, Ex Capo del Dipartimento Analisi Strategica del Sisde e hanno accesso a mezzi simili a quelli delle forze dell'ordine (accesso alle videocamere, tracciamento delle chiamate). 

    Quando un concorrente viene fisicamente toccato da un un hunter, viene eliminato. I concorrenti ancora in gara a 48 ore dalla fine del programma riceveranno l'ubicazione del punto d'arrivo: quanti di loro riusciranno ad arrivarci senza venire catturati vinceranno l'edizione. 

AmazonClaudio Santamaria e Francesca Barra in Celebrity Hunted
Nella prima puntata a funzionare sono soprattutto i vip più scanzonati e sopra le righe, mentre gli attori arrancano un po'

Non che si limiti ad essere una semplice copia o non abbia ambizioni proprie, anzi. A colpire è il grandeur produttivo messo in campo dalla serie, a partire dal cast. Insieme ai classici "famosi ma non troppo" tipici di questo tipo di programmi (dove carriere in ascesa o in declino cercano il colpaccio) troviamo nomi di prestigio come quello di Costantino della Gherardesca e l'attore Claudio Santamaria (con consorte), oltre a due icone assolute come Fedez e Francesco Totti. Sin dal primo episodio è evidente come sia un progetto di lusso, girato con il miglior equipaggiamento possibile; una sorta di versione deluxe dei mezzi spartani con cui spesso Pechino Express segue i suoi protagonisti on the road. Tra droni, elicotteri, fotografia e regia curatissime e ad alta definizione, sembra di trovarsi davanti a un prodotto di livello cinematografico. 

  • I concorrenti della prima stagione dell'edizione italiana sono: 

    • Francesco Totti

    •  

      Fedez e Luis Sal

    • Claudio Santamaria e Francesca Barra

    • Costantino della Gherardesca

    • Diana Del Bufalo e Cristiano Caccamo

Qui la cosa si fa interessante, perché in effetti  Celebrity Hunted – Caccia all’uomo è meno televisivo di quanto le sue premesse lascerebbero sospettare. A partire dal fatto che non ha un presentatore vero e proprio, ma viene raccordato laddove strettamente necessario da una voce narrante, Celebrity Hunted a tratti richiama la serialità e il cinema. Le sue riprese sul campo non sono prive di un certo livello di sofisticazione (spesso superiore alla media delle fiction vere e proprie) e anche la sua scrittura è complessa. Forse troppo complessa. Chi scrive ha visto solo il primo dei sei episodi che compongono la serie: 51 minuti in cui si rimane moderatamente affascinati, ma che faticano a coinvolgere immediatamente lo spettatore. 

Non per sciatteria, anzi, forse per eccessiva fiducia in un pubblico tipo piuttosto pigro, abituato a lunghe introduzioni e presentazioni. Celebrity Hunted – Caccia all’uomo comincia in medias res, spiegando via via le regole del gioco o lasciando che sia addirittura lo stesso a renderle palesi. Una scelta interessante ma non sempre vincente, perché spesso a generare curiosità più che gli avvenimenti sono le mancate spiegazioni su come procederà il gioco, in base a regole ancora non esplicitate. Per fortuna ci sono i protagonisti a donare un po' di verve alle fasi meno brillanti: Totti la fa da padrone con il suo atteggiamento scanzonato, Luis e Fedez dimostrano grande dimestichezza con il racconto in camera, Costantino è sempre l'icona che conosciamo. Gli attori invece appaiono ancora un po' troppo seri per il contesto in cui si trovano. 

AmazonCostantino della Gherardesca passeggia per le strade di Roma
A garantire un po' di mordente al primo episodio è il carattere di alcuni dei protagonisti

Il limite principale di un prodotto davvero ben realizzato è questo, unitamente ad alcune mancanze che potrebbero venire colmate già nel secondo episodio. Se la prima puntata ruota tutta attorno al carisma dei vip che già conosciamo calati in una realtà differente, risulta difficile empatizzare con la squadra dei cacciatori, a cui sarebbe valsa la pena dedicare del tempo per una presentazione al pubblico di maggiore efficacia.

Il team di psicologici, criminologi, investigatori privati, hacker, ex questori e altre vere figure professionali (quindi palesemente poco avvezze ai tempi e ai modi della TV) capitanato da un leader con un passato nei servizi segreti come Alfredo Mantici ha molto potenziale televisivo, ma non crea un legame automatico con il pubblico. Così rischia per passare per un gruppo di figuranti, senza trovare il suo spazio. Sarebbe bello se Hunter oltre al lato ludico sviluppasse un po' anche il discorso pratico sulle situazioni criminali e reali in cui operano queste professionalità.  

AmazonAlfredo Mantici e il team di cacciatori sulle tracce di Totti, Fedez e degli altri concorrenti
Il team di Alfredo Mantici dovrebbe venire presentato più approfonditamente allo spettatore

Se l'azzardo di Amazon è abbastanza chiaro - posizionare un prodotto molto ambizioso in una nicchia dominata dalla TV tradizionale, nella speranza di coinvolgere un potenziale pubblico poco incline alla serialità narrativa - rimane qualche dubbio sull'esito. Il prodotto in sé ha una qualità produttiva notevole, ma risulta spesso così curato e controllato da sembrare figlio di una sceneggiatura, davvero poco spontaneo. Manca la dimensione sporcata e realistica (o per lo meno verosimile) del reality, almeno nel primo episodio.

Tutto sembra scritto e pianificato: le strategie di fuga per una serie così nuova sembrano sin troppo elaborate, come se ci fosse di mezzo lo zampino degli autori. Come spettatori si è di certo stuzzicati a proseguire, ma anche talvolta un po' disorientati. Di certo non siamo di fronte a un grande esperimento sociale, ma nemmeno a un prodotto insultante verso l'intelligenza dello spettatore: Celebrity Hunted – Caccia all’uomo è un prodotto di puro intrattenimento, ma realizzato con grande cura a una certa sperimentazione.

Questione di aspettative? Lo scopriremo a partire dal 13 marzo 2020, quando Amazon Prime renderà disponibili sulla sua piattaforma i primi 3 episodi della prima stagione. La seconda parte, comprensiva di finale, sarà disponibile dal 20 marzo 2020. 

  • La prima stagione dell'edizione italiana prodotta da Amazon ha 6 episodi, della durata di 50 minuti circa l'uno. 

  • I primi tre episodi saranno disponibili su Amazon Prime dal 13 marzo 2020. La seconda metà della stagione sarà disponibile dal 20 marzo 2020.

      Cerca