The Walking Dead 10 gioca con la morte e svela il piano di Negan

AMC L'attore Jeffrey Dean Morgan è Negan in The Walking Dead

L'ultimo episodio della decima stagione andato in onda su FOX omaggia e allo stesso tempo stravolge il fumetto di Robert Kirkman. A spiegarcelo è la showrunner Angela Kang.

The Walking Dead continua a regalare emozioni e colpi di scena sul piccolo schermo. E lo fa con una decima stagione che, ormai entrata nel vivo, mette finalmente in scena quella che è conosciuta come la Guerra dei Sussurratori

I sopravvissuti di Alexandria e Hilltop stanno infatti resistendo strenuamente al feroce attacco dei Whisperer, gruppo guidato da Alpha che vorrebbe plasmare il mondo in base alla propria visione primitiva. Un mondo devastato dall'epidemia zombie in cui le persone dovrebbero lasciarsi andare ai propri istinti naturali senza essere legati a regole e dogmi sociali, così da vivere nella natura al fianco dei vaganti, mimetizzandosi tra questi usandone la pelle e per l'appunto sussurrandosi tra loro.

E se è vero che sulle battute iniziali della Stagione 10 sembrava che Alpha e i suoi avrebbero prevalso, l'ultimo episodio di The Walking Dead andato in onda su FOX ha decisamente ribaltato le cose. E lo ha fatto con un incredibile colpo di scena, naturalmente "rosso sangue".

The Walking Dead 10, una morte che cambia tutto

Chi ha visto la puntata 12 - in programmazione in Italia ieri, 16 marzo - saprà infatti che la guida dei Sussurratori è ormai morta. Ad ucciderla è stato Negan (Jeffrey Dean Morgan), che è riuscito ad isolarla in un capanno e a tagliarle la gola, per poi decapitarla. 

Una sequenza brutale e shockante, per un gesto altrettanto violento che arriva dall'uomo che più di tutti era riuscito a conquistare la fiducia del personaggio interpretato da Samantha Morton, condividendo con lei pure un momento di passione.

I lettori dei fumetti sapranno comunque che l'atto omicida di Negan non nasce dall'impulso, ma fa parte di un piano orchestrato fin dall'inizio. Se nell'opera cartacea decide di infiltrarsi tra le fila dei Whisperer e uccidere Alpha per consegnare la sua testa a Rick e guadagnarsi la definitiva libertà dalla lunga prigionia in quel di Alexandria, nello show televisivo prodotto da AMC il tutto nasce grazie all'intervento di un altro personaggio. A spiegarlo è la showrunner Angela Kang ai microfoni del portale The Hollywood Reporter:

A volte cambiamo qualcosa della storia dei fumetti, ma ho subito voluto chiarire in sala di scrittura che avremmo tenuto la parte di storia in cui Negan uccide Alpha. È una storia iconica, ma dovevamo aggiungerci qualcosa di nostro. E quella è Carol.

Con Rick Grimes fuori dai giochi - lo riabbracceremo nei futuri film di The Walking Dead e, forse, in una grande battaglia finale - è dunque Carol (Melissa McBride) a ricevere come "trofeo" la testa ormai zombificata di Alpha. Si viene a scoprire che proprio Carol ha liberato dalla gabbia Negan per affidargli la missione di vendicare la morte di Henry:

È stato un momento molto d'impatto, in particolare il fatto che loro due fossero d'accordo fin dall'inizio, anche se Negan ha ideato da solo il piano. Comunque sì, abbiamo voluto seguire da subito la storia di Negan ed Alpha.

Pare evidente come gli autori di The Walking Dead abbiano saputo non rinunciare ad una delle sequenze più significative nella Guerra dei Sussurratori, modificandola per esigenze di copione e riuscendo a colpire al cuore anche i fan più accaniti, che magari erano già a conoscenza dell'evoluzione narrativa del fumetto. Voi siete tra loro? Cosa ne pensate di quanto accaduto ad Alpha per mano di Negan? 

Vi ricordiamo ancora una volta che la decima stagione di The Walking Dead va in onda ogni lunedì alle 21.15 con i nuovi episodi, naturalmente su FOX, canale 112 di SKY.

      Cerca