Ultras: guida alle location del film Netflix di Francesco Lettieri

Netflix Una scena del film Ultras ambientata a Pozzuoli

Dalla terrazza del Rione Terra di Pozzuoli al Parco Sommerso di Baia, ecco i set suggestivi dell'area flegrea nei quali il regista napoletano ha girato il suo lungometraggio d'esordio.

Ultras, l'esordio alla regia di un lungometraggio di Francesco Lettieri, è arrivato su Netflix, disponibile contemporaneamente in 180 Paesi.

Il film del regista napoletano, celebre soprattutto per i videoclip di Calcutta e Liberato, racconta il mondo degli Apache, un gruppo di tifosi organizzati fondato da Sandro "il Moicano" (Aniello Arena, l'attore lanciato da Reality di Matteo Garrone), ex leader colpito dal Daspo che, a quasi cinquant'anni e grazie all'incontro con Terry (Antonia Truppo, l'attrice vincitrice dei David per Lo chiamavano Jeeg Robot e Indivisibili), ha iniziato a mettere in discussione quel senso d'appartenenza e il rapporto d'amore viscerale con il Napoli.

Il cuore pulsante del film sono proprio le splendide location che fanno da sfondo alla storia di questa tribù della curva partenopea. Niente riferimenti alla Scampia di Gomorra o ai rioni popolari ricostruiti da L'amica geniale: lo ha spiegato Lettieri nella video-conferenza stampa di lancio del film.

È una Napoli lontana dal centro storico e dai vicoli con i panni stesi, lontana dal degrado della periferia che si concentra nell'area flegrea, tra vulcani inesplosi e le rovine greche e romane dove il mito e la leggenda convivono con la quotidianità.

Un'intenzione ribadita in un'intervista concessa al Mattino.

Volevo mostrare una Napoli poco vista e originale, lontana dai gomorrismi e dalla cartolina. Perciò, ho girato molto nell'area flegrea, tra Baia, Bacoli e Pozzuoli, provando anche a connettere i luoghi dei miti greco-romani alla contemporaneità metropolitana.

Lettieri ha usato Napoli e il centro in pochissime scene: appaiono scorci della tangenziale, dell'Università L'Orientale, della Mostra d'Oltremare e ovviamente dello Stadio San Paolo di Fuorigrotta. Soltanto nel finale si è spostato a Roma, allo Stadio dei Marmi del Foro Italico.

Le location principali di Ultras sono infatti nell'area flegrea – Pozzuoli, Bacoli, Baia – e nei paesaggi mozzafiato di Ischia, Forio e Lacco Ameno.

Pozzuoli, Bacoli e Baia

Il set più suggestivo è il Rione Terra, il borgo antico di Pozzuoli: si trova qui la terrazza dove il Moicano tiene il suo monologo per tenere a freno gli scontri tra vecchia e nuova generazioni di Apache e dove viene srotolato l'enorme striscione che diventa oggetto della disputa.

Sandro lavora alle terme ed è lì che conosce Terry. La location è quella delle Stufe di Nerone, il parco termale con le sorgenti naturali che sorge nello splendido scenario dei Campi Flegrei.

Gli altri colpi d'occhio puteolani che si ammirano nel film sono la Darsena dei pescatori (nota come "u' Valione"), il lungomare di via Napoli, la zona degli imbarchi del porto caratterizzata dalle bancarelle di "pere e musso" (il classico piede di maiale e muso di vitello della tradizione campana) e il quartiere di Monterusciello, tra i palazzi di via Severini e via Campigli. La chiesa che si vede nel film è la parrocchia San Gioacchino a Bacoli.

Completano le incantevoli scenografie naturalistiche i luoghi del Parco Archeologico dei Campi Flegrei (che in questo periodo di chiusura è visitabile online grazie al tour interattivo messo a disposizione dei visitatori sul canale YouTube del Mibact) e del Parco Sommerso di Baia, l'area marina dei resti archeologici (il celebre ninfeo di Punta Epitaffio con la statua di Dioniso) dove il Moicano si immerge a pescare le cozze.

Ischia, Forio e Lacco Ameno

Nella seconda parte del film, Sandro e Terry si concedono un viaggio a Ischia, dove lei non è mai stata. Durante il loro tour in microtaxi, si ammira la Litoranea che da Casamicciola arriva a Lacco Ameno.

Si possono inoltre vedere gli Scogli degli Innamorati a Forio, la vista panoramica di Largo Calise sul Castello Aragonese, il centro storico e le spiagge di San Pietro al Porto e della Mandra. In alcuni momenti si ammira pure l'area marina protetta dell'isolotto di Vivara.

A voi è piaciuto Ultras? E cosa ne pensate delle sue affascinanti location?

      Cerca