Lettera al re, le location della serie Netflix

Netflix Tiuri e i suoi compagni in Lettera al re

Dov'è stata girata Lettera al re? Ecco le location delle scene principali dello show.

Lettera al re potrebbe non essere la più straordinaria delle serie Netflix, ma le location giocano senz'altro un ruolo importante nello show. Tratto dal romanzo omonimo di Tonke Dragt, in sei episodi racconta la storia del valoroso Tiuri e del suo viaggio per consegnare una misteriosa lettera al sovrano di Unauwen: la strada è impervia e piena di minacce, e il giovane protagonista si trova investito di una responsabilità più grande di lui, pur contando sul sostegno dell'intraprendente Lavinia e di un gruppo di apprendisti cavalieri.

La serie Netflix è ambientata in un fantastico mondo medievale, dove non ci sono creature immaginarie come draghi o elfi ma esiste la magia. Per certi versi i villaggi, le vaste distese verdeggianti e i castelli potrebbero ricordare un po' Game of Thrones, The Witcher e Merlin. Il mondo di Lettera al re è suddiviso in tre regni (Dagonaut, Unauwen ed Eviellan), la società si poggia su un sistema feudale e le guerre vengono combattute da prodi cavalieri. Con l'incedere degli episodi, gli spettatori saranno affascinati dalle località che fanno da sfondo alla serie, da montagne innevate a piccoli borghi medievali, passando per boschi e pianure.

Ma dove è stata girata Lettera al re? Diamo uno sguardo alle location dello show di formazione di Netflix.

I paesi in cui è stata girata Lettera al re

Le riprese dell'avventura di Tiuri hanno avuto luogo principalmente in due paesi, Nuova Zelanda e Repubblica Ceca. Quelle in Nuova Zelanda si sarebbero svolte nel 2018, poco dopo che lo show ottenne il via libera da parte di Netflix. Tra le location si annoverano Queenstown (sulle sponde del Lago Wakatipu, nell'Isola del Sud)

e Auckland (grande città nel nord che si sviluppa intorno a due porti. Queenstown è una destinazione nota per gli sport all'aria aperta e lo sci.

L'Isola del Sud è stata utilizzata anche dal regista Peter Jackson per girare gran parte della trilogia de Il Signore degli Anelli.

Tra le località europee si annoverano invece Praga e un villaggio chiamato Kytin. Il cast e la troupe hanno condiviso immagini del set sulla Moldava, fiume che scorre internamente nella Repubblica Ceca (di cui è il maggior corso d'acqua).

Praga è stata utilizzata da molti studi cinematografici nel corso degli anni per realizzare ambientazioni medievali. Altre produzioni che sono state girate nel paese dell'Europa dell'est includono The Last Kingdom, Carnival Row e Knightfall, giusto per citarne qualcuno.

Altre somiglianze con Il Signore degli Anelli

Sebbene il romanzo di Tonke Dragt sia un fantasy per ragazzi e non abbia granché da condividere con il classico della letteratura scritto da Tolkien, l'ambientazione non è l'unico aspetto che accomuna le due produzioni: nel cast dello show Netflix, infatti, è presente Andy Serkis, attore che ha interpretato Gollum ne Il Signore degli Anelli e ne Lo Hobbit. Qui assume il ruolo di governatore di Mistrinaut, mentre sua figlia, Ruby Ashbourne Serkis, veste i panni della coprotagonista Lavinia.

Inoltre, la missione di Tiuri può in qualche modo ricordare quella di Frodo Baggins: il piccolo hobbit doveva infatti portare al Monte Fato l'anello, per distruggerlo nel fuoco da cui era stato forgiato, il protagonista di Lettera al re ha invece il compito di consegnare una missiva importantissima per il destino del mondo. In entrambi i casi, si tratta di una missione che spinge i personaggi a percorrere a piedi (o a cavallo) un lungo tragitto, caricandosi di un peso non indifferente.

Le location della serie

Per essere più precisi, le scene nelle vaste terre dei Regni Settentrionali di Dagonaut e Unawen, insieme a quelle di Eviellan (a sud), sono state girate in Nuova Zelanda; i castelli e i villaggi presenti nello show, invece, appartengono alla Repubblica Ceca.

Il castello di Dagonaut, in cui vive la famiglia Tiuri, è il castello di Kost: è situato vicino Libošovice, nella Boemia settentrionale (Repubblica Ceca). Nello show, gli esterni della fortezza sono stati creati tramite effetti speciali e inseriti in un paesaggio neozelandese, situato dall'altra parte del mondo. Anche le scene che si svolgono nel cortile sono state girate in questa roccaforte gotica.

La piazza della capitale Dagonaut ospita il castello di Bouzov. Situato tra Hvozdek e Bouzov, nella regione della Moravia, è una fortezza del XIV secolo ricostruita in stile neogotico. Il colore rossastro originale dei tetti e l'imponente torre di guardia di otto piani assumono una tonalità blu-grigio nella serie Netflix.

L'ingresso del sepolcro in cui si svolge la prova finale di Tiuri e compagnia alla fine del primo episodio è la riserva naturale delle rocce di Prachov (ovviamente sono state apportate le dovute modifiche in CGI).

Molte scene dell'accampamento, e con attori in sella ai cavalli, sembrano invece girate nei pressi del bellissimo lago Pukaki, vicino a Mount Cook, una delle location anche del film Lo Hobbit: Un viaggio inaspettato.

Nel secondo episodio, intitolato Non è un tesoro?, Tiuri si sveglia accanto al cavallo del Cavaliere Nero, Ardanwen, dopo essere fuggito dai Cavalieri Rossi. Si trova nell'Isola del Sud della Nuova Zelanda, sulle rive bianche del fiume Whataroa.

Sempre nell'episodio 2, viene mostrata la casa di Lavinia a Mistrinaut: le scene sono state girate nel castello di Pernštejn. Costruita su una roccia sopra la città di Nedvědice (nella Moravia meridionale), questa roccaforte gotico-rinascimentale è conosciuta come "castello di marmo" a causa delle pietre utilizzate per decorare le sue porte e finestre.

Il villaggio mostrato nell'episodio 5, intitolato La spirale,  è il museo all'aperto Repora, vicino Praga. Si tratta di una replica di una città medievale del XIV secolo, costruita utilizzando solo tecniche di quel periodo.

      Cerca