I migliori film di Robin Williams

Touchstone Pictures/Silver Screen Partners III Good Morning, Vietnam: uno dei migliori film di Robin Williams

Tra i tanti attori che hanno fatto la storia del cinema, c'è anche lui: Robin Williams.

Robin Williams è stato un performer che ha scritto molte pagine della storia del cinema, che si è inserito nei cuori del pubblico mondiale con il suo carattere esplosivo, genuino e unico. Un performer, anche perché il termine attore sarebbe davvero troppo riduttivo per descriverlo, posto che esista un termine giusto a farlo.

Un uomo che ci ha straziato l’anima quando ci ha lasciato quel maledetto 11 luglio 2014: ma forse, da allora, si è imparato ad apprezzarlo un po’ di più, andando a scoprire film e interpretazioni che continuano, comunque, a colpire le nuove generazioni.

Così, ecco una lista con quelli che, personalmente, ritengo siano I migliori film di Robin Williams: molto più di un semplice comico e attore, molto più di un semplice umano.

Popeye – Braccio di Ferro

Paramount Pictures/Walt Disney Productions/Robert Evans CompanyUn'immagine con i protagonisti del film Popeye - Braccio di Ferro

Casacca da marinaio e pipa in bocca, in questo film Robin Williams interpreta Braccio di Ferro: egli è alla continua ricerca del padre e vive in un paesino di mare che è abitato da gente strana e il cui piatto principale consiste in un panino imbottito. Proprio in questo paesino Braccio di Ferro conosce Olivia Oyl che però è fidanzata con una delle massime autorità, Bruto.

Tra Braccio di Ferro e Olivia nasce ben presto un sentimento che va oltre l’amicizia e il protagonista, oltre a questa novità, si troverà a fare da padre al piccolo Pisellino, un bambino che viene affidato a Braccio di Ferro da una donna misteriosa e che ha il pregio di dono di predire il futuro.

Good Morning, Vietnam

Touchstone Pictures/Silver Screen Partners IIIUn'immagine promozionale con Robin Williams del film Good Morning, Vietnam

Una radio, un microfono, il Vietnam e un uomo politicamente scorretto e ricco di humor. Elementi che riconducono al film diretto da Barry Levinson che ha lasciato il segno nel corso degli anni ’80 e che racconta la storia di Adrian, un disc-jockey mandato in Vietnam a metà degli anni Sessanta.

Un luogo e un periodo storico che hanno fatto perdere la trebisonda a molti combattenti: ciò accade anche ad Adrian che arriverà a perdere la sua vitalità per lasciare spazio a sentimenti più cupi. Ma andando alla ricerca di sé stesso ci sarà un valore a cui resterà fedele: raccontare esattamente quello che succede al fronte, senza censure.

L’attimo fuggente

Touchstone Pictures/Silver Screen Partners IV/A Steven Haft Production/Witt/Thomas ProductionsUn'immagine del film L'attimo fuggente

Forse il migliore film di Peter Weir, L’attimo fuggente ha fatto conoscere Robin Williams anche a chi, fino ad allora, non sapesse chi fosse. Diventato un cult e molto conosciuto anche alle nuove generazioni, Williams interpreta uno dei personaggi migliori della sua carriera, il professor John Keating, un insegnante di letteratura: egli, arrivato al collegio maschile Welton, insegnerà ai propri studenti l’importanza di seguire le proprie passioni e di trovare la propria strada, scontrandosi con chiunque lo impedisca. Impossibile dimenticare la frase più celebre del film del 1989: “Carpe Diem, cogliete l’attimo ragazzi, rendete straordinaria la vostra vita”.

Risvegli

Columbia Pictures/Parkes/Lasker productionsUn'immagine del film Risvegli

Diretto da Penny Marshall, Risvegli racconta la storia vera del dottore Malcolm Sayer che alla fine degli anni ’60 scopre gli effetti positivi di un farmaco in grado di curare i malati di Parkinson. Così facendo, egli decide di sperimentare il farmaco su Leonard Lowe, un paziente catatonico, che si risveglia dalla sua condizione e comincia a vivere e riscoprire un mondo che non è lo stesso di quello di una volta.

Tuttavia, il farmaco in questione ha delle controindicazioni importanti, generando tic, spasmi, sbalzi d’umore, oltre alla dipendenza allo stesso farmaco e all’alta probabilità di tornare ad uno stato catatonico.

La leggenda del re pescatore

TriStar Pictures/Columbia PicturesUn'immagine del film La leggenda del re pescatore

Cosa può succedere quando un deejay radiofonico, ricco di sensi di colpa per aver indotto un ascoltare a compiere un suicidio di massa, conosce un senzatetto alla ricerca del Santo Graal? A questa domanda ha risposto Terry Gilliam con il suo La leggenda re pescatore che vede Robin Williams e Jeff Bridges nei panni dei due protagonisti che stringeranno un’amicizia particolare, ma non per questo superficiale.

Hook – Capitano Uncino

Amblin Entertainment/TriStar PicturesUn'immagine del film Hook - Capitan Uncino

Può Peter Pan, diventato ormai adulto e senza ricordare il suo passato, tornare all’Isola che non c’è e vivere la vita con gioia, come quella dei bambini? In Hook – Capitano Uncino, film di Steven Spielberg del 1991, viene raccontata la storia di Peter Banning, un avvocato di mezza età, sposato con Moira e padre di due bambini, Jack e Maggie, che trascura la sua famiglia per via del lavoro.

La sua vita farà un viaggio nel passato quando la famiglia Banning si recherà a Londra per trovare la nonna di Moira, la signora Wendy Moira Angela Darling. Così, quando i due bambini verranno rapiti da Capitan Giacomo Uncino, Wendy rivela a Peter di essere il bambino orfano conosciuto come Peter Pan ed egli, grazie all’aiuto della fatina Trilli, tornerà sulla famosa Isola che non c’è.

Mrs. Doubtfire – Mammo per sempre

Twentieth Century Fox/Blue Wolf ProductionsUn'immagine del film con Robin Williams

Liberamente ispirato al libro Un padre a ore di Anne Fine, Mrs. Doubtfire – Mammo per sempre (diretto da Chris Columbus) racconta la storia di Daniel Hillard, un doppiatore di talento che, a causa del suo carattere vivace e senza pensieri, riesce a rendere difficile la vita alla moglie Miranda. Pur amando molto la famiglia e i suoi figli Lydia, Natalie e Christopher, Daniel arriverà a mandare su tutte le furie Miranda, organizzando una festa di compleanno per il figlio Chris, senza contare il fatto di aver perso il lavoro poco tempo prima.

Così a Miranda, che si vede costretta a chiedere il divorzio, vengono affidati i figli, mentre a Daniel il giudice concede pochi mesi per trovare un lavoro, un’abitazione e per rivedere a pieno i figli. Ma Daniel decide di aggirare l’ostacolo, travestendosi da signora e facendosi assumere come governante proprio da Miranda.

Jumanji

TriStar Pictures/Interscope Communications/Teitler FilmUn'immagine del film Jumanji

Adattamento dell’omonimo libro di Chris Van Allsburg, impossibile dimenticare Robin Williams nei panni di Alan Parrish in Jumanji. Il film di Joe Johnston inizia nel lontano 1869, quando due ragazzi del New Hampshire seppelliscono un forziere che viene ritrovato un secolo dopo proprio da un giovane Alan.

Così, il ragazzo, dopo aver scoperto l’esistenza di un gioco da tavolo dentro il forziere, lo porta da una sua amica, Sarah. Ma il gioco che i due iniziano non ha niente di normale e Alan, che viene risucchiato dentro il gioco, riuscirà ad uscirne solo ventisei anni dopo, quando due bambini, rimasti orfani di entrambi i genitori, trovano per caso la scatola in soffitta, dando inizio alla partita già iniziata anni prima.

Will Hunting – Genio ribelle

Be Gentlemen Limited Partnership/Lawrence Bender Productions/MiramaxUn'immagine del film Will Hunting - Genio ribelle

Realizzato nel 1997 e diretto da Gus Van Sant, Will Hunting – Genio ribelle è stato l’unico film a regalare a Robin Williams un Premio Oscar, ricevuto per la categoria Miglior attore non protagonista. È in questo film che l’attore interpreta lo psicologo Sean Maguire, un personaggio chiave per il film e per il suo protagonista, Will Hunting. Sarà proprio Sean, infatti, ad aiutare il giovane e scapestrato Will, dal talento innato per la matematica, instaurando con lui un legame profondo, facendogli fare pace con il proprio passato, così per avere una mente lucida e pensare al proprio futuro.

Al di là dei sogni

Polygram Filmed Entertainment/Interscope Communication/Metafilmics Un'immagine del film Al di là dei sogni

Amore, morte e vita oltre la morte: sono questi i temi trattai in Al di là dei sogni. In questo film di Vincent Ward del 1998, Robin Williams interpreta il protagonista, Chris Nielsen: egli è molto innamorato di sua moglie Annie ed è molto legato ai suoi due figli. Tuttavia, una serie di lutti cambierà la vita di tutti: i primi a morire saranno i due figli, rimasti uccisi in un incidente stradale, mentre, successivamente, toccherà anche a Chris lasciare la vita terrena.

Così, dopo aver raggiunto l’al di là, Chris incontra Albert, un giovane che lo guiderà per un breve tragitto in quello che sembra un dipinto di Annie, dai colori vivaci e ricco dei ricordi felici della vita passata. Tuttavia, il suicidio di Annie sconvolge l’equilibrio di Chris, deciso ad andare fino all’inferno per trovarla e rivederla ancora una volta.

Jakob il bugiardo

Columbia Pictures/Blue Wolf Productions Kasso Inc. Productions/Global Entertainment Productions GmbH & Company Medien KGUn'immagine del film Jakob il bugiardo

Seconda guerra mondiale, la radio trasmette un bollettino radio proibito che annuncia una notizia sconvolgente: i russi hanno avuto successo sui nazisti. A Jakob Heim, l’unico ad aver ascoltato il bollettino per puro caso, non resta che condividere quella notizia con due suoi amici: ma ben presto comincia a girare la voce che Jakob sia possessore di una radio, un simbolo di speranza. Sebbene non sia vero, Jakob decide di mentire, inventando fatti e situazioni per infondere fiducia e per non deludere gli abitanti del ghetto.

L’uomo bicentenario

1492 Pictures/Columbia Pictures/Laurence Mark Productions/Radiant Productions/Touchstone PicturesUn'immagine del film L'uomo bicentenario

Film del 1999, diretto da Chris Columbus e basato sull’omonimo romanzo di Isaac Asimov, L’uomo bicentenario segue la storia di Andrew Martin, un robot positronico che viene acquistato dalla famiglia Martin nel 2005. Acquistato solamente per svolgere il ruolo di domestico, Andrew lega molto con la figlia minore dei Martin, Amanda.

Inoltre, il robot dimostra di avere talento come intagliatore di legno e di essere dotato di una cosa unica per un robot: provare emozioni umane. Così, nel corso degli anni, Andrew comincia ad essere trattato come un membro vero e proprio della famiglia e inizierà ad avere un solo obiettivo per la vita: essere dichiarato un umano vero e proprio dal mondo.

Insomnia

Alcon Entertainment/Witt/Thomas Productions/Section Eight/Insomnia Productions/Summit EntertainmentUn'immagine del film Insomnia

Christopher Nolan, Robin Williams, Al Pacino. Bastano questi tre nomi per rievocare alla mente un film come Insomnia, realizzato nel 2002 e che segue le orme di Will Dormer, un detective molto conosciuto della squadra omicidi di Los Angeles che viene mandato insieme al suo collega Hap Eckhart in Alaska, alla ricerca dell’assassino che ha ucciso una ragazza di soli diciassette anni.

Dopo aver analizzato il corpo della ragazza e parlato con le persone a lei più vicine, viene ritrovato uno zaino con alcuni romanzi polizieschi del suo autore preferito, Walter Finch, uno scrittore locale. Sebbene Dormer abbia capito chi sia l’assassino, dovrà fare i conti con i suoi sensi di colpa e con l’intuito del suo avversario.

Patch Adams

Universal Pictures/Blue Wolf Productions/Farrell/Minoff/Bungalow 78 Productions/O EntertainmentUn'immagine del film Patch Adams

Basato sulla storia vera del Dr. Hunter ‘Patch’ Adams, il film di Tom Shadyac, uscito nel 1998, racconta proprio la storia di Hunter Adams. Conosciuto per aver lottato negli ’70, al fine di introdurre negli ospedali la risoterapia, la vita di Hunter non è in realtà così felice: segnato dal pensiero costante del suicidio, egli decide di internarsi in una struttura psichiatrica e, concluso il periodo di riabilitazione comincerà a vedere la vita sotto un’altra prospettiva, decidendo di voler aiutare il prossimo. Così facendo, inizierà a sviluppare il pensiero che la risata possano avere molti effetti positivi sull’umore delle persone, e si batterà contro tutti per far sì che questo trattamento non venga messo al bando.

L’uomo dell’anno

Universal Pictures/Morgan Creek EntertainmentUn'immagine del film L'uomo dell'anno

Elezioni presidenziali, campagne elettorali senza accesi scontri in televisione e senza l’ausilio di pubblicità a cui si aggiunge una vittoria fortuita. Ma L’uomo dell’anno non è solo questo: il film di Barry Levinson è molto di più: è una storia d’amore, una spy-story e (a suo modo) anche un thriller.

Perché Tom Dobbs, personaggio interpretato da Robin Williams, non è che un conduttore americano molto amato che decide di mettersi in gioco, finendo per essere eletto Presidente degli Stati Uniti. E tutto quello che sembrava filare liscio viene in realtà minato dalla società Delacroy che vorrebbe eliminare Eleanor Green, ‘colpevole’ di aver individuato un bug nel software delle società che avrebbe modificato le votazioni americane.

      NoSpoiler Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità

      Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Accetta e continua per prestare il consenso all'uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi . Potrai consultare le nostre Informativa privacy e Policy sui cookie aggiornate in qualsiasi momento.

      Cerca