Come finisce Mr Mercedes? Trama, differenze con i libri e indizi sulla stagione 4

Audience Mr Mercedes, il finale aperto e la possibile serie 4

Mr Mercedes porta sullo schermo la trilogia poliziesca del re dell'horror, apportando piccoli ma significativi cambiamenti nelle 3 stagioni della serie. C'è però ancora del materiale e il finale della stagione 3 lascia le porte aperte ad una stagione 4.

Stephen King è senza dubbio uno degli scrittori più prolifici del nostro tempo e sono poche le sue opere che non vantano almeno un adattamento televisivo o cinematografico. All’ombra dei più famosi It, Shining, Pet Cemetery e Misery, vi sono tantissime altre storie che il grande pubblico ancora non conosce. Mr Mercedes è tra quelle che purtroppo rimangono ancora di nicchia, nonostante il brillante adattamento in tre stagioni portato sul piccolo schermo da Audience.

La serie televisiva è estremamente fedele alla controparte letteraria, che però usa come una traccia, riuscendo ad approfondirne degli aspetti con abile maestria senza mai stravolgere la vera natura della storia e dei personaggi, aggiungendo proprio quel tocco in più che mancava. Ci sono però alcune differenze sostanziali nella trama e nell’ordine di adattamento. Dopo il primo libro/prima stagione, la serie televisiva adatta prima il terzo libro (che corrisponde quindi alla stagione 2) e poi il secondo, per ragioni di continuity che vedremo più avanti.

L’intero articolo è disseminato di spoiler quindi se ne consiglia la lettura solo a fine visione/lettura.

Mr Mercedes, primo libro e prima stagione della serie TV

Il romanzo Mr Mercedes vede la luce nel 2014, fregiandosi del titolo di primo hard boiled scritto da King. Lo scrittore infatti lascia completamente da parte il soprannaturale per delineare un classico poliziesco, un thriller ricco di suspense in cui un assassino intelligente, freddo e lucido ingaggia una lotta fatta di astuzia con un vecchio detective ormai in pensione ossessionato dal caso che non era riuscito a risolvere prima di ritirarsi.

Brady Hartsfield, per tutti il commesso silenzioso ma competente del locale negozio di tecnologia e il simpatico gelataio di quartiere, è in realtà l’assassino della Mercedes, che ha ucciso e mutilato decine di persone in attesa per l’apertura della fiera del lavoro. Bill Hodges è la sua nemesi, il detective che non è riuscito a catturarlo e con cui Brady vuole giocare al gatto con il topo.

La prima stagione è in generale la più fedele al libro di partenza, con pochi cambiamenti che riguardano certi personaggi a cui viene dato maggior peso nella vicenda (è il caso di Ida e Lou che approfondiamo nell’articolo dedicato ai personaggi). Le differenze principali si riscontrano negli ultimi episodi, infatti Brady nella serie una volta messo alle strette da Bill, uccide il capo del negozio di elettronica che aveva messo il detective sulle sue tracce. Dà poi fuoco alla casa e maschera il cadavere del capo come se fosse il suo. Programma di farsi esplodere durante il galà di apertura dell’Art Center e quando incontra la collega Lou, per evitare che mandi a rotoli i suoi piani, la accoltella.

AudienceGelataio di giorno, assassino di notte

Nel libro invece, dopo la morte della madre, se ne va di casa nascondendosi in un motel e mettendo a punto gli ultimi dettagli del piano: si farà esplodere al concerto dei ‘Round Here, gruppo che attrae soprattutto ragazzine. Al concerto sono presenti la madre e la sorella di Jerome che Brady vuole uccidere. In questo frangente quindi, Brady non ferisce Lou. È comunque sempre Holly Gibney a dargli il colpo di grazia ma non con un simpatico e altrettanto pesante soprammobile a forma di carlino bensì con una calza piena di sfere di metallo.

Infine, il libro si conclude con Brady che si sveglia e chiede notizie della madre.

Chi perde paga, secondo libro ma terza stagione della serie

Dopo la prima stagione, per mantenere maggiore continuity con il personaggio di Brady, lo show ha deciso di adattare non il secondo romanzo della saga Chi perde paga, ma bensì il terzo Fine turno. La storyline principale di Chi perde paga viene quindi adattata nella terza stagione. Questa scelta non ha però causato grandi sconvolgimenti alla storia, infatti il secondo romanzo è anche l’unico che non si focalizza nella lotta Brady-Bill ma segue una storia totalmente differente. Brady, che si trova ora in un letto d’ospedale in coma, compare solo poche volte quando Bill si reca a trovarlo e ad accertarsi che non ci siano miglioramenti nel paziente.

La trama di Chi perde paga è incentrata sull’omicidio di John Rothstein, scrittore anticonformista che deve la sua fama alla trilogia del ribelle Jimmy Gold. Il romanzo si apre nel 1978, la sera della morte dello scrittore quando Morris Bellamy, suo grande fan rimasto deluso da come l’autore ha fatto finire il tanto amato personaggio, fa irruzione a casa sua, per cercare non tanto i soldi ma dei preziosi taccuini che potrebbero contenere nuove avventure di Jimmy Gold. Morris finisce per ucciderlo e, scappando, seppellisce la refurtiva in un terreno vicino alla casa dove ha abitato da bambino. Quella sera stessa si ubriaca, stupra una donna e viene arrestato e condannato all’ergastolo. Quando finalmente uscirà di prigione 30 anni dopo, l'omicidio dello scrittore è ormai archiviato come cold case. Recandosi sul posto per recuperare e leggere finalmente i taccuini, Morris scoprirà che questi sono spariti.

AudienceL'omicidio dello scrittore innesca la vicenda di Chi perde paga

Siamo quindi nel 2010: il giovane Peter Saubers si imbatte per caso nei taccuini e nei soldi. Per prima cosa decide di utilizzare i soldi per aiutare i suoi genitori, infatti, il padre è rimasto disabile nella strage di Mr Mercedes e la situazione finanziaria non buona porta a continui litigi e contrasti a casa. Peter invia così ogni mese 500 dollari in anonimato a casa, riuscendo a risollevare la situazione e il morale dei genitori. Quando i soldi finiscono, Peter ha già letto tutti i taccuini e decide di rivenderli per fare altri soldi.

È in questo frangente che Morris esce di carcere e si reca dal vecchio conoscente Andrew Halliday, lo spietato proprietario di una libreria specializzata in rarità e contattato nel frattempo anche da Peter. Peter ha una sorella più piccola Tina che capisce che il fratello è invischiato in qualche guaio e si confida con l’amica Barbara Robinson, sorella di Jerome e che quindi le consiglia subito di parlare con Bill Hodges. Il ruolo di Bill, Jerome e Holly è quasi secondario nel libro e arrivano infatti a metà storia.

La terza stagione di Mr Mercedes adatta questa trama con piccole differenze. Innanzitutto vengono annullati i due piani temporali e quindi tutta la vicenda si svolge ai giorni nostri con continuità. Morris è un uomo di circa 30 anni, che è stato un ragazzo ribelle e anti conformista a cui Jimmy Gold ha cambiato completamente la vita. Il suo primo incontro con il personaggio è avvenuto da ragazzo per merito di Ida Silver, che all’epoca era la sua insegnante di letteratura. Crescendo ha cercato di tenersi lontano dai guai, ma le cose sono cambiate a causa di Mr Mercedes, infatti lui era presente la sera della strage alla Fiera del Lavoro e ne era uscito indenne per miracolo. Il fatto ha comunque lasciato dei segni indelebili nella sua anima. Con un amico che si reca a casa dello scrittore e la rapina si svolge allo stesso modo che nel libro, con la morte del compagno.

AudienceMorris Bellamy uccide Rothstein alla ricerca dei suoi taccuini

Dopodiché però Morris scappa in auto e ha un’incidente. Lasciando l’auto nel bosco dove è caduto, cerca aiuto sulla strada principale e un camion di passaggio lo porta all’ospedale. Morris non finisce quindi in carcere per trent’anni e inoltre ha anche una fidanzata, Danielle, che nei libri non è presente. In più, è spinto e aiutato nella vicenda da Alma Lane. Alma è un personaggio inventato nella serie, ma è la vera villain della stagione e attraverso di lei verrà approfondito il personaggio di Rothstein, ma ne perde irrimediabilmente Morris. È infatti Alma ad uccidere teatralmente Halliday e a prendere l’iniziativa per scovare Peter. Inoltre, avvicina e rapisce anche la madre del ragazzo, mentre nel libro la caccia avviene solo tra Peter e Morris.

Peter Saubers, invece, ha lo stesso background famigliare dei libri, è però figlio unico. Nella casa si respira un’aria meno tesa, ma l’incidente del padre è comunque un tassello fondamentale. Peter trova i taccuini e i soldi grazie al suo cane Boogers che si imbatte nell’auto distrutta durante una passeggiata nei boschi. Nel frattempo che manda i soldi a casa via posta cerca subito di rivendere i libri.

Bill Hodges nella serie è dipinto come un grande appassionato di Rothstein che inizia ad indagare nella vicenda subito dopo la morte dello scrittore sia per assicurargli giustizia sia perché spinto da una cospicua ricompensa messa in palio dalla polizia. Il detective conosce il padre di Peter dall’epoca della strage e si avvicina alla famiglia semplicemente indagando e capendo che Peter è  ricercato dall’assassino di Rothstein.

Fine turno, terzo libro ma seconda stagione

L’ultimo libro della trilogia mette definitivamente un punto alla vicenda e torna a focalizzarsi sul personaggio di Brady. Fine turno è stato quindi adattato nella seconda stagione ma, come vedremo, cambia per forza di cose il finale.

Nel libro sono passati ben 7 anni dalla sera del concerto e Brady è ancora in coma. O meglio, finge di essere in stato vegetativo, ma è in realtà sveglio e consapevole. Per anni il neurochirurgo che lo ha seguito, Felix Babineau gli ha iniettato dei farmaci sperimentali che hanno notevolmente aumentato le sue facoltà cerebrali, dandogli dei poteri. Brady ha quindi sviluppato una forma di controllo mentale, può spostare gli oggetti con il pensiero e manipolare le coscienze delle persone, spingendole ad agire per sua volontà.

Controllando Babineau e il bibliotecario dell’ospedale, Brady scopre di poter ipnotizzare le persone con un videogioco “Pesca nello stagno”. Quindi induce Babineau ad acquistare e distribuire le vecchie console Zappit, opportunamente modificate da Freddi Linklatter (Lou) e spinge i ragazzi che le usano al suicidio.

AudienceBrady viene sottoposto a cure sperimentali

Intanto a Bill viene diagnosticato il cancro al pancreas e ha pochi mesi di vita, ma una serie di omicidi e suicidi legati all’ospedale e a Brady lo insospettiscono e rintraccia così una serie di persone manipolate tramite lo Zappit. Nello scontro finale, Brady lascia morire il suo corpo ormai inutile e prende il controllo di quello di Babineau e si reca nel suo rifugio di caccia, pronto a utilizzare la rete di Zappit per uccidere quante più persone possibili. Holly e Bill però riescono a rintracciarlo. Brady ferisce Holly e cerca di manipolare la mente di Bill per farlo suicidare (ancora ci prova dal primo libro!). Bill viene salvato però dalla suoneria del telefono che spezza l’ipnosi. Intanto Holly lo spara e lo spinge ad uscire all’esterno. Senza che nessuno se ne sia accorto, anche Jerome è arrivato sul luogo a bordo di un gatto delle nevi. Brady viene quindi investito e muore tra atroci sofferenze (eh eh).

Alla fine del libro, anche Bill purtroppo muore a causa del cancro.

La seconda stagione è quindi differente. Innanzitutto ha molto piú peso la moglie del dottor Babineau che spinge il marito a somministrare un nuovo farmaco a Brady utilizzandolo come cavia. Brady riesce a riprendersi del tutto e addirittura ad abbandonare il letto di ospedale sulle sue gambe. Si lascia comunque dietro una scia di cadaveri spinti al suicidio con la mente e manipola altre persone (principalmente il bibliotecario) tramite un giochino del tablet.

Babineau infine diventa suo alleato per risolvere la faccenda a beneficio di entrambi. Quindi Brady viene presentato al mondo come una persona nuova, un sociopatico guarito e diventato ormai un essere umano buono e indifeso. Si svolge così un processo con il mondo diviso tra chi lo ritiene innocente e chi colpevole. Lou Linklatter però è ancora sconvolta da ciò che Brady le ha fatto e ha paura che venga rimesso in libertà. Quindi fabbrica una pistola con una stampante 3D e gli spara in tribunale.

Mr Mercedes stagione 4?

AudienceMr Merceds 3 segue il processo a Lou

Approdiamo così alla terza stagione, che insieme alla trama di Rothstein mantiene anche la storyline di Brady seguendo il processo a Lou. La ragazza è ora profondamente turbata a livello psichico e la serie tv ci lascia con il dubbio che nell’attimo della morte del suo corpo, Brady abbia spostato la sua coscienza nel corpo dell’ex amica.

I libri sono così più rassicuranti, una grande epica in cui l’eroe e il cattivo muoiono combattendo. Nella scena finale della terza serie vediamo che Lou ha trovato un nuovo lavoro come gelataia e questo basta per metterci i brividi e sperare però in una quarta stagione che li fughi tutti definitivamente.

Il canale di Audience è stato chiuso a Gennaio 2020 e al momento ancora non conosce il futuro della serie. Mr Mercedes è disponibile in Italia sulla piattaforma di Starz Play accessibile da Apple TV.

      Cerca