Roger Corman compie 94 anni: 10 suoi film da vedere in streaming

Shout! Factory TV Un primo piano di Roger Corman

Da La legge del mitra a Rock'n Roll High School, dieci classici del regista e produttore che "ha fatto cento film a Hollywood senza mai perdere un dollaro".

Roger Corman è una leggenda vivente. Il suo nome – come ha spiegato l'allora direttore del Festival di Locarno, Carlo Chatrian, quando lo ha omaggiato alla Filmmakers Academy – "da solo evoca un modo di intendere e di fare cinema, espressione di libertà e di indipendenza".

Corman, classe 1926, compie 94 anni il 5 aprile 2020: per festeggiarlo, abbiamo scelto 10 film da gustare sul divano di casa per celebrare questo importante compleanno. D'altronde, in totale, Corman di film ne ha prodotti oltre 400 e ne ha diretti più di 50, ma pochissimi si trovano sulle più note piattaforme di streaming.

"La mia carriera – ha scritto nella sua autobiografia, edita in Italia da Lindau – ha rappresentato un'anomalia a Hollywood. Mi hanno chiamato in tutti i modi, da 're del film di serie B' a 'papa del cinema pop'. Ho diretto più di 50 film indipendenti a basso costo, ne ho prodotti e distribuiti o distribuiti soltanto altri 250 per conto delle mie società, la New World Pictures e la Concorde-New Horizons. Mentre è tradizione a Hollywood che nessuno guadagni facendo cinema, comunque vadano le cose al botteghino, io sono riuscito a ricavare un profitto in 280 casi all'incirca, di quei 300".

Come non celebrare la straordinaria carriera di un personaggio così unico nella storia del cinema? Se colossi come Martin Scorsese, Joe Dante e James Cameron sono diventati quello che sono oggi, lo devono al caro vecchio Roger. Negli Stati Uniti, Shout! Factory TV omaggia il maestro con una maratona di sedici classici trasmessi in live-stream nel weekend del 4 e 5 aprile.

La legge del mitra

Corman debutta a Los Angeles nel 1948, ma è dal 1953 che comincia a produrre e dirigere film. Questo noir low-budget, realizzato nel 1958 e ispirato alla vita del gangster Machine-Gun Kelly, è un piccolo gioiello: Charles Bronson è al suo esordio come protagonista, le scene d'azione tengono con il fiato sospeso e l'introspezione psicologica del criminale non è così spiccia come può apparire. Da vedere insieme a La vita di un gangster del 1958 con Steve Cochran. Disponibile in home video su Chili e in streaming (in versione originale) su YouTube.

La piccola bottega degli orrori

Il capolavoro di Corman, diretto nel 1960 e girato – "in parte come uno scherzo e in parte come un esperimento" – in appena due giorni e una notte. Le vicissitudini del fioraio Seymour Krelboyne, che uccide per nutrire la sua pianta carnivora assetata di sangue, sono diventate un cult provocatorio e grottesco, soprattutto per orticoltori e vegani. Nel cast appare un giovanissimo Jack Nicholson. Da vedere insieme a Un secchio di sangue dell'anno precedente. Su YouTube è disponibile integralmente.

Il pozzo e il pendolo

Il più celebre dei "sette passi nel terrore" di Edgard Allan Poe realizzati da Corman. Vincent Price è il memorabile Nicholas Medina, figlio di un diabolico inquisitore e ossessionato dall'idea che la moglie defunta, Elizabeth (Barbara Steele), sia stata sepolta viva e che il suo fantasma si aggiri per il suo castello. Rifatto egregiamente dal compianto Stuart Gordon nel 1991, ma senza il "subliminal flash suggestion" (gli effetti speciali subliminali) del maestro.

Per completare la serie bisogna vedere I vivi e i morti (1960), Sepolto vivo (1962: l'unico senza Price come protagonista), I racconti del terrore (1962), I maghi del terrore (1963), La città dei mostri (1963), La maschera della morte rossa (1964) e La tomba di Ligeia (1964). Il pozzo e il pendolo si può gustare su YouTube.

L'odio esplode a Dallas

Uno dei film meno visti e più radicali, estremi e ribelli di Corman. William Shatner, non ancora famoso come capitano Kirk di Star Trek, è il suprematista bianco Adam Cramer, che si fionda in una cittadina del Sud per sobillare i sentimenti più bestiali della popolazione contro la minoranza nera e l'integrazione scolastica. Basato su un racconto di Charles Beaumont, The Intruder (questo il titolo originale) venne girato a Dallas appena un anno prima dell'omicidio di John Fitzgerald Kennedy. Tutto è tremendamente attuale. Il film è integrale su YouTube.

L'uomo dagli occhi a raggi X

Dopo il lovecraftiano La città dei mostri, Corman dirige il suo primo film a colori nel 1963, girato in Spectarama: lo spettatore vive con i suoi occhi l'esperimento del dottor Xavier (uno strepitoso e inquietante Ray Milland), lo scienziato che ha inventato un composto con il quale si può vedere attraverso i corpi solidi. Da un racconto di Ray Russell, una storia di fantascienza filosofica divertente e originale, adorata da Stephen King e dal finale allucinato e allucinante. Il film è integralmente su YouTube.

Il serpente di fuoco

L'anno è il 1967, il titolo originale è The Trip e il protagonista è Peter Fonda: tre elementi che già bastano per identificare questo bizzarro oggetto filmico, il racconto della notte allucinogena di un regista televisivo che ha appena preso per la prima volta l'LSD. Un autentico cult movie psichedelico, con bellissime musiche improvvisate dagli Electric Flag. Ci sono anche Bruce Dern e Dennis Hopper nel cast. E siamo due anni prima di Easy Rider. Il film è in streaming gratuito fino al 3 aprile (ma l'offerta potrebbe essere prorogata) su The Film Club, la piattaforma di Minerva Pictures. Altrimenti, c'è sempre YouTube (ma in versione originale).

Il clan dei Barker

Il titolo originale Bloody Mama suona decisamente meglio: è il 1970 e Corman dirige un gangster movie scarno e violentissimo che poggia su un ricco cast, dominato dalla spietata matrona Shelley Winters. Ma si possono ammirare Pat Hingle, Don Stroud, Bruce Dern e un giovane Robert De Niro. Il ritratto della famiglia criminale che compie rapine e rapimenti è cinico e preciso e il ritmo della narrazione è implacabile, tanto da incollare ancora oggi allo schermo. Il film è disponibile in home video su Chili, oppure – al solito – in originale sul Tubo.

Rivelazioni di un'evasa da un carcere femminile

Nel 1971 Corman avvia il filone women in prison affidando la regia di questo film al filippino Gerardo de León, che catapulta l'ingenua protagonista Jeff (Jennifer Gan) in un carcere infernale, dove a torturarla l'attende la sadica lesbica Alabama (Pam Grier). Quentin Tarantino, amante di Corman e del cinema filippino, l'ha omaggiato in Grindhouse - Planet Terror di Robert Rodriguez: il soldato stupratore che interpreta nel film ne sta guardando il trailer che passa in televisione. Il film è disponibile su Amazon Prime, ma anche (in versione originale) su YouTube. La visione è sconvolgente.

Anno 2000 - La corsa della morte

Siamo nel 1975 e Corman produce questo cult movie di fantascienza distopica e sociologica nel pieno della paranoia da Guerra fredda: David Carradine è Frankenstein, il misterioso pilota che partecipa ad una corsa automobilistica di distrazione di massa, in cui vince chi investe il maggior numero di passanti, meglio se vecchi e bambini. Nel cast si possono ammirare Sylvester Stallone (il pilota Mitraglia Joe!) e John Landis in un cameo. Esistono un sequel del 1978 (I gladiatori dell'anno 3000 di Allan Arkush), un remake del 2008 (Death Race di Paul W. S. Anderson, con tre sequel) e un reboot del 2017, Death Race 2050 di G. J. Echternkamp. Il filone degli sport mortali che parte da Rollerball e arriva ad Hunger Games comincia da qui. Lo trovate su YouTube.

Rock'n Roll High School

Corman è il produttore esecutivo di questa scatenata commedia alla Animal House diretta da Allan Arkush su soggetto scritto con Joe Dante, che catapulta i Ramones tra i corridoi della Vince Lombardi High School. P. J. Soles è la protagonista Riff Randell, la scatenata studentessa che porta i Ramones nella scuola dominata dall'autoritaria preside Evelyn Togar (Mary Woronov).

Joey, Johnny, Dee Dee e Marky raccontano nella biografia The Ramones - An Illustrated Biography che la produzione al risparmio gli fruttò un ingaggio di appena cinquemila dollari e loro furono costretti ad esibirsi dal vivo tra un ciak e l'altro per ripagarsi le spese. Il set, racconta però Dee Dee, "non era come quando andavamo noi alle superiori: potevi fumare, bere e fare qualunque cosa". Nella colonna sonora, oltre a un medley con Blitzkrieg Bop, Teenage Lobotomy, California Sun, Pinhead e She's the One, si possono ascoltare Chuck Berry, Devo, Alice Cooper e Brian Eno. Il film è disponibile su Amazon Prime e su YouTube.

Siete pronti ad ingaggiare questa maratona per omaggiare l'intruso che con la sua factory ha generato una delle più incredibili e rivoluzionarie avventure creative di Hollywood?

      Cerca