Quanto è stato cambiato davvero il copione di Star Wars 9?

Star Wars Episodio IX è, sicuramente, il film più polarizzante tra tutti gli 11 film che compongono la saga creata da George Lucas. E questo è anche dovuto ai vari cambi di sceneggiatura e alle toppe messe in corsa. Scopriamo quali sono, insieme.

Star Wars Episodio IX sta per arrivare nelle nostre case in formato Blu-Ray, DVD e digital download. In attesa di quel momento, oggi parleremo di tutti i cambi di sceneggiatura, veri o presunti tali, avvenuti fino all'uscite del film al cinema; delle scene tagliate, rimodulate o estese e di ogni personaggio poi tagliato in corso d'opera.

Leak su Reddit

Qualche tempo dopo l'uscita di Star Wars Episodio IX, precisamente il mese dopo, su Reddit, e un po' ovunque su Internet, sono rimbalzati vari rumor su una sceneggiatura scartata da parte di Lucasfilm e scritta interamente da George Lucas, con l'aiuto di altri sceneggiatori coinvolti più marginalmente. Sempre secondo questi rumor, il villain principale di questo film non avrebbe dovuto essere l'Imperatore Palpatine ma Il figlio, uno dei protagonisti del ciclo di puntate ambientate su Mortis, in The Clone Wars.

Non sapete chi è Il figlio? Presto detto: la personificazione vivente del Lato Oscuro della Forza. E, onestamente, questo avrebbe potuto essere davvero il villain definitivo della saga. Quale migliore conclusione se non la sconfitta del Lato Oscuro stesso, in forma definitiva, per chiudere una saga di ben 11 film?! Eppure, a quanto pare, la sceneggiatura di George Lucas è stata scartata da Disney/Lucasfilm e questo ha portato anche a un ulteriore allontanamento del regista californiano da Star Wars. Non per nulla, non si registrano dichiarazioni di Lucas riguardanti Episodio IX.

Ma ci sono anche leak riguardanti una sceneggiatura di Colin Trevorrow, colui che avrebbe dovuto essere il primo regista del film, poi sostituito in corsa da J.J. Abrams. E anche qui, i cambiamenti sembrano essere stati enormi, quasi titanici.

Il ritorno di Palpatine e la parentela con Rey

No, il ritorno di Palpatine non era nei piani della saga fin da Episodio VII e no Rey non avrebbe dovuto essere sua nipote. E tutto questo è evidente. Partiamo da Rey: tutto quello che abbiamo visto fa a cazzotti con quello che si era stato detto in Episodio VIII. "Sei figlia di nessuno". Episodio IX: "Sì, i tuoi genitori non erano nessuno, ma tuo nonno sì". Questo sa tanto di doppio salto mortale carpiato per riuscire a ricollegare tutto il film con una parte empatica che si sarebbe dovuta sviluppare nel fan e che, in due ore, non suscita proprio nulla. 

Per quanto riguarda, invece, il ritorno di Palpatine, beh, nemmeno questo era previsto. Infatti, secondo lo script di Colin Trevorrow, Palpatine sarebbe apparso sì nel film, ma come ologramma in un messaggio rivolto a Darth Vader. In tutto questo, l'Imperatore diceva a Vader di portare Luke, in caso di morte di Palpatine, direttamente da Tor Valum, suo maestro, perché lo istruisse. E in tutto questo, Kylo Ren sarebbe stato poi addestrato dallo stesso Valum e arrivato allo scontro finale con Rey.

Titolo e altri personaggi

Anche il titolo avrebbe dovuto essere diverso: Star Wars - Duel of the Fates.E se ci pensate, avrebbe avuto senso. Il duello finale avrebbe chiuso, definitivamente, una delle più lunghe saghe cinematografiche di sempre. Successivamente, però, il titolo è stato cambiato in corsa e poi è diventato "L'ascesa di Skywalker".

Per quanto riguarda, invece, i personaggi, Finn e Rose avrebbero dovuto essere tra i cardini dell'intero film. I due personaggi avrebbero condotto una missione in solitaria su Coruscant, mentre Rey, a fine film, avrebbe dovuto ridare vita all'Ordine dei Jedi, partendo dal bambino con la scopa già visto ne Gli ultimi Jedi. Kylo Ren, invece, non si sarebbe mai dovuto redimere nonostante l'intervento a più riprese del Fantasma della Forza di Luke Skywalker.

I cambi ufficiali

Ufficialmente Colin Trevorrow ha scritto una storia da seguire grandi linee e avrebbe dovuto essere anche lo sceneggiatore e regista del film. A lui, si sono poi affiancati Derek Connolly, J.J. Abrams e Chris Terrio. In seguito alla rinuncia (o allontanamento) di Trevorrow, la sceneggiatura è stata affidata a Michael Arndt e, ancora dopo, J.J. Abrams ha reclutato Chris Terrio per aiutarlo a sistemare la sceneggiatura di Arndt stesso. Insomma, 5 menti su un unico progetto.

Lo stesso Terrio si è lasciato andare ad alcune dichiarazioni riguardanti i costanti rewriting che si sono susseguiti durante il corso stesso della lavorazione:

Sembra un po' come un'inondazione. C'è una nuova sceneggiatura ogni giorno, ogni mattina. Ma si continua ad andare avanti, ancora e ancora, pensando sempre che non vada bene abbastanza.

[...] Fortunatamente, il team di produzione è così fenomenale da poter cambiare in corsa e aggiustare [i cambiamenti n.d.r.]. Chiaramente ci sono correzioni in corsa - proviamo cose e alcune non funzionano, mentre altre non sono abbastanza ambiziose. Alcune soluzioni sono troppo dense. Alcune sono troppo semplici. Altre troppo nostalgiche. Alcune sono troppo e basta.

Non si sa, effettivamente, la portata di questi rewriting ma sicuramente si avvertono in alcuni punti del film e la mancanza di direzione è stata sottolineata più volte anche nella nostra recensione de L'ascesa di Skywalker. La stessa scomparsa di Carrie Fisher ha portato problemi molto importanti nell'economia della storia, non volendo ricrearla in CGi e potendo utilizzare solo immagini di repertorio.

E voi cosa ne pensate? Vi è piaciuto il film o avreste voluto una storia diversa?

Leggi anche

      Cerca