I Simpson e quell'errore di montaggio lungo 20 anni nella sigla

© 2020 Fox Media LLC La famiglia Simpson al completo

Un piccolo errore nella continuità narrativa, con un montaggio che non mostra esattamente la stessa disposizione degli oggetti. Un'imprecisione apparentemente non significativa, ma che per 20 anni è rimasta sotto ai nostri occhi di fan de I Simpson...

I fan della famiglia gialla più amata del mondo ne hanno discusso spesso, e ora un articolo di Screenrant ha fatto notare anche a molti altri spettatori quell'errore di montaggio che per 20 anni è rimasto presente nella sigla iniziale de I Simpson.

Non è l'unico, non lo è mai stato, ma certamente è quello durato più a lungo: rimasto lì, inalterato, sotto i nostri occhi, per ben 20 anni.

Mentre la famiglia di Homer & Co. si dirige a grandi passi verso la stagione 32, il cui debutto in TV negli USA è previsto quest'anno, un argomento fin troppo conosciuto dai simpson-maniaci torna alla ribalta e crea nuove interessanti discussioni.

Nella scena in cui Marge torna in auto, rischiando d'investire Homer in garage, gli oggetti presenti in garage cambiano.

Prima vediamo una bicicletta con degli scatoloni, ma poi la bici sparisce.

Nelle successive versioni della sigla iniziale della serie di Matt Groening, rimasta sempre pressoché invariata, la bici viene eliminata, il garage è ordinato e organizzato e si evidenzia la coerenza fra gli oggetti che contiene mentre Homer viene inquadrato e subito dopo, all'arrivo di Marge in auto.

Cambiamenti a parte, una cosa è certa: la sigla iniziale de I Simpson è qualcosa che tutti noi abbiamo imparato a conoscere.

Fra la mitica scritta di Bart alla lavagna, i residui radioattivi della centrale nucleare di Springfield e l'immancabile scenetta che riunisce la famiglia sul divano, con variazioni sempre più fantasiose episodio dopo episodio, questa brevissima sequenza animata della durata di un minuto è entrata a far parte dell'immaginario collettivo, della cultura popolare e di un appuntamento che da oltre trent'anni unisce i telespettatori di tutto il mondo.

Leggi anche

      Cerca