In un batter d'occhio: le anomalie temporali di Tales from the Loop, il loro ordine cronologico e le influenze sui personaggi

Amazon Prime Video Oscar fotografa i fiori con la nonna

Il flusso temporale in Tales from the Loop è tutto fuorché lineare: ecco la guida ai principali salti temporali della serie e le ricadute sulle storie dei personaggi.

Il tempo è un concetto stratificato e mai univoco nella serie fantascientifica Tales from the Loop. Sin dalla sua apertura, quando Jonathan Pryce afferma sibillinamente che impareremo a conoscere i personaggi della storia con il trascorrere tempo, è semplice intuire che proprio lo scorrere non lineare dello stesso sia uno degli elementi centrali nella narrazione delle vicende. 

Grazie a o per colpa dell'artefatto presente nel sottosuolo della cittadina dell'Ohio in cui è ambientata la vicenda, alcuni personaggi si trovano a vivere anomalie temporali degne del miglior prodotto fantascientifico. Come da titolo, la storia finisce per somigliare a una lemniscata, in cui una serie di eventi ricorrono continuamente anche se non mancano cambiamenti sostanziali e incancellabili. Tra i protagonisti della serie c'è chi finisce in un'altra linea temporale, chi perde interi anni della propria vita in una passeggiata che sembra durare appena un pomeriggio, persino chi trova un modo per fermare il tempo.

Gli 8 episodi di Tales from the Loop sono in un certo senso autoconclusivi, ma raccontano una storia generale ampia e complessa, piena di rimandi ed evoluzioni. Dato che le storie delle singole puntate non sono raccontate in ordine cronologico, si può finire per fare confusione, soprattutto considerando che alcuni protagonisti vengono presentati in momenti diversi della loro vita e scopriamo solo in seguito la loro identità. 

Per fare un po' di chiarezza e capire ancora meglio la complessità narrativa e la bellezza concettuale di questa serie, trovate a seguire una piccola guida con le maggiori anomalie temporali di Tales from the Loop, divise episodio per episodio. Attenzione però: la lettura dei singoli paragrafi può fornire importati spoiler a chi non abbia concluso la visione della serie, quindi procedete con cautela. 

Episodio 1 - Loop 

La piccola ragazzina protagonista che si vede scomparire la casa e la madre è Loretta, la madre di Oscar. Per capire fino in fondo le implicazioni di questo episodio bisognerà arrivare all'ottavo e ultimo, che vede come protagonista proprio il figlio Oscar e che funge da conclusione alla storia di questa donna eccezionale, colpita da una serie incredibile di lutti, dalla mente scientifica brillante ma dall'approccio materno difficile. 

La madre di Loretta, Alma, era totalmente assorbita dalla sua ricerca, tanto che la figlia è cresciuta indipendente e totalmente capace di badare a sé e alla madre. Quando Alma usa per un esperimento un pezzo rubato dall'Eclisse (l'artefatto composto da tanti pezzi di pietra nera alla base del Loop) innesca una reazione senza ritorno. La donna e la casa in cui è cresciuta Loretta si sfaldano nel tempo, così come la neve nel capanno in cui la condurrà Oscar. Dato che la neve scorre dal basso all'alto, è probabile che questo effetto riporti la materia indietro nel tempo, facendola pian piano scomparire quando si raggiunge il punto della sua esistenza.

Amazon Prime VideoIl poster di Tales from the Loop ritrae una scena del primo episodio
Uno dei poster della serie ritrae un passaggio del primo episodio in cui Oscar aiuta involontariamente la madre ancora giovanissima

Loretta si salva perché è a scuola quando il processo si compie (nonostante fosse in casa al momento dell'innesco): come effetto però sembra essere sbalzata in una linea temporale diversa, dove c'è un'altra Loretta ormai adulta. Quando Oscar la porta a casa propria, la bambina trova nel portagioie di sua madre una verifica di matematica del tutto identica alla sua e capisce che la donna è il suo doppio. Tuttavia il caso vuole che non incontri Russ, il capo del Loop. Dopo un po' di tempo anche Loretta ormai adulta capisce quanto successo e porta la bambina nel laboratorio. Prima di farle rimettere a posto l'artefatto e rimandarla nella sua linea temporale, le rivela due importanti informazioni: anche lei ha vissuto quell'esperienza, ma negli anni si è convinta (forse anche su insistenza di Russ) che quel viaggio nel tempo sia stato solo un sogno. Al suo ritorno non troverà la madre e la sua vita cambierà. Non sapremo mai come se la sia cavata nessuna delle due Loretta. Sappiamo solo che Russ non amava molto la nuora quando lei si sposò con suo figlio George. 

Episodio 2 - Transpose

In questo episodio non ci sono vere e proprie anomalie temporali. Tuttavia si regista un evento che avrà tante ricadute nella serie.

Il fratello di Oscar Jakob e il suo amico Danny troveranno un bizzarro artefatto simile a una mina navale che permette a due persone di scambiarsi i corpi. I due ragazzi adolescenti proveranno a scambiarsi le vite dell'altro per un paio di giorni. A causa di una reazione egoista di Danny (che non vuole tornare nel suo corpo e alla sua vita precedente), Jakob rimane intrappolato in uno dei tanti rottami robot che popolano la foresta dove si trova l'artefatto che i due hanno usato. 

Il corpo di Danny, non abitato dalla coscienza di nessuno, finisce in coma. L'unità che i due avevano utilizzato viene smantellata, rendendo impossibile per entrambi tornare nel corpo precedente. 

Episodio 3 - Stasis

La ragazza di Jakob May trova un bizzarro oggetto simile a un thermos mentre tenta di pescare in riva al lago. Con la complicità di Ethan, un ragazzo da cui è sempre più attratta, riesce a riparare l'oggetto e ne scopre il funzionamento. Il potentissimo artefatto può bloccare il tempo a un singolo istante. Solo chi indossa una sorta di bracciale che fa parte dell'oggetto stesso ne rimane immune e può continuare a godersi lo scorrere del tempo senza rimanere congelato in quel dato istante. 

May e Ethan bloccano il tempo e trascorrono settimane e mesi in questo paradiso di stasi. I due cominciano a vivere insieme, a fare spese, a ridere e fare l'amore in una casa altrui, mentre tutti gli altri (umani, animali, oggetti) sono fissi nel tempo, bloccati in un singolo istante. Quando decidono di far ripartire il tempo, i due amanti scoprono che il congegno ha di nuovo bruciato il componente che lo alimenta e bisogna trovare un sostituto per farlo ripartire. May chiede a Ethan di promettere che non la lascerà mai sola, perché non ama trovarsi sola con sé stessa. Durante la ricerca dell'elemento necessario a riparare l'artefatto e far ripartire il tempo, il ragazzo infrangerà la promessa, dopo che May gli darà dello storpio a causa del suo piede malformato. 

Amazon Prime VideoEthan e May conversano sdraiati per strada
Ethan e May consumeranno una prima volta davvero memorabile mentre il tempo è sospeso per il resto del mondo

Rimasta sola May riesce a riparare il congegno e far ripartire il tempo. Per il resto del mondo è passato un secondo appena, ma per Ethan e May è trascorsa un'intera storia d'amore. Dopo qualche tempo lui cercherà di dirle che l'ama ancora ma lei - ispirata dalle parole del padre secondo cui "le relazioni speciali sono destinate a non durare nel tempo" - lo respingerà. 

Episodio 4 - Echo Sphere

Forse l'episodio più bello dell'ìntera prima stagione, come vi anticipavo nell'analisi dedicata. In questo caso Il tempo scorre in maniera inarrestabile e lineare, nonostante Oscar faccia di tutto per provocare un'anomalia capace di salvare la vita al nonno Russ, che gli ha rivelato che morirà presto a causa di una malattia incurabile. 

Amazon Prime VideoLa locandina del quarto episodio di Tales from the Loop
La locandina dedicata al quarto episodio della prima stagione di Tales from the Loop

La sfera dell'eco del titolo è l'unico oggetto misterioso della puntata. Russ spiega al nipote Oscar che, parlando al suo interno, si potrà sapere quanto a lungo si vivrà. Oscar prova a parlare e sente 6 echi, 6 voci del suo futuro sé adulto. Quando Russ prova a parlare, non c'è eco: infatti morirà poco più tardi. 

Episodio 5 - Control

Anche in questo episodio non ci sono anomalie temporali. L'unico oggetto tecnologicamente inconsueto è un robottino demolitore che Ed - il padre di Danny e Beth - si procurerà per tenere la propria famiglia al sicuro dopo aver intravisto uno sconosciuto che osservava la giovane ragazzina dalla finestra di casa. 

Amazon Prime VideoIl poster dedicato al quinto episodio Tales from the Loop
Il poster dedicato al quinto episodio Tales from the Loop

La ragazzina sordomuta non gli rivela che a farle visita è Jakob, nel cui corpo è imprigionato il suo vero fratello Danny. L'episodio ruota attorno alle paure e ossessioni di Ed, patologicamente convinto di essere l'unico responsabile della protezione della sua famiglia in forte difficoltà economica. 

Episodio 6 - Parallel

Questo episodio è invece interamente incentrato su un parodosso temporale. Gaddis, guardiano all'ingresso del Loop, conduce una vita solitaria dedicata alla scrittura e alla musica. Omosessuale, non è ancora riuscito a trovare la sua anima gemella. Ogni giorno nel suo gabbiotto contempla rapito la foto di un pianista che a trovato a bordo di uno strano trattore abbandonato. 

Con l'aiuto di May riuscirà a ripararlo, ma si troverà sbalzato in un'altra linea temporale, a tu per tu con sé stesso. Un'amara sorpresa l'attende: l'altro sé è felicemente accoppiato, proprio con il bellissimo uomo ritratto nella foto. I due Gaddis, avendo gli stessi hobby e le stesse passioni, se la intendo a meraviglia, ma al clandestino temporale piace da impazzire Alex, il ragazzo di sé stesso. Alla fine i due finiranno a letto insieme e Gaddis tradirà la fiducia di sé stesso. 

Amazon Prime VideoGaddis spaesato si ritrova insieme al trattore riparato in un'altra linea temporale
Gaddis finirà sbalzato in un'altra linea temporale, confrontandosi con una versione differente di sé stesso

Più tardi l'altro Gaddis scoprirà il tradimento ma reagirà in maniera inaspettata: spiegherà al Gaddis solitario che Alex non è il ragazzo perfetto che lui immagina e che spesso lo tradisce con altri uomini. Quella per l'altro Gaddis è solo una cotta passeggera e non lo lascerà per stare insieme a lui. Il Gaddis solitario se ne va, pur non avendo trovato il modo di tornare alla sua linea temporale. 

In una tavola calda troverà la versione alternativa di un uomo che aveva tentato di abbordarlo qualche tempo prima nel suo mondo, con pessimi risultati. Messo da parte il pianista della foto tanto idealizzato, Gaddis sarà più disponibile e scoprirà punti in comune con l'uomo. Rimarrà in questa linea temporale, tanto che più avanti nella serie il guardiano all'ingresso del Loop sarà un'altra persona. 

Episodio 7 - Enemies

L'identità del giovane protagonista dell'episodio rimane celata per la prima parte della puntata. Enemies vede come protagonista George, il padre di Oscar e racconta come abbia perso il braccio. Il tempo sembra sfarfallare quando il ragazzino viene lasciato per scherzo dagli amici su un'isola a cui il padre Russ gli ha chiesto di non avvicinarsi e che si crede abitata da un mostro. 

George verrà morso da un serpe e il braccio andrà in cancrena. Quando il giorno dopo gli amici lo troveranno e lo porteranno in salvo, sarà troppo tardi per l'arto, che verrà amputato. George però nella lunga notte trascorsa sull'isola ha incontrato una misteriosa creatura (il nemico del titolo) dall'aspetto minaccioso. Nella frenesia di difendersi, George gli ha lesionato un braccio. Anni dopo, successivamente alla morte di Russ, scoprirà che quella creatura è un "figlio" degli esperimenti del padre, una creatura robotica mal riuscita che lo scienziato ha esiliato sull'isolotto, preoccupato che qualcuno potesse fargli del male. 

Ormai adulto, George torna sull'isola e incontra la creatura, malconcia e spaventata. Gli fa dono del suo braccio meccanico per riparare alla ferita che gli aveva inflitto un tempo. 

Episodio 8 - Home 

Dopo la morte del nonno e il trasferimento in un nuovo appartamento di Jakob, Oscar è molto scosso e destabilizzato. Un giorno passeggia con la nonna in un campo fiorito con alle spalle le misteriose torri che svettano su tutta la città e le gli rivela di aver visto una figura lassù qualche tempo prima. Più tardi scopriremo che Oscar salirà sulla stessa torre in circostanze molto particolari.

Oscar va a trovare il fratello nel suo nuovo appartamento e scopre che è in realtà Danny ad abitare il corpo del fratello. Dopo aver scoperto la verità, corre dalla madre, deciso a recuperare il robot in cui si trova Jakob. Loretta al laboratorio non c'è, per cui Oscar s'inoltra nel bosco alla ricerca di Jakob. Riesce a trovare il fratello a ricongiungersi con lui. Poco più tardi lo esorta a lasciare il bosco e andare dalla madre per trovare un soluzione.

I due attraverseranno uno strano ruscello ghiacciato e verranno poi attaccati da un robot minaccioso. Jakob combatterà per salvare il fratello, ma il danno riportato sarà fatale. Poco più avanti, il robot si spegnerà. Oscar piange il fratello e crea per lui una tomba circondata di pigne, che lui ama collezionare. Tornando indietro trova il ruscello non più ghiacciato e, facendoci galleggiare sopra il pallone, scoprirà che torna subito nelle sue mani, come scorrendo su un percorso circolare. Dopo averlo guadato, il piccolo torrente si ghiaccia di nuovo. 

Amazon Prime VideoRebecca Hall al cospetto dell'Eclisse
Loretta è un personaggio tragico, che perde tutti i suoi cari ma aspetta tenacemente il ritorno di Oscar disperso nel tempo

Oscar fa ritorno a casa e trova una sorpresa incredibile: la madre è invecchiata di almeno 20 anni. Loretta lo ha aspettato tenacemente sin dal giorno della sua scomparsa e si è vista morire attorno la nonna di Oscar e il suo papa e proprio marito George. Rimasta da sola e invecchiata, Loretta ha aspettato Oscar. Quando il ragazzino le racconta l'accaduto, lei individua il ruscello come fonte del fenomeno. 

Oscar si ritrova a giocare con la figlia di Jakob/Danny, che si è sposato con la sua fiamma di un tempo (almeno a giudicare dal colore ramato dei capelli della figlia). L'uomo ha rivelato la verità a Loretta, che quindi ha perso l'intera famiglia: Jakob, George, Russ e sua moglie, oltre alla madre Alma. Tornano a scuola, Oscar incontra la sua maestra di un tempo, l'unica a non essere invecchiata di un giorno: lei gli rivela di essere un robot creato da Russ dopo il primo esperimento fallito esiliato sull'isola. 

Dopo aver scattato una foto alla madre (e intuito l'identità della ragazzina del primo episodio), in un battito di ciglia ritroviamo Oscar adulto, che porta la sua famiglia a vedere la casa dove ha vissuto da bambino, dopo essersi trasferito lontano dal Loop.

Tales from the Loop è disponibile su Amazon Prime Video dal 3 aprile 2020. Per scoprire come è nata la serie Amazon potete leggere l'approfondimento dedicato.

Leggi anche

      Cerca