Potrebbe arrivare il perdono presidenziale per Joe Exotic?

Joe Exotic, protagonista della docu-serie Tiger King targata Netflix, potrebbe avere la grazia presidenziale. Interrogato da un giornalista, il Presidente Donald Trump ha affermato che rifletterà sulla questione, sebbene non sapesse chi fosse.

Netflix Primo piano di Joe Exotic con una tigre

Dopo il successo della docu-miniserie prodotta e distribuita da Netflix, Tiger King (Tiger King: Murder, Mayhem and Madness), si torna a parlare di Joe Exotic, star dello show che è attualmente in carcere.

Alla domanda circa un'eventuale grazia per Exotic, posta da un giornalista al Presidente Donald Trump, quest’ultimo ha prima risposto:

Non so niente al riguardo.

Dopo la spiegazione del giornalista su chi fosse Joe Exotic, condannato per numerose accuse di abuso, maltrattamento e violenza sugli animali e per tentato omicidio, il Presidente ha dunque detto:

Pensi che l'abbia fatto? Sei dalla sua parte? Mi stai chiedendo la grazia? Darò un’occhiata.

In realtà, guardando il video, la risposta di Trump sembra più un’esclamazione di circostanza che una reale intenzione di pensare alla sua prematura liberazione o, forse, no?

La serie Netflix racconta la storia di Joseph Allen Maldonado-Passage – più conosciuto come Joe Exotic – ex operatore di zoo e proprietario del Greater Wynnewood Exotic Animal Park in Oklahoma, negli USA, accusato – come detto prima - di abuso e sfruttamento di animali selvatici, in special modo tigri.

Diventato anche una star su YouTube dove faceva sfoggio dei suoi animali “domestici”, era stato contattato dall’attivista per i diritti degli animali Carole Baskin – proprietaria di Big Cat Rescue, un santuario per animali - che aveva iniziato una compagna contro di lui dopo essere venuta a conoscenza di ciò che stava accadendo. Ben presto, Baskin è stata vittima di minacce di morte firmate dall’uomo stesso.

Nel 2017, Joe Exotic ha confessato – a un agente dell’FBI che si trovava sotto copertura – di aver assunto qualcuno per uccidere la donna, offrendo 3mila dollari di ricompensa e altri soldi a omicidio portato a termine. Circa un mese dopo, aveva provato ad assumere un nuovo killer, che si era rivelato essere proprio l’agente dell’FBI sotto copertura. Da qui, l’arresto dell’uomo per tentato omicidio che ha, poi, dovuto affrontare altre accuse.

Due accuse di tentato omicidio, otto accuse per violazione del Lacey Act e falsificazione di documenti sulla fauna selvatica e nove accuse per la violazione dell'Endangered Species Act (la legge che tutela le specie in via d’estinzione) per un totale di 22 anni di carcere. Tra le tante accuse, quella di aver ucciso con arma da fuoco cinque cuccioli di tigre, oltre che diversi cavalli per nutrire le sue tigri e i leoni.

Attualmente, Joe Exotic si trova in isolamento presso il Federal Medical Center di Fort Worth, in Texas, dov’è stato trasferito dal carcere di Grady County in Oklahoma: l’uomo potrebbe, infatti, essere stato infettato, dopo essere stato in contatto con alcuni prigionieri affetti dal COVID-19.

La serie Netflix, Tiger King, mostra la vita di Joe Exotic: dal suo rapporto con gli animali alle vicissitudini sia finanziarie che legali, passando per le sue ambizioni politiche e, naturalmente, la condanna.

Composta da sette episodi, la docu-serie è disponibile su Netflix dal 20 marzo 2020.

Leggi anche

      Cerca