Splash - Una sirena a Manhattan ha avuto una strana censura su Disney+

Alcune scene di Splash - Una sirena a Manhattan sono state modificate per eliminare dei momenti di nudo parziale della protagonista Daryl Hannah.

Touchstone Pictures/Disney Tom Hanks e Daryl Hannah in Splash - Una sirena a Manhattan

Ti ricordi di Splash - Una sirena a Manhattan? Si tratta di un film cult della metà degli anni '80, il primo ruolo da protagonista sul grande schermo di Tom Hanks, che da il via alla sua collaborazione con Ron Howard con cui collaborerà ancora in Apollo 13 e nelle trasposizioni dei romanzi di Dan Brown. Al centro di quella pellicola c'è la storia d'amore tra il personaggio interpretato dall'amatissimo attore e Madison, una sirena che abita le acque della zona di Manhattan. Se vuoi rinfrescarti la memoria, ora lo puoi trovare su Disney+, ma a quanto pare non si tratta della versione originale del film. Gli appassionati hanno infatti notato delle piccole censure che riguardano alcune scene di nudo parziale della protagonista, interpretata da Daryl Hannah.

A dire la verità, è la stessa piattaforma a dichiararlo apertamente all'inizio della pellicola. Prima dei titoli di testa infatti compare una scritta che recita proprio "Questo film è stato modificato dalla sua versione originale. È stato modificato per i suoi contenuti". Ma qual è stato l'elemento inadatto che è stato necessario eliminare? Stando agli amanti di questo cult che hanno verificato, si tratta del posteriore di Daryl Hannah.

Disney+ non voleva sederi sulla propria piattaforma, quindi hanno modificato Splash con la computer grafica.

Ci sono infatti alcune sequenze in cui la giovane sirena, che quando è asciutta ha la possibilità di trasformarsi in una ragazza umana, compare nuda sullo schermo. Si tratta di sequenze ovviamente molto moderate, visto il target orientato ai giovani, dove non viene sottolineata la componente sessuale e non si vedono genitali o seni, coperti dai capelli lunghi di Madison o da inquadrature apposite. Nella versione originale era tuttavia visibile il posteriore della ragazza in questi momenti ma, come potete vedere dalla clip qui sopra, guardando il film sulla piattaforma si può notare che è stato coperto in digitale.

Una modifica simile avviene in un momento precedente della pellicola. Quando infatti Madison emerge dalle acque per avventurarsi dalle parti della Statua della Libertà la camera inquadra ancora una volta il suo posteriore in primo piano dal lato. Nella versione presente su Disney+ però questo è stato ampiamente sfocato.

Modifiche certamente minori, fatte per aderire più rigidamente agli standard della piattaforma che punta a offrire contenuti più adatti possibile alle famiglie. Tuttavia queste decisioni hanno acceso un dibattito tra gli amanti di questo mitico cult degli anni '80. E tu, cosa ne pensi?

Via Variety

Leggi anche

      Cerca