What We Do in the Shadows 2: ecco Guillermo l'ammazzavampiri!

Da aspirante vampiro, il suo sogno fin da piccolo, ad ammazzavampiri di stirpe reale: ecco cosa ci aspetta nella geniale seconda stagione di What We Do in the Shadows grazie al personaggio di Guillermo...

La seconda stagione di What We Do in the Shadows, la geniale vampire comedy che Jermaine Clement ha adattato dall'omonimo film realizzato insieme a Taika Waititi, sta per arrivare.

Il debutto è previsto per il 27 maggio su FOX, il giorno prima dei nuovi episodi della sesta e ultima stagione de Le regole del delitto perfetto.

Nuove risate sono assicurate, mentre gli autori puntano tutto sull'inaspettata (e per la verità involontaria) attitudine mostrata dal famiglio Guillermo (Harvey Guillén) nell'ammazzare i vampiri.

Il servo umano di Nandor (Kayvan Novak), in eterna attesa della vita eterna che il suo padrone gli ha promesso molto tempo fa, ha già fatto fuori un illustre vampiro.

Il barone Afanas (Doug Jones) era stato ucciso da un ignaro Guillermo che, rientrando in casa in pieno giorno, spalancando la porta aveva polverizzato il barone con la luce del sole (risolvendo un problema per tutti gli altri vampiri della casa, ma anche facendoli finire sotto processo).

E poi c'era stato il primo finale di stagione, con la scoperta delle sue origini: Guillermo è un discendente diretto di Van Helsing, il più celebre cacciatore di vampiri.

Ma come? L'uomo che fin da piccolo sogna di diventare un'affascinante creatura della notte, come il suo idolo Armand (Antonio Banderas) in Intervista col vampiro, ha il sangue del più famoso ammazzavampiri di tutti i tempi.

Che fare? Facile: trasformare questa scoperta nel modo di proteggere Nandor e il resto della famiglia dagli attacchi del Consiglio Vampiresco che già ne aveva ordinata l'eliminazione.

Nandor, Nadja (Nastasia Demetriou), Laszlo (Matt Berry) e il vampiro energetico Colin Robinson (Mark Proksch) avranno un nuovo, invincibile guardiano. E per noi, ça va sans dire, sono in arrivo esilaranti avventure da parte di uno dei personaggi più divertenti e azzeccati della serie.

Dopo essere stato bullizzato per un decennio dai vampiri che assiste e protegge, Guillermo sta per ottenere una promozione (virtuale).

Lo ha raccontato a Screenrant il produttore esecutivo Paul Simms: as well as Guillén about Guillermo's season 2 arc. As Simms explained, exploring how Guillermo is processing this new information about his lineage is a large focus of season 2:

Ovviamente, una grande parte di questa stagione è che abbiamo concluso la scorsa stagione con la domanda di Guillermo sull'essere un assassino di vampiri. E se è di fatto un killer di vampiri nel DNA oppure può ancora essere un vampiro. Questo è ciò che rappresenta uno dei più grandi archi narrativi di questa nuova stagione. La sua lotta per capire cosa sia esattamente e come influenza la sua relazione con Nandor.

Chi ha visto, magari più volte - come me - la prima stagione sa che la fuga dagli assassini del Consiglio sarà necessariamente seguita dalla necessità, per Nandor e gli altri, di difendersi da attacchi successivi.

FXWhat We Do in the Shadows: Guillermo
What We Do in the Shadows: il famiglio di Nandor, Guillermo

Per quanto piuttosto disorganizzato e discretamente ridicolo, l'antico Consiglio dei Vampiri non sembra pronto a mollare. E qualcuno deve pur pagare per la morte di Afanas. Che sia l'esecutore (involontario) materiale Guillermo o il suo padrone, poco importa.

Lo anticipa di nuovo Simms, raccontandoci l'inizio della stagione 2 della serie:

Nella prima scena lo vedi, perché da quando i vampiri sono fuggiti dal consiglio - e non abbiamo ancora esplorato quel filone o vi abbiamo fatto riferimento - nel tempo intercorso fra le due stagioni il Consiglio ha inviato assassini su assassini per uccidere Nandor, Nadja e Laszlo. E Guilliermo li ha fermati ogni volta, senza che Nandor, Nadja, o Laszlo se ne siano minimamente accorti e continuano essenzialmente a trattarlo come uno schiavo. E questo è molto divertente.

Eccolo, dunque: Guillermo l'ammazzavampiri. Il geniale inizio di una stagione che, proprio come la precedente, si preannuncia ricchissima di scene cult.

Leggi anche

      Cerca