Myst: arriva la serie TV dallo sceneggiatore di X-Men: L'inizio

La celebre avventura grafica Myst, uscita originariamente nel 1993, diventerà una serie TV scritta da Ashley Edward Miller.

Cyan, Inc. Un'immagine tratta dal videogioco Myst

Ashley Edward Miller è stato scelto come showrunner e sceneggiatore del pilot della serie televisiva basata su Myst, il videogioco uscito nel 1993 nonché primo capitolo di una lunga e fortunata serie di avventure grafiche (arrivata a conclusione nel 2007).

Miller è un nome noto agli appassionati di cinecomic, avendo preso parte alla creazione della storia del primo Thor (di Kenneth Branagh, uscito 2011) e di X-Men: L’inizio (il film del 2011 diretto da Matthew Vaughn), oltre ad aver partecipato alla lavorazione di serie come The Sarah Connor Chronicles, The Twilight Zone e Fringe. 

Il gioco è stato creato dai fratelli Robyn e Rand Miller, poi fondatori della Cyan, Inc.. I due parteciperanno al progetto come produttori esecutivi assieme a Delve Media e Village Roadshow (via Deadline).

Per chi non lo sapesse, Myst è un’avventura grafica in prima persona in cui il giocatore è chiamato a risolvere alcuni complessi rompicapo per poter proseguire nella narrazione. Il protagonista - chiamato Lo Straniero - viene in possesso di un antico libro intitolato "Myst" che ben presto lo teletrasporta nella cosiddetta "Isola delle Nebbie", da cui prenderà il via una lunga indagine su un'antica civiltà scomparsa chiamata D’ni. L'unico indizio di partenza nelle mani del personaggio principale è un biglietto scritto da un certo Atrus, contenente alcune istruzioni destinate a una misteriosa donna di nome Catherine.

Poco sotto, il trailer ufficiale del videogioco.

Nel 1997 vide la luce Riven: Il seguito di Myst, mentre nel 2001 fu il turno di Myst III: Exile, ambientato 10 anni dopo gli eventi del seguito ufficiale. Nel 2004 fu invece il turno di Myst IV: Revelation (distribuito da Ubisoft), mentre nel 2005 fu il turno di Myst V: End of Ages. Vi è anche uno spin-off uscito nel 2003, Uru: Ages Beyond Myst, in cui il protagonista non era lo Straniero bensì un nuovo personaggio chiamato a esplorare le rovine della civiltà D'ni.

Tutti i vari capitoli della serie - apparsi originariamente su PC e poi convertiti anche sulle varie console casalinghe dell'epoca - utilizzano sfondi pre-renderizzati, con il giocatore chiamato a spostarsi tra una schermata fissa e la successiva (ad eccezione del capitolo chiamato Uru, in cui era possibile vedere il modello poligonale del protagonista).

Myst è stato per diversi anni il videogioco per PC più venduto di tutti i tempi, un primato superato solo da The Sims nel 2002.

Leggi anche

      Cerca