Star Wars: un plothole sul ruolo di R2-D2 (e la risposta di Mark Hamill)

Lo Star Wars Day si avvicina e sarebbe meglio risolvere la questione prima: ecco quale sarebbe il buco di trama di Star Wars che coinvolge R2-D2!

Lucasfilm R2-D2 e Luke Skywalker in una immagine promozionale di Star Wars

Il prossimo 4 maggio 2020 si svolgerà il May the fourth be with you, ovvero lo Star Wars Day e anche se questo capiterà in un periodo di rinunce (causa Coronavirus) i fan festeggeranno nelle proprie abitazioni, magari godendosi la maratona della saga di Star Wars, disponibile per intero e per la prima volta su Disney+.

Infatti il 4 maggio, il servizio streaming Disney aggiungerà al suo catalogo anche l'ultimo film della saga degli Skywalker, Star Wars: L'Ascesa di Skywalker, in modo che gli appassionati possano rivedere tutti i capitoli di Guerre Stellari che amano.

Chissà se i fan riguarderanno la saga nata nel 1977 pensando al buco di trama che in queste ore sta facendo il giro tra social network e siti web!

Il musicista John Roderick ha pubblicato un tweet nel quale ha scritto che la figlia gli ha posto una domanda alla quale non ha saputo rispondere. Il quesito riguardava la saga di Star Wars e in particolare il ruolo giocato dal droide R2-D2.

Questo personaggio robotico è apparso in tutti i film della saga e nella trilogia prequel, composta dagli episodi I, II e III, è sempre al fianco di Anakin Skywalker, ovvero di colui il quale passerà al Lato Oscuro della Forza e diverrà il temuto Lord Sith Darth Vader.

Nella trilogia originale, composta dagli episodi IV, V e VI, R2-D2 passa molto tempo con il giovane Luke Skywalker, senza mai svelargli che il Sith che sta combattendo è in realtà suo padre.

Qui sotto si può vedere il tweet di Roderick:

Mia figlia ha appena chiesto: 'R2-D2 era lì per tutta la storia e non si è mai fatto cancellare la memoria, quindi perché ad un certo punto non ha semplicemente detto a Luke che Vader era suo padre?' Sono rimasto lì seduto a bocca aperta finché non ha fatto spallucce e se n'è andata.

La risposta di Mark Hamill

Mark Hamill che nell'universo di Star Wars ha interpretato Luke Skywalker ha ribattuto il tweet e ha scritto:

Ho letto questo tweet, ci ho pensato a lungo e intensamente... poi ho fatto spallucce e me ne sono andato.#NonCèUnaRispostaPlausibile

Le possibili risposte

Per quale motivo R2-D2 avrebbe dovuto avvertire Luke? Quale vantaggio, questa rivelazione, avrebbe portato alla lotta contro l'Impero?

Comunicando la verità sul padre di Luke, R2-D2 non solo avrebbe rovinato il film ai fortunati spettatori in sala ma non avrebbe in alcun modo aiutato Luke, né gli avrebbe reso la vita più semplice.

Inoltre, c'è da considerare che R2-D2, anche se è un droide molto particolare, è pur sempre un "ammasso di ferraglia" programmata per uno scopo, che non è in grado di entrare nelle difficili e complesse relazioni umane.

LucasfilmR2-D2 e C-3PO insieme
R2-D2 insieme al suo amico droide C-3PO

Ma ci sarebbe da chiedersi anche: come faceva R2-D2 a sapere che Darth Vader era in realtà Anakin Skywalker e che questo era il padre di Luke?

Il droide, seppure presente sul pianeta Mustafar al momento dell'epico scontro tra Obi-Wan Kenobi e Anakin Skywalker, non ha mai visto Anakin trasformarsi in Darth Vader e potrebbe aver considerato Anakin morto.

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere scrivendo nel box qui sotto!

Leggi anche

      Cerca