Pugilato, rugby, football americano, automobilismo: i migliori film sullo sport

20th Century Studios Il poster di Le Mans '66 - La grande sfida

Adrenalina, dedizione, rivalsa. Lo sport è amato dall'industria cinematografica e questi film ne sono la prova.

Non importa a che livello venga praticato, lo sport è in grado di regalare emozioni uniche. E proprio su queste emozioni hanno puntato (e punteranno anche in futuro) i grandi studi cinematografici che hanno raccontato storie fatte di passione e sacrificio, capaci di coinvolgere completamente il pubblico.

Non si può rimanere indifferenti al furore di Al Pacino in Ogni maledetta domenica. Ed è impossibile non farsi trascinare dalla carica di Sylvester Stallone in Rocky. Ma a ben vedere, non si tratta solo ed unicamente di sport. Alcune pellicole hanno infatti centrato grandi obiettivi (come Premi Oscar e Golden Globe) perché non hanno lasciato nulla al caso. Hanno puntato i riflettori anche sul lato più umano dei protagonisti e affrontato questioni sociali che non possono essere lasciate in disparte.

Nel mare magnum dei film sullo sport, ecco quelli che andrebbero visti almeno una volta.

Ogni maledetta domenica

La morte dello storico proprietario fa sprofondare gli Sharks, squadra di football americano allenata da Tony D'Amato (Al Pacino). Una crisi di risultati da cui sembra impossibile uscire, resa ancora più complicata dagli attriti tra dirigenza e squadra e tra gli stessi membri del team. Ma non è ancora detta l'ultima parola.

Cast stellare per questa pellicola diretta da Oliver Stone: Al Pacino, Cameron Diaz, Dennis Quaid, Jamie Foxx e Aaron Eckhart per citarne alcuni. Memorabile il discorso motivazionale del coach D'Amato (anche grazie all'eccellente doppiaggio di Giancarlo Giannini), poco più di quattro minuti da ascoltare e ascoltare ancora.

Million Dollar Baby

Diretto e prodotto da Clint Eastwood, il film racconta la storia dell'ex cameriera Maggie Fitzgerald (Hilary Swank), la più grande scoperta sul ring di Frankie Dunn (Clint Eastwood) e Eddie Durpis (Morgan Freeman). Nel cast anche Mike Colter (Luke Cage) e Anthony Mackie, il Falcon del Marvel Cinematic Universe prossimamente in The Falcon and the Winter Soldier su Disney+.

Million Dollar Baby ha conquistato ben quattro Premi Oscar: miglior film, miglior regia, miglior attrice protagonista e migliore attore non protagonista.

Le Mans '66 - La grande sfida

James Mangold descrive lo scontro tra le scuderie Ford e Ferrari per aggiudicarsi la 24 Ore di Le Mans del 1966. Non potendo più sopportare il dominio della Cavallino Rosso, Henry Ford II mette in piedi un team per realizzare un nuovo prototipo. Le due punte di diamante sono Carroll Shelby (Matt Damon) - ex pilota - e Ken Miles (Christian Bale), pilota talentuoso ma dal carattere per nulla facile.

Foxcatcher

I giochi olimpici di Seul del 1988 sono alle porte e il miliardario John du Pont (Steve Carell) vuole dar vita ad una squadra in grado di dire la sua all'atteso evento sportivo. Non ci pensa due volte il campione di lotta libera Mark Schultz (Channing Tatum), che considera questa la migliore occasione per allontanarsi da suo fratello Dave (Mark Ruffalo).

Ma in Foxcatcher (cinque nomination ai Premi Oscar 2015) non c'è solo lo sport, anzi. La pellicola è ispirata a fatti realmente accaduti, un adattamento dell'autobiografia 'Foxcatcher - Una storia vera di sport, sangue e follia' di Mark Schultz.

Tonya

Ancora una storia vera, questa volta però della pattinatrice sul ghiaccio Tonya Harding, magistralmente interpretata da Margot Robbie (Birds of Prey). Segnata da una madre più che severa (Allison Janney), Tonya riesce ad incantare sul ghiaccio, nonostante sia ritenuta sgraziata e mascolina. Poi lo scandalo per una vicenda che ha dell'incredibile. Nel cast anche Sebastian Stan (The Falcon and the Winter Soldier), Bobby Carnevale e Caitlin Carver.

Fuga per la vittoria

Seguendo il filone delle pellicole basate su fatti realmente accaduti (in questo caso la 'partita della morte' del 1942 a Kiev), è il turno di Fuga per la vittoria.

Ambientata nel 1942, in piena Seconda Guerra Mondiale, il maggiore nazista Von Steiner organizza una partita di calcio con John Colby (Michael Caine) - ex calciatore inglese prigioniero in un campo di concentramento -, opportunità che non vuole lasciarsi sfuggire il regime per mostrare al mondo la superiorità sugli Alleati. Nella squadra di Colby spiccano Luis Fernandez (Pelé) e Robert Hatch (Sylvester Stallone), tutti intenzionati a scappare durante l'intervallo del match allo stadio Colombes di Parigi. Non tutto però va secondo i piani.

Invictus

Dopo la prigionia durata ventisette anni, Nelson Mandela (Morgan Freeman) diventa il primo presidente nero del Sud Africa. La pacifica convivenza tra sudafricani bianchi e di colore sembra irraggiungibile, nonostante l'abolizione dell'apartheid, ma Mandela vede nel rugby un'opportunità per mettere la parola fine alle ostilità. Riuscirà un'intera nazione ad identificarsi nella squadra degli Springboks, guidata dal capitano Fraçois Pienaar (Matt Damon)? La risposta ai Mondiali di Rugby del 1995, proprio in Sud Africa.

Toro Scatenato

In questo capolavoro di Martin Scorsese, Robert De Niro è il pugile italo-americano Jake LaMotta, ruolo che è valso all'attore statunitense il Premio Oscar al migliore attore alla cerimonia del 1981. È la storia del campione mondiale dei pesi medi, dei suoi successi sul ring e dei problemi di una vita privata molto discussa. Al fianco di De Niro il candidato all'Oscar come migliore attore non protagonista Joe Pesci, nei panni del fratello nonché manager di Jake.

Rocky

Il leggendario primo capitolo di una saga che ha conquistato milioni di persone. Rocky Balboa (Sylvester Stallone) è un pugile italo-americano di Philadelphia che con dedizione, impegno e tenacia riesce a superare i suoi limiti e a raggiungere il suo obiettivo. E poi ci sono Apollo Creed, Adriana, Paulie e Mickey. Non c'è bisogno di aggiungere altro.

Cinderella Man

Restiamo sul pugilato con Cinderella Man, pellicola sui successi di Jim Braddock (Russell Crowe). In un clima per nulla favorevole per la città di New York e per gli Stati Uniti in generale (la Grande depressione del 1929), il pugile irlandese riesce a far sognare il popolo statunitense. Nel film diretto da Ron Howard anche Renée Zellweger e Paul Giamatti.

Titans - Il sapore della vittoria

Virginia, 1971. Herman Boon (Denzel Washington) viene scelto come nuovo allenatore della squadra di football della T.C. Williams High School. Il suo vice-allenatore è Bill Yoast (Will Patton), chiesto a gran voce dai giocatori bianchi. Il radicato razzismo mette a dura prova la stabilità della squadra, ma lo sport - è risaputo - ha grandi poteri.

The Wrestler

Al famoso wrestler Randy 'The Ram' Robinson non restano che le performance sul ring. Difficoltà economiche, separazione dalla moglie, crisi del rapporto con sua figlia (Evan Rachel Wood), abuso di steroidi e un gravissimo infortunio lo mettono al tappeto, ma il lottatore interpretato da Mickey Rourke (candidato al Premio Oscar e vincitore di un Golden Globe) vuole a tutti i costi risentire il calore del pubblico.

Leggi anche

      Cerca