Speciale Scrubs: omaggio a Ted, in affettuoso ricordo di Sam Lloyd

Impossibile non amarlo: Sam Lloyd, interprete dell'avvocato Ted Buckland in Scrubs, era un attore pieno di talento. Ci ha lasciati a soli 56 anni: ricordiamolo insieme.

Non è un mistero: è una delle mie serie preferite in assoluto. Con mio marito, parlo per citazioni di Scrubs, e lo stesso faccio con mio nipote.

Avrò visto l’episodio pilota 60 volte, senza esagerare, e ancora mi fa ridere. 

Conosco ogni stagione a memoria - esclusa la nove, naturalmente, perché per noi fan della prima ora l’ottava è l’ultima - eppure, ogni volta che il dottor Cox (John C. McGingley) spiega a J.D. (Zach Braff) il corretto dosaggio del Tylenol, o si esibisce nel monologo sul nano da giardino, rido.

Creata da Bill Lawrence nel 2001, la serie ha dato vita a un gruppo di personaggi indimenticabili anche grazie ai loro straordinari interpreti.

Fra questi c’era anche Sam Lloyd - nipote del celebre Christopher Lloyd, il Doc di Ritorno al futuro - interprete dell’avvocato dell’ospedale Ted Buckland, di fatto la vittima sacrificale del dottor Kelso (Ken Jenkins).

Due giorni fa è arrivata la tragica notizia della morte di Sam Lloyd, stroncato il 1° maggio 2020 da un tumore al cervello, inoperabile, che gli era stato diagnosticato circa un anno fa. Aveva solo 56 anni.

Ted è certamente il suo personaggio più famoso e più amato, ma non era certo l’unico nella lunga carriera di Lloyd, che sul set di Scrubs ci aveva deliziati anche con le sue esibizioni musicali.

Nato il 12 novembre del 1963 in una cittadina del Vermont, Samuel Lloyd aveva debuttato nel 1988 nella sitcom di culto: Giudice di notte.

La TV si era dimostrata da subito il suo ambiente ideale, il luogo perfetto in cui esplorare il suo innato talento per la comicità.

Nel 1990 era stato protagonista di City, per poi comparire in Matlock, Seinfeld, Innamorati pazzi e debuttare nel cinema con il film Sol Levante.

Gli appassionati della comedy di qualità lo sanno bene: Sam Lloyd era apparso praticamente in tutte le serie di grande successo, da Una famiglia del terzo tipo a Spin City, senza dimenticare titoli importanti come NYPD Blue, West Wing - Tutti gli uomini del Presidente, Desperate Housewives, Bones, Shameless e Modern Family.

Bill Lawrence l’aveva voluto con sé anche in Cougar Town, ma il suo ruolo più amato resta quello del rappresentante legale del Sacro Cuore, uomo perennemente terrorizzato da ogni genere di responsabilità e appassionato di canto a cappella, pronto a esibirsi in ascensore con la sua band per allietare il viaggio di medici e infermieri fra un piano e l’altro.

Ted era l’esasperazione dell’uomo comune schiacciato dal sistema, dai bulli, dagli arroganti, dall’ingiustizia. E non si poteva non amarlo. In ciascuno dei 93 episodi ai quali aveva preso parte, e che noi potremo sempre continuare a vedere e rivedere con affetto.

Perché tutti lo prendevano in giro, ma noi eravamo sempre dalla sua parte.

Sempre.

A dare la notizia della sua morte è stato Zach Braff, il collega e amico di tante avventure, che l’ha diffusa sui social con un suo ricordo.

Condividendo le sue parole, Zach Braff ha interpretato il pensiero di tanti fra i fan di Sam Lloyd: era pieno di talento, ci faceva sempre divertire e non aveva paura di prendersi in giro.

Ci mancherà, tanto... Ma non lo dimenticheremo mai.

Vero? 

Leggi anche

      NoSpoiler Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità

      Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Accetta e continua per prestare il consenso all'uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi . Potrai consultare le nostre Informativa privacy e Policy sui cookie aggiornate in qualsiasi momento.