Dov'è stata girata Summertime? I luoghi e le location della serie Netflix

Netflix Il cast di Summertime

Il molo di Marina di Ravenna, la ruota di Cesenatico, gli angoli splendidi di Roma: le location di Summertime sono già iconiche.

Una storia d’amore d’estate, tra le file di ombrelloni e i giri in moto per la riviera: Summertime racconta un Sapore di mare contemporaneo, dell’era dei social. 

La dichiarata ispirazione di Tre metri sopra il cielo riprende le fila di un amore (più o meno) impossibile: quello della studentessa Summer, che perde la testa per il campione di motociclismo in crisi esistenziale Ale.

I personaggi sono meno netti ed epici di Tre metri sopra il cielo, ma l’ambientazione è più particolare: non più Roma, con i suoi splendori e la sua epicità (anche se appare comunque, in un episodio, forse come omaggio all'idea originaria) ma la riviera romagnola, una delle classiche destinazioni per le vacanze. I protagonisti vivono a Cesenatico e vivono i primi amori (o quasi) in corrispondenza con l’arrivo dell’estate.

La fotografia accurata e supersaturata è in grado di sublimare i luoghi della riviera adriatica, che sembrano più belli che dal vivo. Come fa notare qualcuno su Twitter, il mare della serie è così blu che sembra in technicolor.

Summertime esalta gli angoli più belli della Romagna, senza dimenticare una strizzata d’occhio allo street food che rende le località di riviera celebri, come la piadina, e concentrandosi sulle file di ombrelloni colorati, i moli, le onde schiumose, il Grand Hotel sulla spiaggia, le stradine di campagna da percorrere in skateboard o bicicletta.

Per questa valorizzazione del territorio, Netflix e Cattleya hanno collaborato con l’Emilia-Romagna Film Commission per allestire il set di Summertime.

Ecco tutte le location da scoprire.

Marina di Ravenna

Il molo, le spiaggette sassose, il lungomare sono ambientati a Marina di Ravenna, frazione marittima della città di Ravenna.

L’assetto urbanistico del paesino risale agli anni ’30, anni in cui Marina di Ravenna si è affermata come località turistica: linee pulite, geometrie perfette, colori chiari incorniciano perfettamente il mare. È stata una delle cittadine balneari a inaugurare il trend dell’happy hour nel 1993, offrendo bevande alcoliche o analcoliche a metà ai bagnanti.

I piccoli chiringuito, gli angoli marinari, i bagni (grande tradizione della riviera romagnola) popolati dai ragazzi di Summertime rappresentano il cuore della zona turistico-balneare, e che ritroviamo in altri comuni come Cervia o Milano-Marittima.

Il lungomare appare e riappare come centro nevralgico di ritrovo per i ragazzi, Ale e gli amici.

La presenza della pineta, che avvolge come uno scrigno la località, interviene spesso nella serie. Per raggiungere Ale o gli altri amici, Summer attraversa sentierini sterrati in mezzo alla vegetazione rigogliosa, ai canali e ai piccoli laghi.

In tante scene appare la diga Benigno Zaccagnini, molto frequentata dai locali e dai turisti per le passeggiate, in tutte le stagioni. 

Il molo, presenza iconica in Summertime, si chiama “la palizzata”, ed è un luogo storico di ritrovo per giovani, come il classico baretto, locale-simbolo di Ravenna.

Il baretto, che si trova sul Canale Candiano, è nato come piccolo chiosco tra il canale e il mare, che si colloca a breve distanza. Esiste dagli anni ’50, quando fu aperto da Adriano Sacchetti, per diventare centro della movida negli anni ’90. Nel 2008 venne demolito per i lavori delle autorità portuali sul molo, per riaprire nel 2019.

La caratteristica di Ravenna è la presenza dei canali che collegano la città con il mare, gli stessi canali che vediamo spuntare in tanti momenti romantici, parallelamente alle spiagge, i campi da beach volley e ai capanni da pesca.

Marina di Ravenna è nota anche per il suo porto, un porto turistico e caratteristico che attira turisti e villeggianti e spunta in diverse scene della serie. 

Cesenatico

La vicenda della serie è ambientata a Cesenatico, una delle località balneari più celebri della riviera romagnola, con una spiaggia grandissima e un borgo caratteristico, che richiama le proprie origini da villaggio di pescatori.

I suoi chilometri di spiagge sabbiose popolate dalla tradizione colorata e allegra dei bagni (che alla fine dell’estate chiudono gli ombrelloni in un giorno di temporale, proprio come accadeva a Sapore di mare), dei bar e delle attività ricreative rappresentano una pennellata di solarità e allegria e richiamano il mood dell’estate.

La cittadina appare nella forma del suo Bagno Paradiso, cuore delle giornate calde e assolate dei mesi estivi, il luogo dove Summer e gli amici Edo e Sofi si ritrovano e Isabella lavora. La vita quotidiana di un bagno, con la spiaggia, il bagnasciuga, i lettini e gli ombrelloni, le docce, il bar, il calcetto, torna con tutta la sua leggerezza per simboleggiare le cotte, i sogni e le magie dell’estate.

Riconosciamo anche piazza Andrea Costa, dove si trova la grande ruota panoramica sotto la quale spesso Summer sosta ascoltando la sua musica in cuffia, ma anche i bazar che vendono gonfiabili, snack, creme e ciabattine e naturalmente il lungomare.

Spicca anche il Grand Hotel Cesenatico, fondamentale per la narrazione, perché è il posto di lavoro di Summer, dove incontra la direttrice Laura, mamma di Ale, e soprattutto Ale, che s’inventa un impiego come facchino solo per starle vicino.

Il Grand Hotel Cesenatico risale al 1929 e sorge su un palazzo liberty, storico, rifinito ed elegante, con una grande piscina a pochi metri dalla spiaggia e camere lussuose.

La location ospita anche eventi, cerimonie e in particolare matrimoni.  

Roma

All’interno di una storia completamente ambientata sulla riviera adriatica, non manca un break romano, una gita speciale che Ale organizza per Summer per due motivi: per portarla a vedere dove lui è nato e per tentare di farle incontrare suo padre, un trombettista impegnato in un concerto jazz.

Forse è anche un omaggio a Tre metri sopra il cielo, cult giovanile ambientato proprio nella capitale. In ogni caso, il romantico daytrip di Summer e Ale avviene in moto, in una sola giornata. La coppia scopre le meraviglie della città attraverso tanti scorci bellissimi e monumenti storici, dal Colosseo a Fontana di Trevi ma soprattutto al Teatro Marcello, che sorge a Campo Marzio e risale all’epoca augustea. Proprio qui, nello spazio riadattato a luogo per eventi e concerti (la rassegna prende il nome di Concerti del Tempietto), Ale porta Summer a vedere esibirsi suo padre (che in realtà è tornato a casa, a Cesenatico, per stare vicino alla sorella dopo che ha subito un incidente).

Nell’atmosfera magica e suggestiva assistiamo al concerto della guest Raphael Gualazzi, che nella finzione rappresenta un componente della band di Anthony Bennati. Qui proprio Gualazzi si esibisce al pianoforte sulle note della canzone che ha dato il nome alla protagonista: Summertime dei Gershwin.

NetflixGualazzi in una scena di Summertime
Il cameo di Gualazzi

Vi è piaciuta questa ambientazione fresca ed estiva per la serie Netflix?

Leggi anche

      NoSpoiler Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità

      Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Accetta e continua per prestare il consenso all'uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi . Potrai consultare le nostre Informativa privacy e Policy sui cookie aggiornate in qualsiasi momento.