White Lines: Ibiza e le location dov'è stata girata la serie

Netflix Il cast in una delle location suggestive della serie Netflix White Lines

Incredibile ma vero: la nuova serie di Álex Pina, che ha Ibiza e i suoi club come fulcro narrativo della vicenda, non ha come location principale l'affollata patria della vita notturna delle Baleari.

White Lines, l'atteso ritorno di Álex Pina post La casa di carta con il team produttivo di The Crown, è sbarcata su Netflix. La prima stagione della serie, composta da dieci episodi, è disponibile sulla piattaforma streaming e sta facendo discutere per la trama – un caotico thriller alla luce del sole del Mediterraneo tra rave, orge e cocaina – e per un cast indovinato che vede spiccare, tra tutti, uno scatenato Daniel Mays.

La vicenda al centro di White Lines è molto semplice: Zoe (Laura Haddock) è una donna di Manchester che vola ad Ibiza per identificare il corpo ormai mummificato di suo fratello Alex (Tom Rhys Harries), un DJ di musica elettronica scomparso vent'anni prima. Quello che Zoe non sa è che Axel aveva una complessa rete di relazioni e amicizie che si muoveva (e continua a farlo) nel mondo dei club EDM, delle discoteche alla moda e soprattutto del traffico di droga.

L'aspetto bizzarro della serie è che, a differenza di The Crown e La casa di carta, è un labirinto di generi e stili, tutti incastrati in un unico prodotto. D'altronde White Lines poggia proprio su una natura ibrida: combina sesso e musica, melodramma e commedia, passato e presente, malinconia di oggi e nostalgia degli anni '90, ed è metà spagnola e metà britannica. 

Le riprese sono avvenute da giugno ad ottobre 2019. Ma quali sono le autentiche location dello show?

Incredibile ma vero: Ibiza non è stato il set principale della serie, anzi. Ecco tutto quello che c'è da sapere sulle ambientazioni del thriller prodotto da Vancouver Media e Left Bank Pictures.

Il mare cristallino di… Maiorca

White Lines, come già accaduto per Turn Up Charlie, è stata girata soprattutto a Maiorca. L'isola più grande dell'arcipelago delle Baleari fa da sfondo alle indagini di Zoe: le spiagge che vediamo sono quelle di Peguera, Palma, la baia di Pollença, Santa Maria, Valldemossa, Portocolom e Ses Salines, la punta Sud di Maiorca.

Nella baia di Pollença, a Sa Fortalesa, è situata la mega-villa in cui si festeggia il compleanno di Alex: è una vera e propria fortezza, costruita nel 1628 per proteggersi dalle invasioni arabe e comprata nel 1919 da un artista argentino, che l'ha trasformata in una residenza per le avanguardie artistiche dell'epoca. Nel 2011 la magione, già vista nella serie The Night Manager, è stata acquistata da un banchiere britannico per 40 milioni di euro. 

Il chiringuito Illeta, il bar ristorante di Oriol, è sulla spiaggia Camp de Mar a Andratx.

La villa di Marcus si chiama invece Can Pirata: si trova a Cala d'Or e (quando sarà possibile) è disponibile per periodi di vacanza su Airbnb.

Airbnb Uno scorcio della villa Can Pirata a Cala d'Or

Altre due location suggestive scelte dalla produzione sono la Calobra, una cala del comune di Escorca, e Cala S'Estaca, una caletta nella zona nord-orientale dell'isola famosa per essere stata scelta da Michael Douglas come meta delle sue vacanze estive.

Uno scorcio incontaminato che si osserva nella serie è Cala Figuera, nel municipio di Santanyí all'estremità della penisola di Formentor.

La magione della potente famiglia Calafat è invece situata a Son Oliver, nella valle di Coanegra, nel comune di Santa Maria del Camí.

View this post on Instagram

Batucada , dimonis y correfocs ! Un espectáculo brutal . Que jamás se pierdan las tradiciones . Estaba dando un paseo cuando me encontré con mill demonios y aspersores de luz y fuego . Brutal ! Batucada is the name of this celebration in Mallorca . Thousand of children run in the street dress as devils and run with fire . Is an espectacular event that hopes remains in our culture for ever . I was walking around my house when I saw them by accident . An amazing experience! . . . #traditionalfestivals #santamariadelcami #festival #mallorcafestival #mallorca #fiestademoni #butacada #tradicionalparty #fireparty #fire #wowphotographers #wowphotography #amazingphoto #greatphoto #uniquemoment #bestphoto #photowinner #travelphotography #celebration #mallorcahistory #coolphoto #incrediblycoolevents #fiesta #fiestademonios #oldtradition #ruralfestivals #eventstyle

A post shared by photographer / Designer (@susansuellphoto) on

Ibiza e un mare di polemiche

La vera Ibiza è ovviamente presente nella serie, soprattutto nei flashback degli anni '90.

Il posto preferito di Alex è la Torre den Rovira, una torre d'avvistamento e difesa risalente al 1763 e situata fra Platges de Comte e Cala Bassa.

Il ristorante che fa da punto d'incontro per Marcus nel secondo episodio è a Port Esportiu, il porto di Marina d'Ibiza dal quale è possibile ammirare Dalt Vila, il centro storico e cuore arabo dell'isola.

Ma perché Netflix non ci ha girato interamente White Lines? Troppo costoso? No, la ragione è un'altra: probabilmente l'Ibiza Film Office, l'ufficio film del Consell Insular d'Eivissa, non ha concesso il supporto alle riprese ipotizzando un danno d'immagine all'isola, dipinta come un covo di droghe, corruzione e feste folli.

Ibizia è reduce dall'"Ibiza-gate", lo scandalo politico che ha fatto cadere il governo di ultra-destra del vice cancelliere Heinz-Christian Strache (l'ex leader dell'Fpoe è apparso mezzo ubriaco in un video in cui tentava di corrompere una presunta ereditiera russa per finanziare il suo partito) e ha portato l'Austria alle urne.

Nel 2015, l'amministrazione locale si era già opposta alle riprese di Ibiza Shore: la versione baleare di Jersey Shore è saltata (Magnolia l'ha poi trasformata in Super Shore, con set a Madrid) quando MTV si è trovata di fronte alle proteste dei residenti e alla presa di posizione dell'assessore al Turismo, Gloria Corral, secondo la quale "il programma cerca solo di degradare l'immagine di alcune destinazioni turistiche".

Subito dopo l'approdo su Netflix, molti spettatori si sono accorti dell'"inganno". In una scena in particolare, infatti, si nota che siamo a Maiorca e non ad Ibiza: quando, nel quarto episodio, appare il Tito's, storica discoteca di Palma sul Paseo Marítimo.

Ma non finisce qui: gli esterni di Es Trenc, la famosa spiaggia "caraibica" di Maiorca, vengono fatti passare per Platges de Comte, la spiaggia di Cala Conta a Ibiza.

View this post on Instagram

🏝 Es Trenc - Mallorca ☀️ . 🇩🇪 Farben wie in der Karibik. Glasklares Wasser und die Sonne glitzert in Meer. Einfach traumhaft schön 😍. Wann kommst du wieder nach Mallorca? . 🇬🇧 Colors like in the Caribbean. Crystal clear water and the sun sparkles in the sea. Simply gorgeous 😍. When will you come back to Mallorca? . 📸 Dieses schöne Bild haben wir von unserer Followerin @ja_he811 bekommen. Vielen lieben Dank dafür ☺️👍☀️🏝. . 📷 HAST DU AUCH TRAUMHAFTE BILDER VON DER INSEL? Dann schick sie uns. Wir möchten auch deine Erinnerungen und Erfahrungen mit Mallorca teilen. ✌🏻 Sonnige Grüße ☀️ . Täglich tolle Reiseangebote für Mallorca findest du auf unserer Internetseite (Link in unserer Bio) . #mallorca #majorca #majorque #malle #mallorcaisland #mallorcagram #unlimitedmallorca #ig_mallorca #malleistnureinmalimjahr #mallorcaparadise #maiorca #mallorca2019 #Майорка #estrenc #estrencbeach #caribean #traumstrand #glasklar #blauesmeer

A post shared by Die Insel, die Sonne und DU ☀️ (@dream_of_mallorca) on

Madrid, Almeria e Manchester

Il resto delle località che si vedono in White Lines sono sparse tra Madrid, Almeria e Manchester.

Il luogo in cui viene ritrovato il corpo di Alex è il deserto di Tabernas, storica location andalusa e patria degli spaghetti western: fu lì che Sergio Leone girò Per un pugno di dollari, Per qualche dollaro in più, Il buono, il brutto, il cattivo e C'era una volta il West.

Un altro set naturale della zona sfruttato per il primo episodio, come rivela il sito Atlas of Wonders, è il parco a tema Fort Bravo Texas Hollywood.

Quanto alla "Rain City", la Manchester del 1996 che appare nei flashback è quella all'angolo tra Eustace Street ed Ena Street a Bolton. L'aula di tribunale è a Liverpool: si tratta della Crown Court all'interno di St George's Hall.

Álex Pina, in un'intervista concessa a Esquire, ha spiegato che, nonostante tutto, le autorità baleari hanno fornito alla produzione ogni struttura richiesta.

Abbiamo avuto un ottimo rapporto con la Mallorca Film Commission. La finzione è finzione e si sa perfettamente che ciò che accade lì è il risultato della creatività. Sarebbe molto difficile per le autorità provare a esercitare la censura o il controllo su una finzione, che non è altro. Penso che oggi le autorità lo capiscano.

La spiegazione migliore l'ha però data Juan Diego Botto, l'attore spagnolo che nella serie interpreta Oriol Calafat, in un'intervista a Diario de Mallorca.

L'isola funziona come una metafora, una sorta di Itaca idealizzata nella quale i personaggi volevano andare e vogliono tornare. È uno spazio idealizzato di sensualità, musica e amore: un paradiso promesso.

Se ci sarà, dove verrà girata (e cosa accadrà) una ipotetica seconda stagione?

Leggi anche

      Cerca