The Witcher: Henry Cavill svela come si è allenato per diventare Geralt

Henry Cavill si è trasformato in Geralt di Rivia per la serie The Witcher su Netflix: l'attore britannico ha rivelato l'allenamento seguito per vestire i panni dello strigo.

Netflix Henry Cavill in una scena di The Witcher su Netflix

L'attore britannico Henry Cavill è diventato noto, nelle sue interpretazioni, non solo per le doti di recitazione, ma anche per il fisico scultoreo che, non a caso, gli è valso tra gli altri il ruolo di Clark Kent nel DC Extended Universe. Intervistato dalla rivista Men's Health, l'artista ha raccontato in che modo si sia allenato per vestire i panni di Geralt di Rivia nella serie The Witcher di Netflix, che ha esordito lo scorso dicembre con la sua prima stagione.

A preparare l'attore per il ruolo dello strigo è stato Dave Rienzi, che in passato ha lavorato anche con The Rock. Come raccontato da Cavill, la più grande difficoltà è stata il bisogno di trovare un equilibrio tra l'affaticamento, il lavoro sul set e riuscire a evitare piccoli infortuni:

Dal momento che mi stavo allenando duramente in palestra per tutto il tempo, è diventato difficile riuscire a guarire qualsiasi infortunio. Stressi i muscoli talmente tanto che quando sei super disidratato e stanco, alla fine della giornata, possono succedere alcune piccole cose – come stiramenti muscolari, che non se ne vanno mai davvero via.

Oltretutto, gli impegni di Cavill sul set erano tutt'altro che permissivi e hanno reso ancora più complicato trovare una costanza e una scaletta per i suoi allenamenti. Come spiegato dall'attore:

[Dave Rienzi] ha dovuto trovare un modo per farmi mettere massa muscolare, senza però distruggermi completamente tutti i giorni. Ma, ovviamente, è una cosa che ti distrugge: dopo otto mesi di riprese ero conciato abbastanza male, ma ce l'abbiamo fatta. Non è stato facile, per niente, ma Dave Rienzi sa il fatto suo ed è un eccellente allenatore.

A rendere ancora più ostica l'idea di allenare Cavill per la parte di Geralt è il fatto che l'attore, pur dovendo mettere massa muscolare, dovesse rimanere il più agile possibile – essendo uno che lavora senza controfigure e che esegue personalmente i suoi stunt. Per questo, Rienzi ha raccontato di averlo allenato in modo "funzionale", concentrandosi soprattutto sulla sala pesi, in un "ibrido tra allenamento per il body building e quello atletico e funzionale, concentrato sulle tecniche di attivazione muscolare e sulla mobilità".

Tenendo conto di questa necessità, Rienzi ha preferito far lavorare Cavill con pesi medi, anziché particolarmente pesanti, in maniera tale da estendere il tempo passato sotto tensione dal muscolo: il risultato di questa procedura, racconta, è una crescita maggiore.

Gli allenamenti vedevano l'attore impegnato per cinque giorni la settimana, ma agli sforzi in palestra dovevano aggiungersi anche sei giorni di cardio rapido alla settimana per bruciare i grassi – in maniera tale che il metabolismo potesse favorire il recupero e la crescita muscolare.

Sicuramente il lavoro e il sacrificio fatti da Cavill hanno pagato in scena: il suo Geralt è stato particolarmente apprezzato, anche per il perfetto physique du rôle esibito dall'attore.

The Witcher è una serie Netflix in otto episodi che si ispira ai racconti di Andrzej Sapkowski contenuti nei volumi Il Guardiano degli Innocenti e La Spada del Destino, anche se gli autori hanno optato per alcuni cambiamenti. Realizzata dalla showrunner Lauren S. Hissrich, la serie vanta nel cast anche Freya Allan (Ciri) e Anya Chalotra (Yennefer di Vengerberg) e ha in cantiere una seconda stagione, dopo l'ottima accoglienza avuta dalla prima.

Di recente The Witcher è stata anche protagonista di alcuni video dietro le quinte che hanno svelato in che modo siano stati realizzati i mostri prima, e a quali leggende folkloristiche si isprino poi. Oltretutto, è già stato reso noto che nella prossima stagione vedremo arrivare nel Continente anche una ulteriore terribile creatura ben nota a chi conosce i videogiochi della saga.

Leggi anche

      Cerca