9-1-1 episodio 3x12: un nuovo monito sul senso di responsabilità

9-1-1 torna con un episodio incentrato sul senso di responsabilità individuale, con un messaggio importante: quando si tratta di crimini, la responsabilità non è mai della vittima. I criminali malvagi dovrebbero assumersi le loro responsabilità, sempre.

A volte ritornano. E non è una buona notizia: dopo averlo quasi ucciso, cementandogli la testa in un microonde per guadagnare follower, i ragazzi delle (stupide) sfide su internet sono tornati. E al solito malcapitato, stavolta, sono quasi schizzati gli occhi fuori dalle orbite.

Il messaggio del primo caso di questo nuovo episodio di 9-1-1, in prima visione assoluta su FOX, è chiarissimo: il senso di responsabilità individuale, tema drammaticamente attuale di questi tempi, è al centro della narrazione. E rappresenta un monito: non dovremmo mai, mai correre dei rischi - si tratti di imprese pericolose o di contagio da Covid-19 - per situazioni non necessarie.

O per mancanza d'attenzione. O per semplice, ineluttabile stupidità. E non a caso, il titolo originale è Fools (stupidi, appunto).

Dalla follia all'amore, passando per l'imbarazzo

Il senso di responsabilità fa da filo conduttore a tutti gli eventi dell'episodio, incluso l'incidente del piccolo Christopher a scuola con lo skateboard.

Eddie (Ryan Guzman) se la prende eccessivamente con l'insegnante di Chris, l'affascinante signorina Ana Flores (Gabrielle Walsh), che l'aveva colpito al loro primo incontro.

E come se non bastasse, subito dopo, l'assurda sequenza del primo appuntamento andato, diciamo così, malino, dopo il match online tramite un'app, richiama sempre allo stesso, immancabile monito: il senso di responsabilità. 

Perché va bene essere imbarazzati, ma da qui a incastrarsi in una finestra ce ne passa, giusto?

Imprese assurde e insensate, azioni avventate causate dall'imbarazzo, scelte dettate dalla stupidità o dalla mancanza di riflessione.

Ma non c'è solo questo: c'è anche il caso in cui ci si rifiuta di affrontare le proprie responsabilità.

Evitare di affrontare la responsabilità. Buoni e cattivi

Il caso della donna che sta male per un proiettile che ha in corpo da diverso tempo, senza mai averlo denunciato prima, cela la decisione del marito di evitare la propria responsabilità.

Affinché il messaggio sia completo, però, manca qualcosa. Manca un evento che ci tocchi da vicino. Ecco perché tocca a uno dei personaggi che conosciamo e amiamo: Josh (Bryan Safi), il collega di Maddy (Jennifer Love Hewitt) al 911, che si comporta in modo apparentemente irresponsabile. Si apparta con un uomo appena conosciuto. Pur esitando, segue l'uomo che ha incontrato per un finto primo appuntamento e finisce per farsi massacrare da due omofobi.

Attenzione, però: la responsabilità, qui, non è di Josh. La responsabilità delle mostruose azioni compiute nei suoi confronti è solo dei due aggressori. Perché fidarsi di qualcuno appena conosciuto non significa essere irresponsabili, significa solo essere, semmai, troppo ingenui.

Sì: anche i malvagi sono colpevoli di mancanza di responsabilità individuale, solo che ne sono perfettamente consapevoli.

E le loro vittime non dovrebbero mai, mai assumersi la responsabilità delle azioni dei malvagi. Questo ci ha detto il nuovo episodio di 9-1-1.

Appuntamento alla settimana prossima!

Leggi anche

      Cerca